Country Bunker Medicine Show

Lunedì 21 Giugno 2021

Lone Stars – John PayCheck
Sunbonnet Sue – The Fort Worth Doughboys
Feathered Indians – Tyler Childers
Boogie Chillen – John Lee Hooker
Faustina – John R. Miller
Can You Hear Me Knocking – Summer Dean
Clayton Was a Cowboy – Jesse Daniel
People Like Me – Creed Fisher
El Camino Lounge – Bo DePeña

Sabato 19 Giugno 2021

Lovesick Hillbilly – The Bill Miles Band
Jukebox and a Country Song – Doug Stone
Carry Me Across the Mountain – Dan Tyminski
Theme From Rawhide – The Blues Brothers
Wishful Drinkin’ – Alan Jackson
All. Right. Now. – Satsang
Our Love Is Done – Hannah Juanita
You Don’t Have to Try – Dylan Wallace
Living Left to Do – Joe Mullins & The Radio Ramblers

Venerdì 18 Giugno 2021

Country Boy Lovin’ – Dillon Carmichael
Every Time I Look At You – Blake Shelton
Lost the Top – Cody Bolden
Gettin’ By – Flatland Cavalry
It’s About to Get Western – Bo DePeña
New Tattoos – South Texas Tweek
Every Minute Means a Mile – Lonesome River Band
Learning How to Love – Kyle LaLone
What Ain’t To Be Just Might Happen – Rhonda Vincent
Where the Corn Grows – Blake Wood
Doin’ time in Nashville – Cody Walker

Giovedì 17 Giugno 2021

Red Dirt Dream – JD Edge
If Tomorrow Never Comes – Garth Brooks
The Old School Road – The Grass Cats
Weary Cowboy – The Hard Road Trio
Save Us Both Some Time – The Honky Tonk Heroes & James Burton
Texas Dance Halls – Jack Nelson Band
Lightning – Kason Layne
Whisky River – The Kentucky Cow Tippers
Breakin’ on the Jimmy Ridge – Larry Cordle
Wanna Go Too Fast – Little Jane & The Pistol Whips
Luck & Lightning – Mack McKenzie

Mercoledì 16 Giugno 2021

The Most Reckless Thing – David Serby
Like a Rolling Stone – Bob Dylan
This Ol’ Heart – Cooper Wade
Rich Girl – Dane Louis
When the Whiskey Calls – The Freightshakers
Stop and Smell the Roses – The Farm Hands
Back to Home – Deep Greens & Blues Johnny’s Music, Billy’s Bible – Davin James
Sleep Talking – Alex Key

Martedì 15 Giugno 2021

Virginia Slims & Little Kings – Cooder Graw
Good Ol’ Boys (From “the Dukes of Hazzard”) – Waylon Jennings
I’ve Got a Tiger By the Tail – Buck Owens & His Buckaroos
The Streets of Abilene – Aaron Ramsey
Strong Drinks for Heavy Hearts – The Bootstrap Boys
Looters (At Jimmy’s Hardware Store) – Buddy Brown
Long Haul Trucking Man – American Drive
Hey Baby, What’s Your Number? – Chance Cody & Spur 503
Starting Over – The Beagle Brothers
Girl in the Sky – The Cleverlys

Lunedì 14 Giugno 2021

Call Me an Outlaw – Dale Harper
Old Man from the Mountain – Merle Haggard & The Strangers
Highway Number One – Adam Harvey
Horseshoe Lounge – The Barlow
Honky Tonk History – Dallas Wayne
Bad Love – Brett Arthur Rigby
Pickin’ and Grinnin’ – Lee Rocker
Memphis – Leroy Gibbons
Meet Me in Memphis – Bo Armstrong
Born Too Late – Chance Howland

Sabato 12 Giugno 2021

Tore-up Junction – Arty Hill and the Long Gone Daddys
I Will Always Love You – Dolly Parton
Lucille – Waylon Jennings
White Lightning Hit the Family Tree – Chris Young
Whiskey – Garrett Simon & The Thomas Creek Band
Bell Mountain – Gethen Jenkins
Birmingham Turnaround – Wesley Dennis
Ain’t It a Shame (When Your Horse Goes Lame) – Wild Earp & The Free for Alls
Kristine – Deer Creek Boys
Marianne – Mipso

Venerdì 11 Giugno 2021

Think Myself To Death – Kyle LaLone
Lovesick Blues – Hank Williams
The Good Life – Bruce Robison
Johnny Walker Home – Randy Howard
Put Down the Bottle – Ray Scott
Beautiful Outlaw – Tyler Booth
What Happened to Country – Allie Bruner
Where The Cottonwood Grows – Alan Jackson
Flint Hills – Hoth Brothers
Pull Over – Mike Johnston

Giovedì 10 Giugno 2021

Monkey Around – Travis Tritt
You Are My Sunshine – Ray Charles
Swingin’ Door – Catherine Britt
It’s Me – Craig Morgan
Good Day to Run – Darryl Worley
The Human Race – Randy Travis
Big River Country – Troy Cassar-Daley
Take It from Me – Scooter Lee
Born Country – Alabama
Honky Tonk World – Chris LeDoux

Martedì 8 Giugno 2021

Letting Go – David Quinn
Don’t Want Me Too – James Hand
One Last Time – Sara Watkins
Doctor (Remastered) – Lee Kernaghan
Old Enough to Know Better – Creed Fisher
Every Kinda Everything – The Bottle Rockets
Camellia – Steep Canyon Rangers
Be My Baby Tonight – John Michael Montgomery
It Hurt Her to Hurt Me – Cliff Westfall
Country Women – Dillon Carmichael
Cupid – Sara Evans

Lunedì 7 Giugno 2021

Western Gold – Gethen Jenkins
If Not For You – Bob Dylan
I’ll Be the One – Paul Cauthen
Beer Garden Baby – Tyler Halverson
Rollin’ In Paradise – Moonsville Collective
Think I’ll Stay – Jesse Daniel
Sagamore Bridge – Terry Klein
Old Enough To Know Better – Wade Hayes
Would You Would or Would You Won’t? – Spirit Family Reunion
Mother’s a Redneck Too – Roger Creager

Sabato 5 Giugno 2021

All I Need – Rob Leines
Louisiana Woman, Mississippi Man – Conway Twitty & Loretta Lynn
Another Heartbreak Song – Patrick B Ray
The Fool That I Am – Alex Key
Sunny Day Hell – Brandi Colt
Backroad Bad – Johnny Jolin
Coyote – Teague Brothers Band & John Teague
Ladies Love Outlaws – Mickey Lamantia
One Time Woman – Rylan Brooks
Missing You Is More Than I Can Do – Randy Rogers Band

Venerdì 4 Giugno 2021

Hello – Joshua Ray Walker
Gentle On My Mind – John Hartford
Think I’ll Stay – Jesse Daniel
Back to Normal – Jason Eady
Perennial Bloom (Back To You) – Lukas Nelson & Promise of the Real
Big Truck – Dillon Carmichael
Look out Heart – Connie Smith
You’re Lucky She’s Lonely – Summer Dean & Colter Wall
Down at the Twist and Shout – American Aquarium
Highway – Jonathan Terrell

Giovedì 3 Giugno 2021

Sinners & Saints – George Jones
Brand New Hit in Nashville – The Kody Norris Show
A Boy Can Dream – Alex Key
24/7 – Johnny Marfa and The Lights
If You’re Gonna Walk, I’m Gonna Crawl – Sammy Kershaw
Together We Have It All – Gary Gibson
When Love Comes Around – Alan Jackson
Cheating Town – Crying Time
Feelin’ Single and Seein’ Double – Chely Wright
Texas Moon – Vincent Neil Emerson

Mercoledì 2 Giugno 2021

Guitar – Bourbon Branch
Diggin’ Up Bones – Randy Travis
Songs Nobody Knows – Brad Durham
Cowboy – Ashley Best
Sundown – Gordon Lightfoot
What’s In Store – Bill Bear & The Red Brick Troubadours
Porch Light – Caleb Allemand
Tequila Talkin’ – Kameron Marlowe
A Diamond Called Mine – Creekside Republic
Lady Casanova – The Broken String Band

Martedì 1 Giugno 2021

Fridaynititus – Marcus Lindsey
My Next Broken Heart – Brooks & Dunn
My Name Can’t Be Mama – The Highwomen
I Ain’t Living Long Like This (feat. Rodney Crowell) – Shannon McNally
I Feel Like Drinkin’ Today – Tommy Alverson
Grass Sure Ain’t Greener – Johnson Crook
Suffer – Josh Card
Hillbilly Heartache – Don Rigsby & Midnight Call
Leaving Colorado – Sweet Potato Pie
Daddy’s Old Guitar – Tim Culpepper

Lunedì 31 Maggio 2021

No Shortage of the Blues – Billy Don Burns
Tumbling Tumbleweeds – Clint Eastwood
Hard Stuff – Bucka Ruse
Don’t Give up on Me – Montana Rose
Can’t Change Horses – Dan Roberts
She’s All I Ever Drink About – Jeff Griffith
Osage County – Daron Little
Day of the Cowboy – Randy Huston & Hannah Huston
Can’t Hide a Heartache – Jerry Kilgore
Julie – Band of Ruhks

Sabato 29 Maggio 2021

Halo and Horns – Wesley Dennis
Blues Stay Away From Me – Doc Watson
I Breathe In – Tim O’Brien
Arlo – Aaron Burdett
Mandy Mae – The Alex Leach Band
Beer Garden Baby – Tyler Halverson
Ain’t Ever Comin’ ‘Round – The Barlow
Bayou Boy – West of Texas
Grass Roots (The Barn Sessions) – Drew Gregory
A Long Way From Forever – Eddie Sanders

Venerdì 28 Maggio 2021

Light of Her Love – Blind Joe
Blue Ridge Mountain Blue – John Fogerty
Impossible – Ben Fugate
Can’t Say That (In A Country Song) [feat. Jon Pardi] – Bobby Bones & The Raging Idiots
Maybe Your Heart’s Not In It No More – The Wallflowers
The Year That Got Away (The Pandemic Anthem) – Deke Dickerson
Santa Barbara – Balsam Range
Back in the High Life Again – Jason Boland & The Stragglers
Wild One – American Aquarium

Giovedì 27 Maggio 2021

Ain’t It a Shame (When Your Horse Goes Lame) – Wild Earp & The Free for Alls
Move Over Lonesome – Patrick B Ray
Faustina – John R. Miller
Dandelion Wine – Claire Kelly
Some Things Never Change – Flatland Cavalry
Another Day in the Life – Cole Chaney
Farewell to Nova Scotia – The High Kings
Dreaming of Montana – David Miner
Sunny – Acoustic Syndicate

Mercoledì 26 Maggio 2021

Show Tonight – Rollin’ Ramblers
Blue Yodel No. 1 (T for Texas) – Jimmie Rodgers
Foolin’ – West of Texas
If the South Is so Bad, Why’d You Want It Back? – Creed Fisher
Place in Oklahoma – Leroy Gibbons
Day Drinking – Triston Marez
Hung the Moon – Jordan Robert Kirk
The Rain – Dallas Moore
Mountaineer – Dale Harper
Chicken and the Egg – Ben Mastwyk

Martedì 25 Maggio 2021

Stand Your Ground – Travis Tritt
He Called Me Baby – Jessi Colter
Hard To Kill – Ryan Fritz
David – Cody Jinks
Fat Bottom Betty – River Dan
Wishful Drinkin’ – Alan Jackson
My Brother’s Hill – The Sweet Lillies
Wild Horses – Kin Faux
Soul Train – Charlie Marie
Boogie Grass Band – Leftover Salmon

Lunedì 24 Maggio 2021

Pier Pressure Breakdown – Jason McDaniel
Nashville Skyline Rag – Bob Dylan
Heartaches By the Number (feat. Elvis Costello) – Rosanne Cash
Ain’t Nothin’ Like – Brad Paisley
Country Fever – Carmen Steneker
Ain’t Through Honky Tonkin’ Yet – Gary Gibson
West Texas Roots – Spur 327 Band
Train – The Mighty Train Wrecks
Rollin’ Stolen – Addison Johnson
Joke’s On Me – Rachel Baiman
Heavy Gun – Black River Drifters

Sabato 22 Maggio 2021

662 – Christone “Kingfish” Ingram
Not That Kind of Man – Rebel Railroad
Even Texas Couldn’t Hold Her – Casey Chesnutt
Doing Everything Right – Tim Montana
The Days I Rode With Jake – Ryan Fritz
Blink of an Eye – Danny Paisley & The Southern Grass
You Can Go to Hell, I’m Going to Texas (feat. Vanessa Olivarez) – Ted Russell Kamp
Yardboss – Full Cord
Breakin’ Ground – Jesse Keith Whitley
Country Ain’t Dead – Andrew Beam

Venerdì 21 Maggio 2021

Ain’t No Little Thing – Norman Borland & Gerry Guthrie
Just to Satisfy You – Waylon Jennings
Burden to Bear – Jimmy LaFave
Staring Down the North – Tylor & the Train Robbers
What Else Is New – Cody Jinks
What Ain’t To Be Just Might Happen – Rhonda Vincent
Sittin’ on Top of the World – The Flatlanders
Are You Sure Hank Done It This Way – Pat Green & Cory Morrow
Small Talk Café – Rory Feek
Hesitation Blues – Green Heron

Giovedì 20 Maggio 2021

Highway – Josh Ward
Cowboy Hat – Jon Pardi
Heaven South – Brad Paisley
Movin’ On – Kevin Fowler
Chain Drinkin’ – Cody Johnson
How Do You Honky Tonk – Jake Worthington
Somewhere Between Texas and Mexico – Pat Green
Out the Door – Jake Ward
Creek Don’t Rise – William Clark Green
Armadillo – Junior Gordon
Back Porch Band – Zane Williams

Mercoledì 19 Maggio 2021

Country Boy Lovin’ – Dillon Carmichael
Solid Country Gold – Shooter Jennings
The Ghost of Paul Weaver – Drift Mouth
I’m Alright – Wicked Brew Band
Comin’ Home – The Desert City Ramblers
Make a Move – Luke Mills
Lightning Strikes Twice – Mason Marek
Whiskey and Wine – The Show Ponies
Hard Labor Side of Gettin On – Buffalo Gospel
On My Way Back to the Old Home – Springstreet Bluegrass Band

Martedì 18 Maggio 2021

The Way I See It – Black River Drifters
Every Little Honky Tonk Bar – George Strait
Texas Dance Halls – Jack Nelson Band
Broke Down Country Song – River Dan
Beer – HAM Rodeo
Can’t Do the Time – Trippp
Crosby – Roger Cowan
Honky-Tonk Me – FortyTwenty
The Streets of Abilene – Aaron Ramsey
If It Ain’t Broke – Whitey Morgan and the 78’s

Lunedì 17 Maggio 2021

Devil so Close – Ben Mastwyk
Rain In Durango – Guy Clark
Time in and Out – Aaron Bibelhauser & FY5
Concrete Dreams – Zach Schmidt
Undivided – Tim McGraw & Tyler Hubbard
Ellen – The Alex Leach Band
Drinkin’ in the Afternoon – The Divorcees
A Train Robbery (feat. Shawn Lane) – Barry Abernathy
Waiting out the Storm – Billy Droze
Just Call Me Lonesome – Jeremy Studdard

Sabato 15 Maggio 2021

22 Days Too Long – Adam Hood
Jackson – June Carter Cash
Blink of an Eye – Danny Paisley & The Southern Grass
Locked Up in Lubbock – Kin Faux
Out Back Baby (feat. John Evans Band) – James Steinle
Tequila & Lime – Charlie Marie
Doing Everything Right – Tim Montana
Dry Creek – Owen Temple
Lonely Road – Rob Baird
Texas Time Travelin’ – Cory Morrow

Venerdì 14 Maggio 2021

Where My Heart Is – Brock Gonyea
She Cranks My Tractor – Dustin Lynch
That’s Life – Willie Nelson
Speed of the Sound of Loneliness – Greensky Bluegrass
Don’t Want To Go Home – Teague Brothers Band
Paradise – Sturgill Simpson
Holy Road – John Gage & Aaron Bibelhauser
They Call Me Doc (feat. Aaron Lewis, Vince Gill & Dan Tyminski) – CreatiVets Tell the Devil – Aaron McDonnell
Who Keeps the World Turning – Colby Acuff
Better Days – Dallas Moore

Giovedì13 Maggio 2021

Workin’ for the Weekend – Bo Outlaw & Loiten Twang Depot
Come Back Song – Darius Rucker
Big Ball’s In Cowtown – Bob Wills and his Texas Playboys
Right or Wrong – Merle Haggard & The Strangers
Bob Wills Is Still the King – Waylon Jennings
South of the Border (Down Mexico Way) – Asleep At The Wheel 2015
Rednecks, Red Letters, Red Dirt – Morgan Wallen
Bottle in My Hand – Gethen Jenkins
Friend Zone – Andrew Sevener
Nothing Ever Seems to Do – Ashley Best

Mercoledì 12 Maggio 2021

Living Free – Jack Waters and the Unemployed
Brand New Man – Brooks & Dunn
Railroads – Holly Williams
Love’s Got a Hold On Me – Homemade Wine
If You Can’t Ride – Instant Rivalry
Railroad Days – Honky Tonk Train
Another Night Gone Wrong – Jon Hatchett Band
Redneck in Training – Lyle Manring
40 Hour Week – Judge Talford Band
I’m Growing Older but I’m Not Growing Up – Creed Fisher

Martedì 11 Maggio 2021

Deeper Well – Cory Keefe
Starkville City Jail (Live) – Johnny Cash
Hello Stranger – Lester Flatt & Earl Scruggs
Till My Tank Is Empty – Jenny Tolman
Darlin’ How You’ve Changed – West of Texas
You Shoulda Been a Redneck – Creed Fisher
Heard It Through the Red Wine – Charlie Marie
My World Turns To Silver – Brock Gonyea
No Country Music for Old Men (feat. John Anderson) – The Bellamy Brothers
Whole Lotta You – Triston Marez
Sweetheartland – Hope Dunbar

Lunedì 10 Maggio 2021

Honey, Shake! – Mac Leaphart
Coal Miner’s Daughter – Loretta Lynn
I’m Happiest When I’m Movin’ – The Alex Leach Band
What’s Money – The Green Line Travelers
Speak of the Devil – Kevin Fowler
Iowa – Kellen Smith
Things That Daddy Said – Mickey Lamantia
A Little Less Whiskey – Matt Hillyer
Waiting on You – The Shootouts
Blue Jean Jesus – Dallas Moore

Sabato 8 Maggio 2021

Hot Damn – The Molenes
Subterranean Homesick Blues – Bob Dylan
06 Rusty Cage – Johnny Cash
Texarkana Baby – Eddy Arnold
Lonesome Number One – The Gibson Brothers
Ride Home – Getocowboys
True Grass – Lorraine Jordan & Carolina Road
Train, Train – Nightflyer
Panama Red – New Riders of the Purple Sage
Home – Pat Green
Shepherdstown – Olivia Ellen Lloyd

Venerdì 7 Maggio 2021

Stimulus Check – Buddy Brown
Drivin’ My Life Away – Eddie Rabbitt
In The Jailhouse Now – The Soggy Bottom Boys Feat. Tim Blake Nelson
Foregone Conclusion – Zach Schmidt
Do They Owe Us a Living? – Croy and the Boys
Rivers, Rains and Runaway Trains – Balsam Range
Dark Side of the Mountain – Addison Johnson
Beg, Borrow, And Steal – Casey Joe Collins
Freedom in America – Dale Harper
I Don’t Think About You Anymore – The Shootouts

Giovedì 6 Maggio 2021

Every Night I Burn Another Honky Tonk Down – Dallas Moore
Honky Tonk Song – Jimmie Dale Gilmore
My Brother’s Hill – The Sweet Lillies
Big Debut – Charlie Shafter
Here Come the Blues – The Shootouts
Elevator Boots – Counting Crows
Leipers Fork Standard Time – The Homer Dever Band
Two to Tango – Colby Acuff
Make-up & Faded Blue Jeans – Creed Fisher
Half of Everything – Scott MacKay

Mercoledì 5 Maggio 2021

Dance The Night Away – The Mavericks
Cancion del Mariachi – Antonio Banderas & Los Lobos
El Talismán – Sisters Morales
Adiós México – Texas Tornados
El Pescador – Los Super Seven
La Pistola y el Corazón – Los Lobos
Señorita – Los Lonely Boys
Cinco de Mayo In Memphis – Guy Clark
After Dark – Tito & Tarantula

Martedì 4 Maggio 2021

Foot of the Cross – The Bill Miles Band
Diggin’ Up Bones – Randy Travis
Nel Blu Dipinto Di Blu – Domenico Modugno
Tom Dooley – The Kingston Trio
Does Lonesome Get Easier? – Anthony Ray Wright
Ghost Town – Dale Harper
Back in ’29 (feat. Steve Gulley) – Barry Abernathy
Dying Breed – Colby Acuff
Anywhere the Wind Might Blow – Billy Droze

Lunedì 3 Maggio 2021

Hammer of the Honky-tonk Gods – Bill Kirchen
Fumblin’ for Rhymes – Tylor & the Train Robbers
7 Come 11 – Vincent Neil Emerson
Chicken and the Egg – Ben Mastwyk
Worn Out Boots – Midland
Rambler’s Return – The Alex Leach Band
Move to Montana – Tyller Gummersall
Makin’ a Scene – Lasers Lasers Birmingham
Losing Hand – The Divorcees
On Through the Night – Dallas Moore

Sabato 1 Maggio 2021

Work and Worry – Darryl Worley
Job Song – Trailer Hippies, Tommy Davis & Silvia Davis
John Henry – Willie Watson
Hard Hat and a Hammer – Alan Jackson
Take This Job and Shove It – David Allan Coe
Hard Workin’ Man – Brooks & Dunn
Work Hard, Play Harder – Gretchen Wilson
Rednecks with Paychecks – Kyle Park
Sixteen Tons – Tennessee Ernie Ford
Blue Collar – Cory Morrow
Workin’ Man Blues – Merle Haggard

Venerdì 30 Aprile 2021

Honky Tonk Confessions – Mickey Lamantia
Still In Saigon – The Charlie Daniels Band
I Can’t Be Satisfied – Muddy Waters
Crossing Muddy Waters – John Hiatt
Train Song – The Captain Legendary Band
I’m the One That Aint Coming Back – Gabe Garcia
Brand New Good Old Days – Leftover Salmon
Travelin’ Kid – Wyatt Flores
Vive l’acadie! – The Mallett Brothers Band
I Don’t Think About You Anymore – The Shootouts

Giovedì 29 Aprile 2021

Whole Lotta Me – Tracy Lawrence
Pancho and Lefty – Merle Haggard & Willie Nelson
If I Still Had You – Cole Quest and The City Pickers
White County Shine – Stephen Flatt
Wanderlust – Nefesh Mountain
Modern Day Jezebel (feat. Dan Tyminski) – Jason Davis
Thunder River, Tumbling Down – Miles Gannett
Common Ground – The Sweet Lillies
Miss Charlotte’s Game – Sideline

Mercoledì 28 Aprile 2021

I Wanna Thank Everyone – Buddy Jewell
Save It For A Rainy Day – The Jayhawks
When I Get Home – American Ambulance
Traveling Preacher – Blue Highway
Cute As a Bug – Lyle Lovett
The Road Home – The Benders
All Wound Up – Chris LeDoux
Carry Me Across the Mountain – Dan Tyminski
Real Live Bleeding Fingers & Broken Guitar Strings – Lucinda Williams
Ain’t Nothin’ Like – Brad Paisley

Colby Acuff – If I Were the Devil

Con il passare degli anni mi sono reso conto che non ho più bisogno di ricercare e sperimentare suoni e generi musicali, ho bisogno solo di certezze ed il country è una vera certezza come lo è per tanti giovani ragazzi che si affacciano sulla scena musicale, tutti quanti cresciuti ascoltando i classici del country in molti sono rimasti fedeli alle radici, altri che durante la ribellione adolescenziale hanno abbracciato il punk e l’hard rock, sono tornati a fare ciò che li faceva stare meglio. Colby Acuff appartiene alla prima categoria, è un country boy cresciuto a Coeur d’Alene Idaho e rimasto fedele alle proprie radici.

Il suo primo concerto è stato alla tenera età di 11 anni, dopo aver militato in molte band locali e frequentato il college, ora cerca di più. Dopo aver scritto più di 30 canzoni, ha deciso che era ora di pubblicare un album e organizzare un tour. Nel 2020 Acuff ha pubblicato il suo primo disco Life of a Rolling Stone, aveva un tour con tante date programmate, purtroppo però a causa della pandemia, non gli è stato possibile promuoverlo. Era il suo primo album, aveva tanta voglia ed energia per far conoscere a tutti le sue storie e la sua musica ma Acuff ha dovuto rinunciare a tutto. Non si è però perso d’animo ed inmenchenonsidica è uscito di getto nel 2021 con un disco nuovo di zecca If I Were the Devil.

Un disco di una bellezza ammaliante dove si può apprezzare la facilità compositiva, l’uso della strumentazione classica, l’amore per i classici con una visione attuale della musica country. 10 canzoni meravigliose, la Title Track è una classica ballad impreziosita da un sound attualissimo. L’atmosfera è quella prettamente acustica, diretta, senza fronzoli e post-produzioni che si respira in Two to Tango. When I See You Again è essenziale, la voce roca quanto basta sostenuta da chitarra acustica, double bass e steel guitar. Dying Breed è una delle canzoni più belle del 2021 un mid-tempo che rimane in testa ed invita ad essere messa in loop. In Who Keeps the World Turning sono la chitarra ed il mandolino a dettare un ritmo serrato sfiorando il bluegrass. Dear Country Music è un inno, una dichiarazione d’amore per quella musica che emoziona, che fa stare bene, dalla quale ci si sente accolti, capiti e coccolati. Start in the Morning è un up-tempo travolgente che riporta la mente ad altri tempi. Tip Jar è ancora una ballad acustica ed essenziale nella quale ad emergere è la bella ed evocativa voce di Colby e il suo grande talento compositivo. Great Day to Be Free è una classic song giocata su chitarre e mandolino. Il disco chiude con Yodel My Way Home, chitarra e voce, una firecamp song, nostalgica e sognante.

Apprezzo tutte le scelte fatte da Acuff, una batteria discreta che lascia ampio spazio agli strumenti a corda ed alla sua fantastica voce. Uno tra i 3 dischi più belli usciti in questi primi 4 mesi. Dopo aver ascoltato If I Were the Devil non si può che essere ancora più innamorati del country.

Martedì 27 Aprile 2021

Choice to Make – Josh Card
Walk Down the River – The Mallett Brothers Band
Rare Breed – Jordan Allen & the Bellwethers
Home to Houston – Market Junction
Leaving Texas Tonight – Leaving, TX
Darlene – Markus Sommer
The Bus – Kowhoon
Hammered – Marty Heddin
Brushy Creek – Josh Abbott Band
That Janie Backer – Marty Raybon & Full Circle

Lunedì 26 Aprile 2021

Two Lane Time Machine – Clayton Smalley
Gunsmoke – Rex Koury & Glenn Spencer
Oh Happy Day – The Edwin Hawkins Singers
The Race Is On – George Jones
Devil in the Mirror – Adam Warner
The Lakeview Dance – The Barrel Boys
Ain’t Ever Comin’ ‘Round – The Barlow
Daylight’s Burning – The Caleb Daugherty Band
420 Friendly – Dana Deatherage
Honky Tonk Sin – Geoffrey Miller
I Gotta Go – Lindley Creek

Sabato 24 Aprile 2021

Bella Ciao (Goodbye Beautiful) – Marc Ribot & Tom Waits
Vendemmia – Enrico Farnedi
Quel giorno d’Aprile – Francesco Guccini Tear the Fascists Down – Woody Guthrie
I silenzi di Monte Sole – Giorgio Cordini
Le storie di ieri – Francesco De Gregori
A Pig On a Lead – Cheap Wine
Suona Rosamunda – Vinicio Capossela
Bella Ciao – Modena City Ramblers

Venerdì 23 Aprile 2021

Grandpappy – Richard Lynch
Chantilly Lace – Jerry Lee Lewis
Ladies Love Outlaws – Mickey Lamantia
Back to Normal – Jason Eady
Through Hell and Half of Georgia – Red Jenkins
Living Shouldn’t Be This Hard – Steve Gulley & Tim Stafford
One Time – Gabe Garcia
Roadsick Blues – Pat Reedy
Cold Cold Night – Triston Marez
Take the Long Way Home – The Alex Leach Band
I’m over You so Get over Me – Alex Miller

Giovedì 22 Aprile 2021

Shuttin’ Detroit Down – John Rich
Soul Man – The Blues Brothers
Ride Down by the River – Dallas Moore
Ain’t the Same – Blackberry Smoke
Brown Liquor Blues – The Eskimo Brothers
Any Old Thing – Chris Wallin
Miles Apart – Eleven Hundred Springs
Arizona Nights – Black Dirt Tango
One More Last Chance – Gary Nicholson

Mercoledì 21 Aprile 2021

Too Much Is Never Enough – AJ Hobbs
Whole Lotta Woman – Marvin Rainwater
It’s All Coming Back to Me Now – The Stone Cold Roosters
Cheating Game of the Blues – The Expedition Show
Gone Like a Raven – Mark Stuart And The Bastard Sons
Burn Down – Shane Smith & Michael Chandler
Good Intentions – Tanner Sparks
Nothin’ Crazy About You, But Me – Robynn Shayne & Jordan Lee
Cars on Blocks – Tim Montana
1000 Miles – David Quinn

Martedì 20 Aprile 2021

The Way I See It – Black River Drifters
King of the Road – Roger Miller
Old Enough To Know Better – Wade Hayes
Chain Drinkin’ – Cody Johnson
Country John – Barnstar!
The World Needs More Cowboys – Chancey Williams & The Younger Brothers Band
Poor Man’s Son – Bastard Sons of Johnny Cash
Dreams to the Rescue – Gregory Page
Billy Creek – Charlie Shafter
Summer & Me – Chicken Wire Empire

Lunedì 19 Aprile 2021

Life Of Sin – Sturgill Simpson
Are You On the Road to Lovin’ Me Again – Debby Boone
A Lesson In Leavin’ – Dottie West
Beneath Still Waters – Emmylou Harris
You Never Miss a Real Good Thing (‘Till He Says Goodbye) – Crystal Gayle
Two Story House (With George Jones) – Tammy Wynette
False Hearted Lover Blues – Levon Helm
Stranded on a Gravel Road – Wylie & The Wild West
Me & My Friends – Hank Williams III
Ain’t No Place in the Sun – Dallas Moore

Sabato 17 Aprile 2021

Saturday Night Town – The Shootouts
He’ll Have to Go – Jim Reeves
A Boy Named Sue (Live) – Johnny Cash
Drinkin’ My Baby (Off My Mind) – Eddie Rabbitt
Roots and Wings – The Wallflowers
California Highway – Dallas Moore
Fixin’ to Run – The Barlow
People Like Me – Creed Fisher
Making History – Jade Brodie
Farm To Market Road – Eddie Sanders

Venerdì 16 Aprile 2021

Prisoner – Addison Johnson
This Land Is Your Land – Woody Guthrie
Folsom Prison Blues – Johnny Cash
Blue Jean Jesus – Dallas Moore
All of Your Stones – The Steel Woods
This Town – James Tucker
My Sweet Blue Eyed Darling – The Infamous Stringdusters
You Only Get One – Tracy Lawrence
Traveling the Highway Home – The Grascals
I’m over You so Get over Me – Alex Miller
Do Whatcha Gotta Do (feat. Dan Tyminski) – Russ Stallons

Giovedì 15 Aprile 2021

She Don’t Even Like Country – Chad Bushnell
Broken Halos – Chris Stapleton
That Ain’t Country – Aaron Lewis
So the Story Goes – Dirty Grass Soul
Rodeo Cold Beer – Chancey Williams & The Younger Brothers Band
Giving Up – Caleb Allemand
End of the Line – DocFell & Co.
Flip Flop Summer – Dustin Farr
All My Friends Are Married – Eric Woodring
Ball and Chain – Cole Harris

Mercoledì 14 Aprile 2021

Church On Cumberland Road – Shenandoah
Honky Tonk Girl – Loretta Lynn
It Ain’t Easy – Jonathan Parker
Losing You Blues – Sister Sadie
Drunk Enough – Robert Ray
Neon – Kevin Fowler
Trailer Park Trash – Mark Box
South Dakota – Luke Hendrickson
Couldn’t Think Outside the Jukebox – Geoffrey Miller
None’ya – Hayes Carll
Washed Up – Matt Ward

Martedì 13 Aprile 2021

Basket Case – Gethen Jenkins
Bringing In The Georgia Mail – Sam Bush
Don’t Come Home a-Drinkin’ (With Lovin’ On Your Mind) – Loretta Lynn
The Story of My Life – Marty Robbins
Beer – Dakota Poorman
Old No. 7 – Addison Johnson
Six Feet Under – Billy Failing
West Coast Town
Longneck Bottle, Loud Jukebox – Brock Hires
I Can’t Dance – Doug Bruce
Hurt so Good – Mipso

Lunedì 12 Aprile 2021

Sabrina – The Stray Birds
Rock Around the Clock – Bill Haley One More Last Chance – Vince Gill
Oh City Man – Amy Ray
Take Me Home, Country Roads – John Denver
If Tomorrow Never Comes – Garth Brooks
The Right Place – Zane Williams
Creek Don’t Rise – William Clark Green
Every Girl – Turnpike Troubadours
Oklahoma – Trout Steak Revival

Sabato 10 Aprile 2021

Every Night I Burn Another Honky Tonk Down – Dallas Moore
Arlo – Aaron Burdett
Saved My Life – Jordan Robert Kirk
I Never Drink Alone – Terry Rasor
Hurtin Cheatin Lyin Country Song – Richard Lynch
Leaving Brownsville Tonight – Matt Castillo
Star of the County Down – The Irish Rovers
Here Come the Blues – The Shootouts
Ghost Town Nation – Travis Tritt
How Much Did It Cost – Timbo

Venerdì 9 Aprile 2021

All I Need – Rob Leines
Girl from the North Country – Bob Dylan & Johnny Cash
The Turntable – The Alex Leach Band
Self Quarantine – Jomo and the Possum Posse
Way over Yonder in the Minor Key – Cole Quest and The City Pickers
One Time Woman – Rylan Brooks
Strange Range – Kellen Smith
Bottom of the 5th – John Schneider
White Line Fever – Bobby Osborne

Giovedì 8 Aprile 2021

It Was Me – Matt Hillyer
What the Buck – John Schneider
The Gambler – Kenny Rogers
The Devil Made Me Too – Ruben Levi Rhodes
Amarillo Highway – Robert Earl Keen
Don’t Call Me Baby – Sam Platts and the Kootenai Three
Sweet Mountain Rose – Russell Moore & IIIrd Tyme Out
Two Jacks Straight – Pistol Hill
Secret Lives – Memphis Kee
Afraid to Say Goodbye – North Country

Mercoledì 7 Aprile 2021

Heart on Fire – Eric Church
Spanish Pipedream – John Prine
I Ain’t Living Long Like This (feat. Rodney Crowell) – Shannon McNally
Walking Away – Doug Strahan & Strahan and the Good Neighbors
Sweet Little Girl – Kevin Wood
All the Lilacs In Ohio – John Hiatt & Jerry Douglas
Old Black Dog – The Western Distributors
Country Squire – Tyler Childers
The Least I Can Do – Scott McQuaig
Floor to Crawl – Charley Crockett

Martedì 6 Aprile 2021

Heartache in the Hills – Addison Johnson
Why Am I Drinkin’ – Merle Haggard
Stand By Your Man – Tammy Wynette
Where I Belong – Anthony Ray Wright
Farewell to Nova Scotia – The High Kings
What’s Money – The Green Line Travelers
Back in ’29 (feat. Steve Gulley) – Barry Abernathy
Looters (At Jimmy’s Hardware Store) – Buddy Brown
Who Keeps the World Turning – Colby Acuff
When I’m Gone – The Golden Roses
Living On the Edge – Dale Ann Bradley

Lunedì 5 Aprile 2021

Stimulus Check – Buddy Brown
Down by the Arbor – Terry Rasor
Black Rose (feat. Buddy Miller) – Shannon McNally
Little at a Time – Lonesome River Band
Muskrat Mud Shuffle – Daniel Young
Hot Beer – Dillon Carmichael
Blue Baby Now – Darin & Brooke Aldridge
Mississippi Phone Booth – John Hiatt & Jerry Douglas
Back When – Melissa Carper
The Medicine Man (feat. Old Crow Medicine Show) – Keb’ Mo’
You Ain’t No Coe (feat. Dallas Moore) – Rowdy Johnson

Giovedì 1 Aprile 2021

Fish – Aaron Watson
Fishin’ Hole – Ali McCormick
Fish Can’t Fly – Bob Rea
Dog Fish Bay – Bill Booth
Catfish – West King String Band
Cold Beer and a Fishin’ Pole – Trent Willmon
Fishin’ Forever – Jeff Griffith
Bigger Fish to Fry  – Brad Paisley
Fish – John Schneider
Another Fish in the Sea – Backline

Mercoledì 31 Marzo 2021

Singin’ the Blues – The Homer Dever Band
Texarkana Baby – Eddy Arnold
Louisiana Saturday Night – Mel McDaniel
Sadie – Uncle Jake & the 18 Wheel Gang
Ain’t Ever Comin’ ‘Round – The Barlow
Make-up & Faded Blue Jeans – Creed Fisher
Just One of the Reasons – Jonny Houlihan
Small Town City Boy – The Divorcees
Laughing at Myself – The Golden Roses
Runnin’ Wild – Midland

Martedì 30 Marzo 2021

Crazy – The Gringo Kings
You Don’t Know – Puss N Boots
Why We Drink – Justin Moore
In the Country – Garrett Pittman
The 1 for Me – The Eskimo Brothers
A Six String, A Heartache, And a Bottle – Texas Joe Bailey
Luck & Lightning – Mack McKenzie
Oh Virginia – Old Heavy Hands
Just a Girl I Used to Know – Phil Valdez
Wild Birds – Western Centuries

Lunedì 29 Marzo 2021

Ricochet – John Surge and the Haymakers
Run-Around – Blues Traveler
New Way (To Light Up an Old Flame) – Joe Diffie
Whisky River – The Kentucky Cow Tippers
The Best Thing You Ever Did – Mike Randall
Wrong Turns – The Piedmont Boys
Best of Everything – Chandler Holt
Tucson – The Reeves Brothers
Flood Plain of Despair – Cedar Hill
Lonesome Riverboat Blues (feat. Jeff Autry) – Edgar Loudermilk Band

Sabato 27 Marzo 2021

Last One Hanging ‘Round – Chase Crawford
King Of The Road – Roger Miller
You’re the First Time I’ve Thought About Leaving – Reba McEntire
Blue Ridge Cabin Home – Lester Flatt & Earl Scruggs
The Irish Rover – Gaelic Storm
Time in and Out – Aaron Bibelhauser & FY5
Mona Lisa of Guitar Town – Maynard and the Musties
I’m Leaving Town Tonight – Merle Monroe
Bill, Wyoming – Cowboy Dave
Everything I Know – The Shootouts
Shove – Courtney Patton

Venerdì 26 Marzo 2021

Virginia (feat. Catie Parker Fedoryka) – Scythian
Gotta Go Back To Work – Dean Dillon
I Finally Found Somebody – Kenny Chesney
Lonely, Lonely Self – Seth Jones
Birmingham Jail (feat. Vince Gill) – Barry Abernathy
Worn Out Boots – Midland
Better Days – Dallas Moore
Song About My Cowboy Hat – The Golden Roses
Ruby Still Falls – Milan Miller
Move to Montana – Tyller Gummersall

Giovedì 25 Marzo 2021

Its a Little To Late – Hilljacks
Treat Me Like a Dog – Ronnie McDowell
Every Kind of Music but Country – Robbie Fulks
Above and Beyond – Buck Owens
She’s a Lot Like Texas – The Derailers
Sleep With One Eye Open – The Burnett Sisters Band
Wildwood Flower Blues – The Caleb Daugherty Band
Bend in the Road – Chris Jones & The Night Drivers
Drinkin’ Dark Whiskey – The SteelDrivers
Coal Headstone – Coal Town Rounders
Don’t You Wanna Go There – Damascus Ridge
Some Days – Sturgill Simpson

Mercoledì 24 Marzo 2021

Rollin’ Stolen – Addison Johnson
Guitar Man – Elvis Presley
Quit Playin’ That Guitar – The Federales
Southbound – Bob Rea
Gravity’s Gone – Drive-By Truckers
Chicken and the Egg – Ben Mastwyk
Gypsy – Brandi Behlen
Start in the Morning – Colby Acuff
A Long Way From Forever – Eddie Sanders
Barely Breathing – Jeremy Studdard

Martedì 23 Marzo 2021

One More Midnight – Hal Ketchum
At the Cross – Fiddlin’ John Carson
Big Train (From Memphis) – John Fogerty
I Am A Man Of Constant Sorrow – The Soggy Bottom Boys
Drinkin’ Bourbon – J.B. Beverley & The Wayward Drifters
I Don’t Wanna Go to Arkansas – The Federales
White Freight Liner – Bonnie & the Clydes
Tortured Mind – Two Dollar Pistols
Time of Year – David Miner
Ill Will Creek – Cole Chaney

Lunedì 22 Marzo 2021

Pick Her Up (feat. Travis Tritt) – Hot Country Knights
Honky Tonk Heroes (Like Me) – Waylon Jennings
Nothing Left to Lose – JD Clark & The Stuck in the Mud Band
Ghost Town – Dale Harper
Hot Beer – Dillon Carmichael
Never Flown – The High Road Home
Hung the Moon – Jordan Robert Kirk
Leavin’ On My Mind – The Hacienda Brothers
Strength in Numbers – Luke Hendrickson
Milwaukee – Chicken Wire Empire

Sabato 20 Marzo 2021

Old Brown Bottle – George Dearborne
Mammas Don’t Let Your Babies Grow Up to Be Cowboys – Waylon Jennings & Willie Nelson
Act Naturally – Buck Owens
The Rain – Dallas Moore
If I Didn’t Love You – Max Flinn
Rattlesnake Whiskey – The Shootouts
Lucky Strike – Seth Ward
Too Bad You’re No Good – Alecia Nugent
Honky Tonk Sin – Geoffrey Miller
If I Still Had You – HAM Rodeo

Venerdì 19 Marzo 2021

Leaving This Town – Max Flinn
Talkin’ New York – Bob Dylan
Water – Tracy Lawrence
Cowgirl Blues – Midland
Here Come the Blues – The Shootouts
Lone Stars – John PayCheck
That Kind of Lonesome – Eddie Sanders
All of Your Stones – The Steel Woods
Ghost Town Nation – Travis Tritt
Good at a Bad Job – Jim Bachmann

Giovedì 18 Marzo 2021

That Train – Mac Leaphart
Maybellene – Chuck Berry
I Can’t Deal with It – Nicholas Campbell
On a Good Night – Creed Fisher
Couldn’t Think Outside the Jukebox – Geoffrey Miller
Drank My Wife Away – Craig Gerdes
I Hope I Don’t – David Quinn
Love’s Little Lies – Weldon Henson
Round and Round – Tessy Lou Williams
Dying Breed – The Divorcees

Mercoledì 17 Marzo 2021

The Rocky Road to Dublin – The High Kings
Tell God and the Devil – Solas
Whiskey In the Jar – The Dubliners
Shady Grove – The Chieftains
The Galway Girl – Sharon Shannon & Steve Earle
If I Should Fall from Grace With God – The Pogues
Fisherman’s Blues – The Waterboys
Raggle Taggle Gypsy – Planxty
Raglan Road – Van Morrison & The Chieftains

Martedì 16 Marzo 2021

Honkytonk Special – Honkytonk Special
The Letter That Johnny Walker Read – Asleep at the Wheel
Wabash Cannonball – Roy Acuff
Popcorn Sutton – Pel & the Pelicans
The Fightin’ Side of Me – Merle Haggard
Sea Stories – Sturgill Simpson
Devil You Know – Drew Fish Band
Tequila Salt and Time – David Adam Byrnes
Let’s Get the Band Back Together – Jim Bachmann
If You Can’t Put It Down – Kevin Deal

Lunedì 15 Marzo 2021

High as a Kite – Scott Sturgeon
If You Could Read My Mind – Gordon Lightfoot
Another Mile – Billy Bray Band
40 Dogs (T.B.M. Version) – Bob Schneider
Reverend Jackson – Turning Ground
Coffee Days and Whiskey Nights – Robynn Shayne
Bone Dry – Ramblin’ Boots
Heartache Express – Nicholas Mudd
Big Bill Johnson – Nick Chandler and Delivered
No Headlights – Kristy Cox

Sabato 13 Marzo 2021

Half of Everything – Scott MacKay
Only One George Jones – Billy Yates
High Stakes – Michael Martin Murphey
Old Man from the Mountain – Merle Haggard
My Country’s Not for Sale – R.W. Hampton
Devil so Close – Ben Mastwyk
The Sun Will Rise Again – James Ellis and the Jealous Guys
Rosy Cheeks – Katie Jo and the Next of Kin
Cowboy Picture Show – Ross Cooper
Sawed off and Hauled Off – The Golden Roses

Venerdì 12 Marzo 2021

Freedom In America – Dale Harper
Batman – O.S.T.
I’d Love You All Over Again – Alan Jackson
Long Live Cowboys – Aaron Watson
Dark Side of the Mountain – Addison Johnson
Lovesick Hillbilly – The Bill Miles Band
Small Town Mystery – Billy Droze
Central Hillside ’91 – Breanne Marie & the Front Porch Sinners
Six Decks to Darwin – Dean Perrett
Honey, Shake! – Mac Leaphart
Hurtin Cheatin Lyin Country Song – Richard Lynch

Giovedì 11 Marzo 2021

Old Enough to Know Better – Creed Fisher
Life’s Railway to Heaven (feat. The Oak Ridge Boys) – Jimmy Fortune
Midnight Run – Charley Crockett
That’s How You Know You’re Livin – Adam Warner
Six Bottles of Whiskey – Jory McPhail
Beg, Borrow, And Steal – Casey Joe Collins
Making History – Jade Brodie
The State I’m In – Jesse Raub Jr.
Bluebonnet Love – Keller Cox
Ol’ Smokey (feat. King Margo) – Gabe Lee

Geoffrey Miller – All Night Honky Tonk Man

Miller ha incominciato a muovere i primi passi negli anni ’90 durante l’esplosione del grunge, portando la sua Fender Telecaster al servizio di band che hanno formato il suo suono nel corso degli anni, la fiamma dell’honky tonk che si era accesa in lui da bambino era sempre vivida e nel 2005, Miller ha trovato l’ossigeno per alimentarla quando ha incontrato Hank Falconer (un crooner di night club honky tonk di lunga esperienza).

La sua musica è dunque la perfetta fusione di country, honky tonk, western swing e rockabilly. All Night Honky Tonk Man è la riscoperta di un patrimonio musicale mai davvero perduto che ritrova il suo pieno splendore nelle 12 canzoni originali dell’album. La copertina sembra uscita direttamente dagli anni ’50 e non lascia dubbi sulla musica contenuta all’interno. Il disco racconta le visioni di un bimbo di 6 anni cresciuto ascoltando alla radio country AM, Waylon Jennings, Willie Nelson e Hank Jr., guardando Hee Haw alla TV del pomeriggio e che strimpellava su chitarre giocattolo le canzoni di Merle Haggard. Gli anni ’50 sono stati a tutti gli effetti un’epoca felice, la guerra era finita e si doveva ricominciare a ricostruire, si aveva voglia di ballare ma senza dimenticare quanto di brutto era successo pochi anni prima. Il disco è stato registrato durante il lookdown e in alcune canzoni porta i segni e le ferite di questo difficile periodo ma anche se non siamo fuori dalla pandemia, porta nelle canzoni quello stesso messaggio di speranza presente nelle canzoni degli anni ’50, anche noi dovremo ricominciare a costruire sulle macerie, questa volta morali ed economiche ma pur sempre ricostruire. Trovo molte analogie tra i due periodi e ascoltare queste canzoni mi lascia un misto di sensazioni di speranza, di nostalgia e di voglia di ritornare a vivere.

The first thing I wrote about you è il primo brano, un rockabilly uscito da una radio o un jukebox di una puntata di Happy Days. Is Not The Fallin richiama un classico boogie woogie, Honky Tonk Sin col suo fiddle ed il twang della telecaster ci fa respirare boccate di Backersfield Sound. La languida  Neon Stars è una grande ballad mentre I Never Missed You è una tipica western song. The Stars Are Talkin’ è puro swing, Haunted Home ci fa conoscere Miller in veste di Crooner per una grande seconda ballad del disco. Heartache Continental è un Ol’ Boppin’ Style diretto discendente dell’Hillbilly Swing. Ancora Western swing in Race With Time con un grande intreccio di pedal steel e Twang. Couldn’t Think Outside the JukeBox ha tutti gli ingredienti per una grande country song e ripropone ancora fiddle e Bakersfield sounds. If the World Ever Starts Again è un titolo appropriato che riassume appieno lo spirito del disco… se il mondo dovesse mai ricominciare vorrei che fosse come raccontato in queste canzoni. Il disco chiude con la title track come era iniziato tra rockabilly e honkytonk.

Direi che oltre ad essere suonato e cantato benissimo, il disco è un omaggio a tutti i generi musicali preferiti da Miller ma anche da tutti noi, un salto nel passato ma anche nel futuro. All Night Honky Tonk Man è un disco che fa stare bene, che fa ballare, che fa pensare, che fa divertire e che ci porta a sperare che il mondo possa davvero ricominciare.

Mercoledì 10 Marzo 2021

Rock & Rye – Addison Johnson
Working Without a Net – Waylon Jennings
Truth No. 2 – Dixie Chicks
The Luckiest (feat. Catie Offerman) – Josh Abbott Band
It’s All Good – Kendall Shaffer
Wrong Again (You Lose a Life) – Ags Connolly
Love Is an Awful Thing – Audie Blaylock and Redline
Fallen Star Saloon – Blue Moon Rising
Highway 63 – Chad Kostner
Sober Heart of Mine – Flatland Cavalry

Martedì 9 Marzo 2021

The First Thing I Wrote About You – Geoffrey Miller
Honky Tonk World – Chris LeDoux
All the Time – Clay Hess Band
You’re Not Fooling Me – Dan Boner
Runnin’ Drugs Out of Mexico – Billy Don Burns
Walk Away – Daniel James & the Old 300
San Antonio By Sundown – The Golden Roses
I’ve Got It Made (feat. John Anderson) – Josh Turner
One Trick Pony – Joshua Ray Walker
Rollin’ On – Jesse Daniel

Lunedì 8 Marzo 2021

Long Time Gone – Dixie Chicks
Rosie the Riveter – The Tillers
This Train – Sister Rosetta Tharpe
Jolene – Dolly Parton
How Blue – Reba McEntire
Stand By Your Man – Tammy Wynette
Your Cheatin’ Heart – Patsy Cline
Old Dan Tucker’s Daughter – Tanya Tucker
It Wasn’t God Who Made Honky Tonk Angels – Kitty Wells
Wayfaring Stranger – Emmylou Harris
Closer To Fine – Indigo Girls

Sabato 6 Marzo 2021

Western Gold – Gethen Jenkins
The Good Old Days Are Gone – Trent Willmon
Fare Thee Well, Miss Carousel – Townes Van Zandt
Dueling Banjos – Eric Weissberg & Steve Mandell
Kentucky Bourbon – Lyn Avenue
If You Think I’m Crazy Now (You Should Have Seen Me When I Was a Kid) – Creed Fisher
Like She Does – Mike Randall
Shuttin’ Detroit Down – John Rich
Tell Fort Worth I Said Hello – Alecia Nugent
Good Times – Chuck Briseno

Venerdì 5 Marzo 2021

Everybody Wants to Be Hank Williams – Creed Fisher
Walkin’ After Midnight – Patsy Cline
Alabam – Cowboy Copas
Theme From Rawhide – The Blues Brothers
It’s Four In the Morning – Faron Young
Guitar Town – Steve Earle
If You Drive Your Husband to Drinkin’ – Johnny Lee
Every Night I Burn Another Honky Tonk Down – Dallas Moore
One’s On The Way (feat. Margo Price) – Loretta Lynn
Never Walk the Line – Jackson Taylor & The Sinners
50 Dollars a Week – South Texas Tweek

Giovedì 4 Marzo 2021

Hot Mouth Mama – Jason James
Richard Manuel – Black Prairie
Another Round – Whitey Morgan and the 78’s
Tar Snakes – Jesse Daniel
She Lets Me Run – Tom Buller
Ready to Run – Wes Youssi & the County Champs
Ain’t Over You I Guess – Mike Randall
You Don’t Have to Tell Me Again – Pat Reedy & The Longtime Goners
Beer Tear Saturday Night – Casey James Prestwood & The Burning Angels
Step By Step – Lucas Hudgins

Mercoledì 3 Marzo 2021

Honkytonk Heaven – Kendall Shaffer
Minnie The Moocher – Cab Calloway
Looking At the World Through a Windshield – Del Reeves
Things That Might Have Been – Roy Acuff
New Mule Skinner Blues – Bill Monroe and His Bluegrass Boys
Whiskey – Garrett Simon & The Thomas Creek Band
Thats the Way (Love Goes) – Hearts And Daggers
The Price We Gotta Pay – Isaac Jacob Band
The Girls Next Door in Austin – Jake Penrod
End of the World (feat. Michael Cleveland) – The Joe Keeley Band
Makin’ a Scene – Lasers Lasers Birmingham

Martedì 2 Marzo 2021

The Dumb Song – Dale Watson
I Don’t Know That Guy – Greg Brown
100 – Siren Songs
The Pain of Loving You – Dolly Parton, Linda Ronstadt & Emmylou Harris
The Great Divide – Luke Combs & Billy Strings
Long Game – Emily Nenni
No Turning Back – Weldon Henson
Black & Blue – Zephaniah OHora
Losing Hand – The Divorcees
Saved My Life – Jordan Robert Kirk

Lunedì 1 Marzo 2021

100 Proof Honky-Tonk – The Reeves Brothers
Letting Go – David Quinn
99 Year Blues – Rock Hearts
I Love Beer – Rio Grand
You Pay for It – Tyller Gummersall How Many Times – Josh Merritt
Roots – Tris Munsick & the Innocents
Everytime I Get On – Seth Turner
South Dakota – Luke Hendrickson
Heartache at the Jukebox – The Piedmont Boys
Living for Today – Rylan Brooks

Sabato 27 Febbraio 2021

Loose Slots – Hellbound Glory
Gentle On My Mind – Leonard Nimoy
Amarillo Sky – Jason Aldean
I Love a Rainy Night – Eddie Rabbitt
Love Songs – Lonesome River Band
Red Dirt Town – Adam Harvey
Six Decks to Darwin – Dean Perrett
El Paso Kid – Mac Leaphart
Hung the Moon – Jordan Robert Kirk
The Old Side of Town – Alecia Nugent

Venerdì 26 Febbraio 2021

Times Like These – Hayes Carll
Tell the Devil – Aaron McDonnell
Green-Eyed Texas Angel – Darrin Morris Band
Dive of Dives – Cowboy Dave
Smokin’ Drinkin’ & Gamblin’ – Craig Gerdes
China Town – Folk Soul Revival
Emma – Claybank
Rodeo Blues (feat. Leroy Gibbons) – Jon Stork
Cowboy Life – Ned LeDoux
Take Your Shoes Off Moses – Courtney Patton

Giovedì 25 Febbraio 2021

Ride On – David Quinn
Honkiest of Tonkers – Garrett Bradford
When the Whiskey Calls – The Freightshakers
Labor Day – Matt Prater
Everybody Knows Somebody – Evan Ogden
Whiskey – Morgan McKay
Holston River Blues – Mountain Soul
Poor Old Man – Dwight McCall
The Best Thing You Ever Did – Mike Randall
The Right Mood – Old Sky

Creed Fisher – How Country Music Sounded Before It All Went to Shit, vol. 1

La folgorazione per Creed Fisher non è arrivata sulla strada di Damasco ma sotto un palco a Waco, TX quando a soli 4 anni ha assistito ad un concerto di George Strait. Questo avvenimento, unito a ripetuti ascolti di Marty Robbins, Merle Haggard, Don Williams e Hank Williams, ha contribuito a far si che a soli 9 anni, Creed scrivesse la sua prima canzone. Il dolore e la sofferenza sono fonte di ispirazione che il nostro ha incominciato a mettere in musica dopo che il suo matrimonio è finito. Fisher come ogni cantante di country music, canta della vita, del proprio vissuto sia nel bene che nel male e mette tutto dentro il suoi dischi, questo fa di lui un onesto e vero cantante orgoglioso di essere un redneck, (come recita il titolo del suo album del 2016 “Rednecks Like Us”). La sua musica è saldamente radicata nel country tradizionale, nell’outlaw, nell’honkytonk e nel southern rock. Creed è uno dei più prolifici cantanti sul mercato, è un artista indipendente, come lo sono il 90% dei musicisti texani, solo nel 2020 ha pubblicato 4 album: Outlaw influence vol. 1 (dove racconta le sue origini musicali), Hellraiser, The Wild Ones e Rock &Roll Man) a cui fanno seguito Go Out Like Hank e How Country Music Sounded Before It All Went to Shit, vol. 1 (che come dice il titolo stesso riporta il Country dove deve stare) usciti nei primi 2 mesi del 2021. Col passare del tempo la sua scrittura si è perfezionata e nei suoi 10 anni scarsi di carriera è diventato uno dei più importanti e seguiti cantanti di country music. La sua facilità di scrittura è impressionante ed è incredibile come riesca ad avvolgerti di suoni e di emozioni fin dalla prima nota di ogni suo album grazie alla sua voce, ai suoi testi e a quanto dannatamente bene suonino tutti i suoi dischi! A vederlo rispecchia lo stereotipo del classico Oultaw, cappello calato sugli occhi, barba lunga, la stracca per chitarra che sembra una cartucciera e le braccia tatuate, ma all’interno delle sue canzoni c’è un uomo semplice legato alle cose belle della vita, quelle che contano davvero, c’è sofferenza, gioco, e soprattutto c’è tutto se stesso. Non voglio parlare di un disco in particolare ma di una filosofia di vita che lo vuole un cantante indipendente, senza un’etichetta alle spalle che riempie i locali e scala le classifiche.

Non amare la country music dopo avere ascoltato How Country Music Sounded Before It All Went to Shit, vol. 1 sarebbe un peccato mortale!!! La musica di Creed travolge e coinvolge, in una perfetta alternanza di Honkytonk songs e di ballads, sia acustiche che elettriche, racconta storie e descrive paesaggi e situazioni che ogni disco dei due generi dovrebbe contenere, un manuale di come la musica country dovrebbe essere interpretata, canzoni giuste, melodie perfette ed uno straordinario uso degli strumenti.  12 canzoni da imparare a memoria e da portarsi in tasca per ascoltarle in qualsiasi momento della giornata perché sapranno dare una risposta a tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Una musica che diventa amica nella malinconia e nella spensieratezza, una musica che se la accogli sarà amica per la vita!

Creed è uno di noi, racconta di sé ma facendolo racconta di noi e nella sua musica c’è tutto quello che abbiamo amato e che continueremo ad amare. Che Dio benedica Creed Fisher… e benedica la Country Music!

Mercoledì 24 Febbraio 2021

Two Jacks Straight – Pistol Hill
She Don’t Know She’s Beautiful – Sammy Kershaw
You’re Still On My Mind – The Byrds
In the Jailhouse Now – Webb Pierce
Black Jack Road – Mark David Manders
You’re Gonna Love Me One Day – Heather Myles
Bound for Nowhere – Randy Murphy & Clay Hess
Texas Dance Halls – Jack Nelson Band
Hummingbird – The Honeygoats
I Am Your Man – The Ganges River Band
I Like It I Love It – Smalltown

Martedì 23 Febbraio 2021

On the Bright Side – Aliza Ford
Brand New Girlfriend – Steve Holy
This Side – Nickel Creek
People Like Me – Creed Fisher
Lonesome as Can Be – Joe Hott
Lucky S.O.B. – Brett Arthur Rigby
Bad Man Road – The Walker Avenue Gang
Half of Everything – Scott MacKay
Honest Man – Cody Ikerd and the Sidewinders
Single Scoop Single Lady – Luba Dvorak

Lunedì 22 Febbraio 2021

Brand New Girlfriend – Steve Holy
Too Bad You’re No Good – Alecia Nugent
The Rebel – Johnny Yuma – Johnny Cash
A Good Hearted Woman – Waylon Jennings & Willie Nelson
Help Me Hold On – Travis Tritt
Young Love – Sonny James
Paradise – Uncle Ben’s Remedy
I Take My Comfort in You – Max Flinn
Better Off Alone – Seth Jones
Nothing Said It All – Tommy Buller
I Can Bring Her Back – Creed Fisher

Sabato 20 Febbraio 2021

Rodeo Town – Richard Lynch
Brakeman’s Blues – Chris Thile
What Would You Say to Me – Mary Chapin Carpenter
Solitary Man – Johnny Cash
I’ll Be Your Baby Tonight (feat. The Cheap Dates) – Harry Dean Stanton
Go Away Sweetie – Broken Roads
Make-up & Faded Blue Jeans – Creed Fisher
Loose Loud and Crazy – Jamie Richards
I’m in Love with My Baby – Lovesick Duo
Right on Time – Matt Cox

Venerdì 19 Febbraio 2021

Bad, Bad Girl – The Derailers
Take This Job and Shove It – Johnny Paycheck
Honky Tonk Confessions – Mickey Lamantia
If You’ve Got the Money – Jacob Tovar & The Saddle Tramps
Ain’t Got the Time – The Dimestore Cowboys
Can You Believe My Luck – Lasers Lasers Birmingham
Thank You Sir (For Takin’ Her Away from Me) – Slim Hanson and the Poor Choices
Devil’s Howling Wind – Feeding Leroy
Hanging Me in Abilene – David Miner
Long Live Cowboys – Aaron Watson

Mike Randall – Bakersfield, TX

Mike Randall è figlio di un predicatore battista, cresciuto nei pressi di Dallas nel North Texas, in una famiglia dove si respirava musica e dove fin da piccolo, ha cantato gospel nelle chiese di tutto il paese. La vita purtroppo, molte volte, ci pone di fronte alle difficoltà. Mike era destinato a seguire le orme del padre e a trascorrere il resto della sua carriera musicale in chiesa come pastore di culto. Dopo un non facile divorzio, la sua passione per il gospel e il dolore che provava, hanno trovato rifugio nella Country Music. Mike Randall insieme ai The High Road è partito con una manciata di canzoni e le sue storia da raccontare  a portarle in giro per tutti gli States totalizzato, in pochi anni, quasi 500 date. Così dopo miglia e miglia è arrivato il suo primo disco, Bakersfield, TX, che atro non è che la storia di Mike messa in musica. L’album è stato registrato all’Acoustic Kitchen a Dallas, lo studio che è stato realizzato dalla leggenda della Country Music Charley Pride e ora gestito da Milo, Rachel, and Scarlett Deering. Bakersfield, TX è stata costruita nel 1929 durante l’oil boom, nel 1930 vantava una popolazione di 1000 abitanti ma subito dopo il crollo della borsa, la città  è stata abbandonata di colpo e ora, con una popolazione di circa 30 abitanti è una delle tante ghost town della provincia americana. Trovo un forte legame tra Bakersfield, CA (dove è nato il suono country degli anni 50, quello del classico twang) e Bakersfield, TX dove invece trova collocazione l’honkytonk che riempie i solchi di questo disco. La malinconia, l’abbandono, la desolazione, la solitudine sono temi della country music che Mike fa suoi raccontando di lui. Il disco suona benissimo con il twang della telecaster e la steel guitar a tracciarne le linee, la voce di Mike è quella giusta, quella di un amico che racconta storie e non ti annoia mai riuscendo a tenere alta la tensione ed incollandoti all’ascolto dall’inizio alla fine facendo crescere la curiosità canzone dopo canzone. Bakersfield, TX è un viaggio dell’anima che inizia con una tragica rottura Heartache a cui fa immediatamente seguito una presa di coscienza con After Heartache un momento che si consuma tradizionalmente in un honkytonk bar col fiddle a fare da narratore. Il disco si sviluppa intorno a ballad, mid-tempo, oldtime, honkytonk in una perfetta alternanza di suoni, strumenti ed ambientazioni per concludersi con l’evocativa e struggente title track. Un disco di pura Country Music che racconta la vita, che emoziona che porta il rapporto tra musicista ed ascoltatore su di un piano intimo, 12 canzoni che riescono ad arrivare al fondo dell’anima e dalle quali sono stato personalmente toccato, coinvolto ed emozionato. Un disco che commuove e mi rende sempre più convinto che, se il mondo ascoltasse più Country Music le cose andrebbero sempre più per il verso giusto. Grazie Mike, con tutto il cuore.

Giovedì 18 Febbraio 2021

Rosie – Darren Coggan
Goin’ Off – Tania Kernaghan
If I Didn’t Love You – Max Flinn
Freedom Feels Like Lonely – Joe Nichols
Yeah I Like Beer – Adam Harvey
Southern Style – Philip Claypool
East Bound and Down – The Road Hammers
If You’re Gonna Play In Texas (You Gotta Have a Fiddle In the Band) – Alabama
Honky Tonk Life – Creed Fisher
Danny’s Song – Beccy Cole

Mercoledì 17 Febbraio 2021

If You Can’t Be Good, Be Good At It – Neal McCoy
Tennessee Waltz – Patti Page
Long Way Down – Jon Randall Take It Easy – Eagles
Heaven South – Brad Paisley
Livin’ On Love – Alan Jackson
Watch It Fall – Billy Strings
Neon – Kevin Fowler
Remember When – Jay Stott

 

Martedì 16 Febbraio 2021

1970 Monte Carlo – Bastard Sons of Johnny Cash
The ‘F’ Word – Hank Williams, Jr.
Punch It – Ban Hatton
Just Call Me Lonesome – Carson Peters and Iron Mountain
Honky Tonk Sin – Geoffrey Miller
If I Keep On Going Crazy – Mel McDaniel
Guilty As Can Be – Cody Johnson
Cowboy Rides Again – Dakota Ritter
Cheating Game of the Blues – The Expedition Show
Drunk in My Drink – Harry Luge
Stayed ‘Til Two – Gord Bamford

Alecia Nugent – The Old Side of Town

The Old Side of Town, è il nuovo disco di Alecia Nugent dopo 11 anni di silenzio. Tra il 2004 e il 2009 aveva pubblicato tre album si bluegrass per la Rounder Records, ma ha rinunciato ad una promettente ed avviata carriera per dedicarsi, dopo il divorzio, a fare la mamma a tempo pieno. All’epoca vantava già 71 apparizioni sul palco del Grand Ole Opry ed era additata come una stella nascente del bluegrass.

Alecia, nata a Hickory Grove, in Louisiana, ha respirato fin da bambina la musica country e bluegrass grazie soprattutto a suo padre Jimmy Nugent, che aveva un gruppo bluegrass la Southland Bluegrass Band. A casa Nugent la sera, la famiglia si riuniva intorno al pianoforte a cantare canzoni gospel del sud e bluegrass.

The Old Side of Town, sulla cui copertina stringe in mano un disco di Don Williams, è registrato a Nashville con alcuni dei migliori musicisti di studio (il fiddler Stuart Duncan, il chitarrista Brent Mason e Paul Franklin alla steel guitar), è un disco di puro classic country ispirato agli anni ’80/’90 che si allontana dalle precedenti produzioni di Alecia che in questi 10 anni ha mantenuto immutata la sua voce, una voce capace di emozionare e di cantare della vita perché, nel rispetto dei temi classici, le canzoni del disco traggono ispirazione dalla vita reale. 

The Old Side of Town è una classica ballad, un omaggio a Tom T. Hall e a sua moglie Dixie, che ha offerto alla Nugent un lavoro come donna delle pulizie a Nashville per potersi mantenere quando si è trasferita per la prima volta in città e per permetterle di inseguire il suo sogno.

I Might Have One Too, di Erin Enderlin e Larry Cordle, racconta la storia di un marito che confessa i suoi peccati.

They Don’t Make ‘em Like My Daddy Anymore è una toccante ballad dedicata a suo padre che non potrà più avere accanto nello studio di registrazione.

Way Too Young for Wings è dedicata a tutti quelli che hanno perso troppo presto qualcuno nella propria vita, le è stata ispirata dal tragico incidente che ha tolto la vita al fidanzato di sua figlia a soli 21 anni.

Tell Fort Worth I Said Hello  è una perfetta country song con fiddle, steel guitar e pianoforte di quelle che si possono ascoltare in un honkytonk bar.

The Other Woman di Brandy Clark con protagonista il piano, parla di una donna che racconta una storia d’amore fatta di promesse infrante.

Too Bad You’re No Good è l’unica canzone nella quale riecheggia l’anima bluegrass di Alecia dove il mandolino ha sicuramente il suo peso.

Sad Song è una canzone straziante che racconta di una donna che ha trovato il coraggio di troncare una relazione oppressiva.

I Thought He’d Never Leave che chiude il disco è un classico con il piano che apre la strada alle galoppate di fiddle e steel guitar.

The Old Side Of Town è un album di classic country, di quello che le radio di Nashville snobbano ed é uno dei migliori album del 2020. Alcune canzoni strazianti, altre venate da un sottile umorismo ma in tutte si avverte sempre un senso di realismo. I suoi sono racconti di vita vera, che entrano nell’anima e vanno dritti al cuore.

Lunedì 15 Febbraio 2021

Me & My Friends – Hank Williams III
Jump (With The John Jorgenson Bluegrass Band) – David Lee Roth
Rocky Top – Lynn Anderson
When I’m Gone – The Steeldrivers
More Time Drinking Beer – Southern Drawl Band
Drivin’ – Richard Schroder
Love’s Little Lies – Weldon Henson
Heartaches and Heartbreaks – Town Mountain
Can’t Go Home Again – Tellico
Feed the Fire – Tip Jar
Hurt so Good – Mipso

Sabato 13 Febbraio 2021

Life Of Sin – Sturgill Simpson
Dumb Blonde – Dolly Parton
Good Ol’ Boys (From “the Dukes of Hazzard”) – Waylon Jennings
Mammas Don’t Let Your Babies Grow Up to Be Cowboys – Waylon Jennings & Willie Nelson
Folks Out On the Road – Johnny Cash & Waylon Jennings
Highwayman – Highwaymen
Coca Cola Cowboy – Mel Tillis
Mama Tried (Remastered) – Merle Haggard & The Strangers
Family Tradition – Hank Williams, Jr.
Music City USA – Bobby Bare
Willie, Waylon and Me – David Allan Coe

Venerdì 12 Febbraio 2021

All over Again – Lovesick Duo
Bandy the Rodeo Clown – Moe Bandy
Kiss an Angel Good Mornin’ – Charley Pride
Should’ve Been a Cowboy – Toby Keith
Get Out of My Country – Daryle Singletary
Jolie Louise (Gold Top Edition) – Daniel Lanois
Barely Breathing – Jeremy Studdard
Pickin’ and Grinnin’ – Lee Rocker
She’s Still Here – Billy Droze
Her Goodbye – Smalltown
Turn Me Loose – Creed Fisher

David Miner – Silver Valley

Non mi è ben chiaro il motivo, forse è l’età, forse è per aver ascoltato, acquistato e trasmesso tanta di quella musica dei generi più disparati che sono arrivato al punto di avere la nausea di molte cose e di tanti artisti e scoprire di essere in pace e felice solo ascoltando il classic country. La mia fortuna è che negli States, molti giovani artisti  provano le mie stesse sensazioni ed emozioni. Artisti che, dopo un passato in band di heavy metal, hard rock, classic rock e grunge hanno trovato consolazione nei classici del country e ne portano avanti la tradizione. o che, come David Miner, nato a Seattle (patria del grunge), si è appassionato da giovanissimo alla musica country classica. Le prime canzoni che ha imparato sono state quelle di Jerry Reed, Waylon Jennings e Willie Nelson assorbendo i temi dalle liriche di John Prine, Guy Clark e Billy Joe Shaver.

Lo stile di Miner è quello di dare una nuova interpretazione del sound classico. La musica country è una musica senza tempo che David ripropone nel più completo rispetto per i suoi eroi musicali calandola perfettamente nei nostri giorni. Le Rocky Mountains corrono a ovest quasi parallele alle Appalachian Mountains sulla costa est e da entrambe le catene montuose è nata e continua a vivere la musica che amo, quella country & western. Protagonisti assoluti dell’intero disco sono chitarra, fiddle e steel guitar impegnati in un reciproco inseguimento senza soluzione di continuità. Il disco si divide in classic country song e ballate prettamente chitarristiche. Silver Valley è un viaggio lungo le Montagne Rocciose e parte proprio dal profondo west con Dreaming of Montana dove i cieli sono i più blu e rappresenta la perfetta canzone western aprendo l’anima agli spazi incontaminati e alla semplicità della vita. All my Life è una ballad dove il fiddle e la steel guitar troneggiano. Time of Year è una meravigliosa classic ballad mid-tempo dedicata al Wyoming. Virginia Dale parla della cittadina del Colorado e delle leggende che si narrano nelle sue strade. Hanging Me in Abilene riporta la musica sulla frontiera della western music. Answering Machine è una old-time song che include tutti gli stilemi classici del country. Nella categoria guitar-ballad troviamo Silver Valley che ci porta in Idaho dove nel 1860 imperversava la corsa all’oro anche se alla fine, come si evince dal nome, il minerale più estratto risultò essere l’argento. Sycamore Trees è una splendida nostalgica fire-camp ballad che parla di ritorno a casa. Passing Cars è da pelle d’oca tanta è l’emozione che riesce a trasmettere. A Little More (Happy Now) e Pull Up a Chair hanno bisogno solo di una chitarra e di un semplice giro armonico per mettermi di buon umore e regalarmi un senso di pace infinita. Too Fast chiude il cerchio. Un disco emozionante e nostalgico, suonato come il country va suonato, con il cuore e l’anima e la voce di David risulta perfetta per il genere. 13 canzoni che fanno viaggiare lungo le Rocky Mountains dove è la tradizione a farla da padrona regalando valanghe di emozioni. Questa è la country music!

Giovedì 11 Febbraio 2021

Bandy the Rodeo Clown – Moe Bandy
All About Lovin’ – Josh Ward
Long Gone Lonesome Blues – Sheryl Crow
Making Music for Money – Kenny Rogers
Not Ready To Make Nice – Dixie Chicks
What I Want – Matty Charles & Katie Rose
Bottom of an Empty Bottle – Liam Kennedy-Clark Country Side – Michael Ray Fain
The Right Mood – Old Sky
You Ain’t No Hank – Richie Allbright
What Did He Say – The Roe Family Singers

Mercoledì 10 Febbraio 2021

Fourteen Gears – Midland
I Watched It All On My Radio – Lionel Cartwright
Bound for Nowhere – Randy Murphy & Clay Hess
Bad Deal – Turning Ground
All the Beers – Drew Parker
Porch Swing – Wes Nickson
You Lie – The Band Perry
Nothingtown – Daniel Lawrence Walker
Hard Workin’ Women – James Robert Webb
Boys in Blue – Matthew Upchurch

Martedì 9 Febbraio 2021

Half of Everything – Scott MacKay
I Saw It In You – Joe Ely
It’s a Great Day to Be Alive – Travis Tritt
All for Rum – Adam Harvey
Drunk Forever – Boots & The Hoots
I Don’t Love You Anymore – Lovesick Duo
Home on the Highway – Caney Creek
She’s a Lot Like Texas – The Derailers
So the Story Goes – Dirty Grass Soul

Lunedì 8 Febbraio 2021

Goin’ and a Blowin’ – Jarrod Birmingham
Tangled Up In Blue – Bob Dylan The Rain – Dallas Moore
Dreaming of Montana – David Miner
I’m in Love with My Baby – Lovesick Duo
She’s Moving On – Tanner Sparks
Ramblin’ on My Mind – The Dirty Grass Players
Can’t Say When – The Greenliners
That’s Life – Willie Nelson

Victoria Bailey – Jesus, Red Wine e Patsy Cline

Victoria Bailey ha riassunto in questo titolo tutto ciò di cui abbiamo bisogno unendo suono honky tonk, Patsy Cline, Emmylou Harris, Loretta Lynn e Dolly Parton e trasportando lo spirito del Bakersfield sound della sua nativa California, nel 21 ° secolo grazie a canzoni fuori dagli schemi edulcorati della maggior parte delle cantanti contemporanee nel regno country.

Jesus, Red Wine e Patsy Cline che è uscito il 18 Settembre 2020 è Il suo primo album e contiene nove canzoni, otto originali e una cover. Racconta storie d’amore, di dolore e di viaggi all’inseguimento dei propri sogni, abbracciando le radici più profonde della cultura della musica country. Un disco da assaporare come un genuino moonshine fatto da chitarra, violino e pedal steel sullo sfondo dei paesaggi californiani.

Honky Tonk Woman, è stata la prima canzone scritta per il disco e rappresenta un manifesto programmatico dove ci racconta di come sogni di diventare la cantante country perfetta, in grado di essere la colonna sonora per tutti i momenti importanti della vita.

The Beginning è una canzone d’amore nato su una pista da ballo interamente costruita sull’intreccio di chitarra acustica, elettrica e pedal steel.

Ramblin ‘Man è una ballad adagiata su una languida steel guitar e racconta di sotterfugi e scorciatoie invece di intraprendere la strada dell’onestà.

Spent My Dime on White Wine, è impreziosita dal supporto di un coro gospel sostenuto da un piano Rhodes.

Homegrown Roots è un brano dedicato a Nashville che ammicca ai facili ritornelli tipici di Music City.

La cover è Tennessee per rendere omaggio a Johnny Cash reinterpretandola in perfetta linea con i suoi otto originali.

Outlaw riunisce il twang ed il western swing risultando un grazioso valzer sulle cui note scorre un’armonica a cucirne la melodia.

Skid Row è un chiaro omaggio all’ honky tonk grazie anche al classico pianoforte e al fiddle.

L’album si conclude con Travelin ‘Kind, un monito sulle difficoltà che si possono incontrare avendo una relazione con un musicista che trascorre la maggior parte del tempo in viaggio.

Victoria è stata sempre circondata dalla musica, suo padre era batterista di una rock ‘n’ roll band mentre sua madre ascoltava il folk di Cat Stevens e James Taylor. Dopo aver ottenuto la sua prima chitarra all’età di 12 anni, ha incominciato da subito a scrivere canzoni, un talento che da lì a pochi anni stupì così tanto suo padre che alla fine decise di chiamare i suoi tre migliori amici musicisti chiedendo loro di  unirsi a lui e diventare la band di supporto di sua figlia, incominciando ad esibirsi in giro per il Golden State. Suonando in honky tonks e bar ha incominciato piano piano a farsi le ossa imparando il mestiere della musicista country tradizionale. Trascorsi cinque o sei anni era pronta a trasporre la sua straordinaria propensione per i concerti live al debutto con un intero album.

Il country classico cattura e fa sentire le persone a proprio agio, questo disco mi fa sentire proprio così, a casa, al sicuro, a mio completo agio. Un disco splendido che le è valso la copertina di Country People Magazine di Febbraio 2021 e credo un posto nel cuore di tutti noi.

Sabato 6 Febbraio 2021

Silverado Saturday Night – Aaron Watson
Maybe I’m Wrong – Blues Traveler
(A Hard Way To Make An) Easy Livin’ – Garth Brooks
Skid Row – Victoria Bailey
11 Yellow Roses – Scott MacKay
Don’t Drink My Whiskey – Jake Bush
Ain’t No Other Place (For You and Me) – Lovesick Duo
Where the Honkytonk Belongs – Gethen Jenkins
Cruel Intentions – Grady Skelton

Venerdì 5 Febbraio 2021

Blue Collar – Alan Carl
Suds In the Bucket – Sara Evans
Red Dirt Roads – Red Dirt Rangers
Time of Year – David Miner
Highway Number One – Adam Harvey
Drinkin’ in the Afternoon – The Divorcees
Time’s a Wastin’ – Richard Schroder
If I Didn’t Love You – Max Flinn
Half of Everything – Scott MacKay
Cheatin’ List – Dawn Anita

Giovedì 4 Febbraio 2021

Rabbit’s Got the Gun – Brett Arthur Rigby
My Best Thinkin’ – Clint Black
Deeper Than the Holler – Randy Travis
Our Country (Rock Version) – John Mellencamp
Skid Row – Victoria Bailey
Down in Stillwater Oklahoma – Joe King
I Want to with You – Jamie Richards
Stone Cold Painkiller – Jimmy Weber
Alone for the Apocalypse – Reverend Hylton

Scott MacKay – Stupid Cupid

Una cosa che apprezzo della cultura americana è il rispetto delle tradizioni di famiglia e di tutto ciò che gli è appartenuto, il preservarne i ricordi e farne tesoro. La musica country è lo specchio di questo, di come la tradizione musicale venga tramandata di generazione in generazione mantenendone immutato il valore. Scott MacKay è un giovane che è cresciuto col suono Twang delle Telecaster  e di tutto quello che proviene dalla musica country degli anni ’50 e ’60. Viene da Charlottetown in Canada e nelle 10 canzoni originali che compongono il suo terzo album Stupid Cupid, offre una versione fresca e moderna del country classico. Il suo amore per questa musica è sbocciato definitivamente una sera ad un open-mic al Cafe Koi di Calgary dove ha incontrato un artista di nome Carter Felker che lo ha invitato ad una jam session dove ha conosciuto John Prine, e il mondo di musica country gli si è spalancato dinnanzi.

MacKay affronta i temi classici della musica country quello giocoso, quello di amori finiti, quello di omicidi… raccontandoli sempre con una buona dose di umorismo nei testi lasciando comunque a una parte emozionale nelle canzoni dove si ride e si gioca ma dove ogni tanto si versa anche una lacrima. Per migliorare il suo stile, Scott ha seguito corsi di scrittura a Nashville ed anche il suo lavoro di insegnante elementare lo aiuta molto nel rendere freschi, moderni ed immediati i suoi testi. Un disco di country degli anni ’50 completamente immerso nel 2021 che fa esattamente ciò che un disco di musica country deve fare… farci stare bene!

Mercoledì 3 Febbraio 2021

American Pie – Don McLean
Rave On – Buddy Holly
White Lightnin’ – The Big Bopper
Are You Ready for the Country – Waylon Jennings
Come On, Let’s Go – Ritchie Valens
Teenager in Love – Dion DiMucci
Killing Me Softly With His Song – Roberta Flack
Goodbye Earl – Dixie Chicks

Martedì 2 Febbraio 2021

Riders In The Sky – The Blues Brothers
Groundhog – The Slocan Ramblers
Winter Winds – Mumford & Sons
Save It For A Rainy Day – The Jayhawks
Sunny Came Home – Shawn Colvin
Any Old Wind That Blows – Johnny Cash
Have You Ever Seen the Rain? – Creedence Clearwater Revival
Bringing Back The Sunshine – Blake Shelton
Colder Weather – Zac Brown Band
Bring Me Sunshine – Willie Nelson

Lunedì 1 Febbraio 2021

Honkytonk Heaven – Kendall Shaffer
Texarkana Baby – Eddy Arnold
River – Jason Isbell and the 400 Unit
Who Needs Pictures – Brad Paisley
Gravity’s Gone – Drive-By Truckers
Detroit – Band of Ruhks
Honky Tonk Crowd – Braxton Keith
Way to Go God – Cliff Cody
Look into Her Eyes – Danny Burns
South Dakota – Luke Hendrickson
One More Phonecall – Honky Tonk Men

Lovesick Duo – All Over Again

Francesca Alinovi e Paolo Roberto Pianezza sono due persone fantastiche, due musicisti con i controca… fiocchi, ma prima di tutto due amici con i quali ho avuto la fortuna di condividere alcuni momentiI indimenticabili e la passione per la cultura musicale del sud degli stati uniti il folk, il country&western, il rockabilly. Sono un duo composto da double bass e chitarra, non si avvalgono di batteria perché Francesca, grazie alla tecnica Thumb and Popping  applicata al contrabbasso, sostiene interamente la parte ritmica incrementata durante l’ultimo anno, dell’aggiunta di un brush pad che applicato alla parte superiore del corpo del double bass funge da rullante che Francesca suona con una spazzola con una scioltezza che fa sembrare facile quello che invece è un grande dono, pochi come lei sono in grado di trattare così uno strumento considerato di backline che nelle sue mani diventa un assoluto ed insostituibile protagonista. 

Paolo, suona chitarra elettrica, chitarra resofonica e lap steel, dire solo che suona è riduttivo perché è uno dei migliori chitarristi che abbia mai visto in azione, una tecnica ed una facilità di passare da uno strumento e da uno stile all’altro impressionanti e se unito a questo mettiamo il fatto che mentre fa tutto ciò canta e anche molto bene.. entra nella categoria dei fenomeni.

Paolo è la voce principale e l’autore dei brani che vengono perfezionati insieme e dove Francesca sostiene tutti i cori.

Durante i primi anni hanno documentato la loro attività con un VLOG divertentissimo nel quale raccontavano la vita dei musicisti on the road ed un appuntamento il lunedì pomeriggio nel quale, in diretta streaming, invitavano musicisti nel loro salotto coi quali parlavano di musica e improvvisavano jam session.

Il nome Lovesick Duo deriva dalla canzone Lovesick Blues di Hank Williams che apre il loro primo disco omonimo del 2015 che è un omaggio ai classici del folk del country e del r’n’r dove si trova tanta tradizione americana (Texas Plyboys, Chuck Berry, Merle Travis, Hank Williams…)

The New Orleans Session (2017) è un disco registrato durante uno dei loro lunghi viaggi annuali a New Orleans, soggiorni nei quali approfondiscono la lingua, la cultura e la musica stringendo Jam Session improvvisate con gli artisti che popolano quelle strade che trasudano di musica e tradizioni ed esibendosi a loro voltaovunque gli capiti di suonare. In questo disco incominciano ad apparire le prime canzoni scritte in italiano, alcune delle quali saranno inserite nel loro primo vero e proprio disco di inediti La valigia di cartone del 2018. 

Nonostante abbiano da tempo pronto un nuovo disco di inediti in italiano, in questo 2021 hanno deciso di pubblicarne uno di inediti in inglese in previsione di un tour estivo in giro per tutta l’Europa, ci auguriamo che l’emergenza COVID gli permetta di far conoscere la loro musica in giro per il mondo… se lo meritano davvero.

All Over Again è uscito il 15 di Gennaio, in formato digitale, in CD ed in Vinile. Sono rimasti i testi ironici che in questo disco sono però in inglese e le grandi performance al double bass della Fra e l’uso massiccio di chitarre da parte di Paolo. La title track e Second Chance saranno rispettivamente il lato A e il lato B del loro 45 giri, di entrambe le canzoni sono già usciti due splendidi video. Parlano, la prima, di conquiste amorose mentre l’altra della seconda possibilità di ricostruire il rapporto con la fidanzata giocata su un simpatico duetto vocale e strumentale. Black and White Light ha venature blues, I Might Be Going Home richiama il western swing con la chitarra resofonica a dettarne la linea. Ain’t No Other Place (For You and Me) ci riporta al temi tipici del Vaudeville arricchito dalla presenza del Fiddle di Alessandro Cosentino. I Wish You Were My Baby è una ballad up tempo tipica dei ’50 a tema corteggiamento. I’m in Love with My Baby, tipicamente rockabilly, parla sinteticamente dell’accettazione dell’altro. Paradise Island è un brano strumentale interamente giocato con la lap steel, uno strumento di origine Hawaiana, che riporta automaticamente alla mente le spiagge delle isole dell’arcipelago americano. I Don’t Love You Anymore è una country ballad che affronta un classico tema del genere… un amore finito. The World Is Different Without You porta lo spirito direttamente a Frenchmen Street, la strada della musica di New Orleans. That Record That You Liked è una ballad in perfetta linea con lo stile Americana. Lovesick Boogie, come dice il titolo stesso, è un boogie-woogie strumentale dall’atmosfera dei primi del ‘900. Il disco non potrebbe trovare conclusione migliore che con Today’s the Day, un consiglio che richiama il Carpe diem Oraziano e ci invita a prendere tutto quanto di buono ci riserva il giorno che stiamo vivendo.

Un disco divertente e travolgente dove i testi rispecchiano quelli già apprezzati nelle loro composizioni in lingua italiana rendendo il prodotto vendibilissimo sia sul mercato nord ed est europeo che su quello d’oltre oceano. Scittura fresca e immediata che, anche grazie alla grande presenza della Frà e di Paolo sul palco, continuerà a coinvolgere, nonostante la distanza linguistica, il pubblico che accorrerà sempre numeroso ad ascoltarli. Lovesick Duo sono quanto di più vicino possa esserci in italia alla filosofia musicale del Country Bunker, oltre all’affetto ed alla stima che provo per loro, All over again è un disco acquistare, da consumare e da spammare… questa è la Musica che voglio e che desidero ascoltare.

Sabato 30 Gennaio 2021

Neon Town – David Adam Byrnes
Get Back – Nitty Gritty Dirt Band
Second Chance – Lovesick Duo
Devils River – Will & the Wilderness
All the Beers – Drew Parker
Only Thing That’s Gone (feat. Chris Stapleton) – Morgan Wallen
Reverend Jackson – Turning Ground
Waiting on You – Tony Jr and the Magic Valley
Leaving Brownsville Tonight – Matt Castillo
Sea Stories – Sturgill Simpson

Venerdì 29 Gennaio 2021

The Party’s Over – Aaron Lewis
Song to Woody – Bob Dylan
Gentle On My Mind – Glen Campbell
All Night Long – Steve Martin & Steep Canyon Rangers
Ode to Billie Joe – Bobbie Gentry
Up On the Hill Where They Do the Boogie – John Hartford
I Like to Drink – Dustin Collins
Heart of My Love – Breaking Grass
Midwest Girl – Chain Station
None’ya – Hayes Carll

Giovedì 28 Gennaio 2021

Bring Back My Honky Tonk – Beau Byrd
Pistol Packin’ Mama (Remastered) – Al Dexter
The Gambler – Kenny Rogers
Take off Your Tin Foil Hat – JP Harris
Alone in the Lone Star – Hunter Thomas Mounce
One Tonight – Chris LeDoux
Cowboy Show – Armond Duck Chief
Kentucky Blue – Billy Droze
Don’t Weep for Me – Blue Highway
Wildwood Flower Blues – The Caleb Daugherty Band

Mercoledì 27 Gennaio 2021

Honky Tonk Hide Away – Sons of the Palomino
Sticks and Stones – Tracy Lawrence
There’s Your Trouble – Dixie Chicks
If I Had a Hammer (Hammer Song) – Pete Seeger
San Andreas – Dan Allen Crawley
Hammer Down Again (feat. Zach Burnette) – Mike Sheffield
Damage I Done – Rob Mayes
No Way to Know – The Red Clay Strays
She Shows Up – Terry McBride
Half a Mind to Go Crazy – Tyler Booth

Martedì 26 Gennaio 2021

January – Tyler Lance Walker Gill
Good Ol’ Boys (From “the Dukes of Hazzard”) – Waylon Jennings
Passionate Kisses – Lucinda Williams
You Make It Easy to Love Again – Zephaniah OHora
Don’t You Know I’m from Here – Brennen Leigh
Slowing Down in Style – Bryan James
Country Boy Lovin’ – Dillon Carmichael
Try a Little Kindness – Wynn Williams
Road Runner (feat. Colter Wall) – Vincent Neil Emerson
What It Is I Want – Tyller Gummersall

Lunedì 25 Gennaio 2021

Ride On – David Quinn
Two of a Kind, Workin’ on a Full House – Garth Brooks
Why Cry – Crystal Gayle
When It Rains It Pours – Luke Combs
Ain’t No Other Place (For You and Me) – Lovesick Duo
$13 Beers – Chicago Farmer
You’re Why God Made Me – Bret Mullins
Highs and Lows – Coby Langham & The Citizen Band
Brothers of the Highway – George Strait
Honkiest of Tonkers – Garrett Bradford

Sabato 23 Gennaio 2021

Lone Star Saturday Night – Drew Fish Band
The Ballad of Jed Clampett – Lester Flatt & Earl Scruggs
Beer On the Table – Josh Thompson
Every Silver Lining – Gary Allegretto
Tucson – The Reeves Brothers
I’m Coming Home – Henry Conlon
Born Too Late – Chance Howland
The Outside Circle – Mike Blakely
God Is Good – Chris Hennessee
The Only Thing She Left – The Domino Kings

Venerdì 22 Gennaio 2021

Buckle Up! – The Kokomo Kings
Sugarfoot Rag – Red Foley
Mountain Music – Alabama
In The Jailhouse Now – The Soggy Bottom Boys Feat. Tim Blake Nelson
Rivers, Rains and Runaway Trains – Balsam Range
Lucky Strike – Seth Ward
Another Mile – Billy Bray Band
Dive Bar (the duet with Blake Shelton) – Garth Brooks
More Than One Night a Day – George Dearborne
San Antonio By Sundown – The Golden Roses

Giovedì 21 Gennaio 2021

Lovin’ over Me – Chad Bushnell
I’m a Ramblin’ Man – Waylon Jennings
Last Outlaw’s Ballad – Branden Wayne Martin
Growin’ Old – Johnathan East
Cheating Game of the Blues – The Expedition Show
I’m Coming Back to Town – Joe Hott & The Short Mountain Boys
What a Way to Go – The Manly Deeds
Weight of the World – Western Centuries
My Heroes and Their Songs – Eli Hundley
Giving Up – Caleb Allemand

Martedì 20 Gennaio 2021

Get Out of My Country – Daryle Singletary
Honky Tonk Blues – Pirates of the Mississippi
Sold (The Grundy County Auction Incident) – John Michael Montgomery
My Hometown – Charlie Robison
Tequila Makes Her Clothes Fall Off – Joe Nichols
When It Rains It Pours – Luke Combs
Kinda Don’t Care – Justin Moore
Long Hot Summer Day – Turnpike Troubadours
Only One You’ve Known – Denny Herrin
Alabama – Cross Canadian Ragweed

Martedì 19 Gennaio 2021

College (feat. Kevin Fowler) – Chancey Williams
Coat of Many Colors – Dolly Parton
Ope Nope – Berens & Greuel
Honky Tonk Highway – Clay Hollis
Who Will Bring You Whiskey – Bo DePeña
Shine – Creed Fisher
Pink Shades – The Barrens
She Couldn’t Change Me – Montgomery Gentry
Not the Man You Knew – Brew Davis
Steel Toes – Dave Reader

Lunedì 18 Gennaio 2021

People Get Ready – The Blind Boys of Alabama
Pride (In the Name of Love) – U2
The Road I’m On – Garth Brooks
Back Home to You – Jordan Allen & the Bellwethers
Let You Down – Zach Bryan
Cold Beer and Country Music – Mark Willenborg
Burning It up Again – Will Banister
Redneck in Training – Lyle Manring
October Fall – The Alex Leach Band

Sabato 16 Gennaio 2021

Two Lane Time Machine – Clayton Smalley
A Woman In Love – Ronnie Milsap
Behind Closed Doors – Charlie Rich
Time Changes Everything – Carl Smith
The Sun Will Rise Again – James Ellis and the Jealous Guys
Losing Hand – The Divorcees
One Last Two Step – Royce Johns
The Rocky Road Blues – The Roe Family Singers
Here Come the Teardrops – Terry Baucom’s Dukes of Drive
11 Yellow Roses – Scott MacKay
Ups and Downs – Josh Meloy

Giovedì 14 Gennaio 2021

Break My Honky Tonk Heart – Scott Southworth
It’s Not Too Late – T Bone Burnett
Rain King – Counting Crows
6th Avenue Heartache – The Wallflowers
I Am A Man Of Constant Sorrow – The Soggy Bottom Boys
The Good Life – Bruce Robison
Slowing Down in Style – Bryan James
Honky Tonk Hell – Gabe Lee
A Million Ways to Die – Alan Jackson

Mercoledì 13 Gennaio 2021

The Race Is On – George Jones
Troubled Heart – Jenny Lou Carson
Bouquet of Roses – Eddy Arnold
Good luck heart – Greg Trooper
Ladies Love Country Boys – Trace Adkins
The Times They Are A-Changin’ – Bob Dylan
Folsom Prison Blues (Live at Folsom State Prison, January 13 1968) – Johnny Cash
Kiss an Angel Good Mornin’ – Charley Pride
Two of a Kind, Workin’ on a Full House – Garth Brooks
Love’s Gonna Live Here – Buck Owens
The Cowboy In the Continental Suit – Marty Robbins
500 Miles Away from Home – Bobby Bare

Martedì 12 Gennaio 2021

12 Ounces of I Don’t Care – Kendall Shaffer
Wild Man – Ricky Van Shelton
That Kind of Love – Barbara Nesbitt
The Ride – Becky Buller
Palomino – Tris Munsick & the Innocents
Thunderbird Wine – David Quinn
Heartbreak College – Tyller Gummersall
Strength in Numbers – Luke Hendrickson
Hell I’m Just Me – Hub Reynolds Jr
Following the Rails – Crow Mountain

Lunedì 11 Gennaio 2021

Roll, Big Wheels, Roll – Sean Burns
Amarillo Highway – Robert Earl Keen
Ring of Fire – Johnny Cash
Hummingbird – The Honeygoats
She’s Moving On – Tanner Sparks
Count on Me – South Texas Tweek
Born Too Late – Chance Howland
Blow My Mind – Logan Ryan Band
Honky Tonk Sin – Geoffrey Miller
She Even Woke Me Up to Say Goodbye – The Del McCoury Band
Whatever It Takes – Chris Callaghan

Sabato 9 Gennaio 2021

Put the O Back In Country – Shooter Jennings
Simple Twist Of Fate – Joan Baez
Theme From Rawhide – The Blues Brothers
So Far Away – Blue Rodeo
Some Things – Brendon James Wright & The Wrongs
The Guy That Says Goodbye to You Is Out of His Mind – Griffin House
Beaumont – Hayes Carll
Old Mountain Line – Po’ Girl
Anyone Else But Me – Two Dollar Pistols
One True – Uncle Earl

Venerdì 8 Gennaio 2021

Prisoner – Addison Johnson
Blue Moon Of Kentucky – Elvis Presley
Hello, I’m a Truck – Red Simpson
Make It Back to Texas – Bernie Nelson
Maybe I Am – Creed Fisher
Tequila Salt and Time – David Adam Byrnes
Ballad of Spider John – Eric Woodring
Me and My Machine – Gus Clark & The Least of His Problems
Running out of Steam – Jason Ray Welsh
Backroad Bad – Johnny Jolin

Giovedì 7 Gennaio 2021

Honky Tonk Holidaze – Dallas Moore
As the Crow Flies – David Lee Murphy
Shuttin’ Detroit Down – John Rich
I Love the Backroads – Folks Like Them
Just a Girl I Used to Know – Phil Valdez
Don’t Make Me Have to Come In There – Ken Mellons
Rules to Live By – Just Dave Band
Rusting Away – Dave Tucker
Old Chevelle – Austin McCutchen
Poor Old Man – Dwight McCall

Mercoledì 6 Gennaio 2021

We Three Kings – The Infamous Stringdusters
Three Men On a Mountain – Damascus Ridge
Three – Wildfire
Three Marlenas – The Wallflowers
A Pick & Three Whole Dollars – Billy Failing
Three Chairs – Lucas Hudgins
Three Fingers Tequila – Mark David Manders
Three Good Reasons – Dwight Yoakam
Three People – Mayeux & Broussard
Three Chords – DocFell & Co.

Martedì 5 Gennaio 2021

2nd Luckiest Guy – The Domino Kings
Doing What’s Right – Mark Nesler
Jesus and Johnny Cash (feat. Kevin Fowler) – Jarrod Birmingham
All over Again – Lovesick Duo
Rodney Dangerfield – The Bow Ties
Misery & Gin – George Shingleton
You’re Why God Made Me – Bret Mullins
22 – Swingin’ Doors
Old and Worn Out – Dave Reader
Oilfield Trash – Creed Fisher

Lunedì 4 Gennaio 2021

Thanks a Lot – The Nightdrivers
A Handful of Dust – Patty Loveless
Out By the Fire – Chris DeAnda
Untitled – Abe Mac
Country Boy – Conrad F Campbell
There’s a Limit – Stonewall Jackson
Two Lane Time Machine – Clayton Smalley
Hell (Or) Houston – Mason & the Gin Line
Oh Sarah – Sturgill Simpson
Long Live Cowboys – Aaron Watson

Sabato 2 Gennaio 2021

Tumbling Tumbleweeds – The Sons of the Pioneers
Too Old To Cut the Mustard – Ernest Tubb & Red Foley
The Race Is On – George Jones
The Great Speckled Bird – Roy Acuff
Your Cheatin’ Heart – Patsy Cline
Sea of Heartbreak – Don Gibson
Gentle On My Mind – Glen Campbell
Drivin’ My Life Away – Eddie Rabbitt
Crazy Arms – Ray Price
Above and Beyond – Buck Owens
King of the Road – Roger Miller
Big Iron – Marty Robbins
Stand By Your Man – Tammy Wynette

Country Bunker Music Awards 2020

1. Rollin’ On – Jesse Daniel

2. Starting Over – Chris Stapleton

3. One Night at the Crystal Lounge – Luke Hendrickson

4. Listening to the Music – Zephaniah OHora

5. Arrows – Bowregard

6. Letting Go – David Quinn

7. Almost Home – The Piedmont Boys

8. The Wildmans – The Wildmans

9. Tyller Gummersall – Tyller Gummersall

10. Washakie Wind – Tris Munsick & the Innocents

11. Elements – Fireside Collective

12. Reynolds Station – Josh Merritt

13. Distance and Time – Becky Buller

14. Rowdy to Righteous – Kendall Shaffer

15. JD Clark – JD Clark & The Stuck in the Mud Band

Martedì 29 Dicembre 2020

Living Alone – Seth Ward
Don’t Be Cruel – Elvis Presley
Time In a Bottle – Jim Croce
Creeping Round My Cabin – Missy Armstrong
All by My Lonesome – Mickey Lamantia
Think Myself to Death – Kyle LaLone
Beer – HAM Rodeo
Just Another Country Song – Daniel James & the Old
Last One Hanging ‘Round – Chase Crawford
Daddy’s Money – Brandi Behlen
Every Little Thing – The Barefoot Movement
Apples in the Fall – Anna Lynch

Lunedì 28 Dicembre 2020

Honky Tonkin’ Again – Elijah Ocean
Sing a Sad Song – Merle Haggard
Asheville Nashville Austin – The Band of Heathens
Reach Down – Caleb Caudle
Run Horse Run – Charley Crockett
Red, White & Blue Jeans – Creed Fisher
Devil You Know – Drew Fish Band
All Jokes Aside – Eleven Hundred Springs
Tween the Lines – The Family Sowell
Hey, Coyote – Mipso
Runnin’ Drugs Out of Mexico – Billy Don Burns

Merry Country Christmas Y’all 2020

Santa Claus Is Coming to Town – Wade Bowen
Honky Tonk Christmas – Alan Jackson
Here Comes Santa Claus (Right Down Santa Claus Lane) – Gene Autry
Rudolph the Red-Nosed Reindeer – Ned LeDoux
Leroy the Redneck Reindeer – Joe Diffie
Santa’S Flying a 747 Tonight – Andy Lee Lang
Frosty the Snowman – Toby Keith
The Coolest Pair – Clint Black
Beer With Santa – The Mauldin Brothers
The Christmas Party – Craig Moritz
Santa Got Busted by the Border Patrol (feat. Ray Benson) – Kevin Fowler
A Christmas Fable – Jody Booth
Rockin’ Around the Christmas Tree – Brenda Lee
Christmas In Carolina – Lorraine Jordan & Carolina Road
Santa Looked a Lot Like Daddy – Brad Paisley
Christmas must be tonignt – Nashville & Backbones
Winter Wonderland – Kyle Park
Christmas in Texas (feat. Kevin Fowler) – Asleep at the Wheel

Mercoledì 23 Dicembre 2020

Mama & Daddy – Dallas Moore
Beer Can – Luke Combs
All American Singer – Zephaniah OHora
Down the Road – Django Walker
Palomino Gold – The Wilder Blue
Texas Forever – Nick Hirsch & The Natural Disasters
Designated Drinker (with George Strait) – Alan Jackson
Love Medicine – Nate Lee
Old Home Place – Mountain Highway

Martedì 22 Dicembre 2020

State of Heartbreak – Joey Allcorn
Mama’s Town – Dave Dudley
I’ll Fly Away – Alison Krauss & Gillian Welch
Wrong Turns – The Piedmont Boys
Take the Long Way Home – Alex Leach
Your Key Don’t Fit My Lock – Broken Heart University
Last One Hanging ‘Round – Chase Crawford
Letting Go – David Quinn
Dana – Dewey & Leslie Brown and The Carolina Gentlemen
Sunday in the Kitchen – Folks Like Them

Lunedì 21 Dicembre 2020

Hammer of the Honky-tonk Gods – Bill Kirchen
My Heroes Have Always Been Cowboys – Willie Nelson
Goin’ and a Blowin’ – Jarrod Birmingham
Home Sweet Texas – Bret Mullins
My Brothers First Girlfriend – Barb Waters & the Mothers of Pearl
Just Wanna Drink – Frank Nerkowski
Clementine – The Merles
Hi-Ways – Hugh Phillips
Middle West – American Longspurs
I’d Take Another One of Those – Shenandoah & Zac Brown Band
Mama’s Town – Dave Dudley

Sabato 19 Dicembre 2020

Rice Beans – The Piedmont Boys
Load On My Mind – Trevor V Stevens
In the Works – Robert Henry
The Lakeview Dance – The Barrel Boys
Devils River – Will & the Wilderness
Black Rose – Mark Chesnutt
My Life Is a Country Song – Swingin’ Doors
Steel Toes – Dave Reader
No One Wins – Emerald Butler
Marianne – Mipso

Venerdì 18 Dicembre 2020

Long Way to Huntsville – Jack Nelson
How Country Feels – Randy Houser
Is It Still Over? – Randy Travis
Maybe I Am – Creed Fisher
Let It Rain (feat. The McCrary Sisters & Steve Earle) – Buddy & Julie Miller
Get to Work Whiskey – Ward Davis
Living a Nightmare – Tanner Sparks
Ladies Love Outlaws (feat. Jamey Johnson & Melonie Cannon) – Mickey Lamantia
Heartache at the Jukebox – The Piedmont Boys
When You’re Called – Folks Like Them

Giovedì 17 Dicembre 2020

High as a Kite – Scott Sturgeon
All American Texan – Tracy Byrd
Let It Roll – Midland
Goin’ Across the Mountain – Appalachian Road Show
Welcome to Hard Times – Charley Crockett
Just Another Country Song – Daniel James & the Old 300
Any Ol Sky – Jordan Miller Sounds
Average Faces – Midnight Skyracer
Life Ain’t Fair and the World Is Mean – Sturgill Simpson
Two Ships – Thunder and Rain

Mercoledì 16 Dicembre 2020

No Trouble No More – JP Cyr and the Midnightmen
Yeah Buddy – Jeff Carson
Crazy Arms – Ray Price
Simple – Zach Cornell
Cold Hard Truth – Aliza Ford
Stranger – Billy Don Burns
Station to Station – Chatham County Line
Misery’s Embrace – Jim Lauderdale
Hooked On Bluegrass – Junior Sisk
I Gotta Go – Lindley Creek

 

David Quinn – Letting Go

David Quinn nasce a Chicago come batterista, nei lunghi periodi trascorsi in tour per gli Stati Uniti con numerose band, ha trovato il tempo, durante i lunghi spostamenti, di scrivere un ampio catalogo di canzoni. Tornato nel Midwest per riordinare le idee, è immediatamente partito per Nashville. Qui un paio di miglia ad est di Music City, si trova The Bomb Shelter, uno degli studi di registrazione analogici più attrezzati di Nashville, dove sembra che il tempo si sia fermato agli anni ’70, di proprietà di Andrija Tokic, conosciuto alle masse per aver prodotto nel 2012 l’album Boys and Girls di Alabama Shakes. David Quinn ha registrato lì nel giugno 2018 il suo primo album Wandering Fool con una band composta da Dave Roe (il bassista di Johnny Cash), Jimmy Lester (batterista di Billy Joe Shaver) e Micah Hulscher (tastierista di Margo Price). La fusione di questi musicisti iconici con il suo stile country del Midwest ha dato al suo primo album in studio un suono unico nel panorama del country classico. David aveva tante canzoni pronte che immediatamente nel 2020 è uscito con un nuovo album Letting Go, con la produzione di Mike Stankiewicz troviamo ancora Micah Hulscher insieme ad un manipolo di musicisti di prim’ordine: Dillon Napier (batteria), Jamie Davis (chitarra), Brett Resnick (steel guitar) e Laur Joamets (già chitarrista di Sturgill Simpson e ora Drivin’ & Cryin’). Al contrario di molti dischi pubblicati ad east-Nashville, a volte troppo ridondanti di suoni anni ’70, questo Letting Go è un vero disco country del 2020, duro e puro, dai suoni moderni e puliti con canzoni che rispecchiano appieno la filosofia esistenziale del Country, quella che ci spinge ad andare avanti nonostante le difficoltà, invitandoci a lasciarsi alle spalle tutti i problemi della vita.

Le canzoni contenute nel disco sono classic country, già con la title track appare un twang da California anni ’50 e un sentore di honky tonk incomincia a pervadere l’intero disco. Ride On e Thunderbird Wine sono due up-tempo al fulmicotone, 1000 Miles e Midnight Woman sono quanto di meglio si possa trovare sul mercato dell’Outlaw Country. Hope I Don’t e Let Me Die With My Boots On sono due classiche Country Songs. Horse e la conclusiva Maybe I’ll Move Out to California sono due languide country ballad sostenute la prima da una steel guitar e l’altra da una Telecaster.  Born to Lose è forse la meno ortodossa, incorpora sfumature blues pur mantenendo la coerenza di una country song. 

Forse per tutto quanto ci sta accadendo attorno, forse per la ricerca di un ritorno alle cose semplici, forse perché stanchi della melassa country pop che l’industria discografica di Nashville cerca di propinarci quotidianamente, sta di fatto che, questo 2020 ci continua a regalare dischi con quel suono e quelle storie che vorremmo ascoltare sempre, non andando a riascoltare Waylon Jennings o Merle Haggard, ma scritte da ragazzi giovani che fortunatamente riescono a regalarci in questi tempi bui, quelle emozioni ancestrali che solo la musica country&western è in grado di offrirci.

Martedì 15 Dicembre 2020

Worry B Gone – Chris Stapleton
Folsom Prison Blues – Johnny Cash
In the Jailhouse Now – Jimmie Rodgers
Big Iron – Marty Robbins
Honky Tonk Man – Jon Pardi
I Think You Oughta Try Whiskey (feat. Jaida Dreyer) – Corb Lund
Heart of Stone – Bart Crow
Life Ain’t Fair and the World Is Mean – Sturgill Simpson
Sunrise Road – Duane Mark
Red Dirt Texas – Hayden Haddock
Strength in Numbers – Luke Hendrickson

Lunedì 14 Dicembre 2020

Honkytonk Heaven – Kendall Shaffer
I Can Help – Billy Swan
Goodbye Hurting Songs – Brad Howard
Say It – Matt Castillo
Beer Drinkin’ Blues – Eddie Noack
You Pay for It – Tyller Gummersall
Next to Mine – Zach Cornell
Dancing Lady – Teddy & The Rough Riders
Country Boy’s Dream – Jory McPhail
I’m Still Crazy – The Reeves Brothers
Don’t Look Back (feat. Ned Luberecki, Dan Boner, Nate Lee & Daniel Hardin) – Becky Buller

The Piedmont Boys – Almost Home

La mia crociata a favore della Country Music continua. Quello che ci è stato tolto in questo periodo storico è la curiosità… ora ci sono applicazioni e social che fanno tutto al posto nostro tracciandoci e cercando di individuare i nostri gusti, filtrando le notizie, i video e le canzoni che secondo un algoritmo sofisticatissimo sono i più adatti per noi. In tanti purtroppo non si preoccupano, gli basta essere generalmente informati e così pensano di essere al passo con i tempi. Parlare di rock e di pop nel 2020 è totalmente inutile perché non esistono più, sono stati massificati in un calderone che accontenta tutti quelli che hanno perso la curiosità ma l’algoritmo più importante si trova tra la nostra pancia ed il nostro cuore ed è l’unico che ci fa emozionare davvero. Musicalmente parlando ci sono stati nella mia vita sabato interi passati al New Note ad ascoltare i dischi appena usciti, ora grazie alla tecnologia, che se usata con intelligenza è uno strumento utilissimo, passo i sabato ad ascoltare musica, le ultime uscite, le storie e cosa succede nel mondo musicale. Il Country è una musica onesta, fatta da gente onesta che racconta storie di vita quotidiana, una musica empatica che rilascia endorfina. Fortunatamente scavando appena sotto la superficie si possono scoprire tanti cantanti e gruppi che onestamente portano avanti in maniera incontaminata i due generi musicali. Tra loro ci sono The Piedmont Boys originari di  Greenville, SC fondati una decina di anni fa dal frontman Greg Payne, voce e chitarra e composti da: Stuart McConnell chitarra, Matt Parks violino, Mike Johnson basso e Tony Pilot batteria. Hanno percorso migliaia di chilometri per suonare altrettanti concerti, hanno pubblicato quattro album e girato metà degli Stati Uniti continentali, ovunque vadano, alla fine di ogni concerto, si sentono ripetere la stessa frase: “Non mi è mai piaciuta la musica country finché non vi ho ascoltati”. La frase è pronunciata da persone abituate alla pop-country annacquata che sentono alla radio ogni giorno, perché senza la curiosità di scoprire di cosa si ha bisogno davvero è questo quello a cui siamo destinati… accontentarsi perché crediamo non ci sia altro. 

Se non conoscete Outlaw Country, honky-tonk, Blue-collar music, bicchieri di whiskey, campi di grano, mandrie da radunare, le gioie e i dolori della vita… potete recuperare ascoltando The Piedmont Boys, una band che ama così tanto suonare dal vivo che non hanno avuto un fine settimana libero in sette anni.

Almost Home è un album Country come deve essere un album country, l’iniziale Rice Beans è stata anche la traccia principale del loro album di debutto del 2008, è apparsa di nuovo nel loro disco del 2015 Scars & Bars e ancora nel 2016 in All On Red non è solo una traccia, è un biglietto da visita che dopo 30 secondi di ascolto ci catapulta all’interno del fantastico mondo della Country Music, che ci avvolge, ci abbraccia, ci racconta storie, ci fa sentire bene, a posto con il mondo, che non risolve certo tutti i nostri problemi ma che sicuramente ci aiuta ad affrontarli molto meglio.

Non li definirei una band di Outlaw, più della steel guitar i protagonisti principali del suono della band sono la chitarra di Stuart McConnell che a volte è elettrica, altre acustica, altre classica e ill violino di  Matt Parks, che si alternano magicamente a tessere melodie incredibili come in $50 And a Flask of Crown. Stoned è un catalogo di come si possa utilizzare una chitarra elettrica. Ci sono classiche country ballads sia elettriche She Prays to God, In Came You (che è così bella da poterla considerare già un classico country), che acustiche Drunk Again e Spartanburg Sign. Il Tex-mex di Boomerang ed anche l’outlaw di Wrong Turns che assume un sapore diverso senza steel guitar e con il violino. Questo rende The Piedmont Boys unici nel genere bagnando talvolta la loro musica anche nel fiume del bluegrass.

Se siete curiosi ora non vi resta che ascoltare The Piedmont Boys una versione pura del Country e dell’Outlaw se doveste scegliere un disco per avvicinarvi al Country per la prima volta dovete ascoltare Almost Home.

Sabato 12 Dicembre 2020

The World Needs More Cowboys – Chancey Williams & The Younger Brothers Band
Country Radio – Indigo Girls
Me & My Friends – Hank Williams III
Don’t Know Why – Ted Stockton
Drink to Forget – Lee Tucker
Reynolds Station – Josh Merritt
California Razin’ – Sons of the Palomino
Tell Fort Worth I Said Hello – Alecia Nugent
Regular Riot (feat. Gary Louris) – Caleb Caudle

Venerdì 11 Dicembre 2020

Why You Been Gone So Long – Gerry Guthrie
Rockin’ Around the Christmas Tree – Brenda Lee
Gonna Swing on the Golden Gate – Fiddlin’ John Carson & His Virginia Reelers
Red, White & Blue Jeans – Creed Fisher
Homemade Wine – The Gibson Brothers
Midnight Ride – Chris Petersen
Ope Nope – Berens & Greuel
Ante Up on Love – The Promised
Red Necks, White Socks, and Blue Ribbon Beer – Johnny Russell
Something to Say – Lucas Jagneaux & the Roadshow
The Other Side – Charlie Major

Kendall Shaffer – Rowdy to Righteous

C’è qualcosa di magico, caldo e speciale nel traditional country e che un ragazzo nato nel 1991 ne sia uno dei più interessanti interpreti regala speranze che la country music non possa mai finire nonostante i tentativi di music row di portarla su strade commerciali più rimunerative, c’è uno zoccolo duro in crescita che continua a credere nei valori della tradizione ed a portarla avanti a testa alta. Kendall Shaffer ha tatuati sulle braccia il logo di Hank Jr. (quello col simbolo della Ruger) e la Flying W di Waylon Jennings. Se a questo si aggiunge il suo EP di debutto, The Traditional Revival, dove i 5 pezzi contenuti ripropongono la sintesi di 20 anni di musica direi che le basi sono gettate. Come dicono gli americani “he cut your teeth” (trad. si è fatto le ossa) suonando negli ultimi 10 anni in honkytonk bar e piccoli locali, costruendosi davvero una carriera da solo, a 16 anni era già su un palco dove ha dovuto imparare sia ad usare il suo ampli, sia ad occuparsi delle trattative e dei compensi. Il suo gruppo al momento è formato, come lui li definisce: da “ragazzi stagionati” che potrebbero essere suo padre o suo nonno ma che gli danno una solidità di suono alla pari di quella di un musicista con 20 anni di esperienza alle spalle. Kendall è nativo della Luisiana, l’amore per la country music gli è stato instillato fin da piccolo e da quando suo padre gli insegnò i 3 accordi fondamentali per eseguire la maggior parte delle canzoni, non si è più fermato.

Da poco, dopo l’EP del 2018, è uscito con questo album Rowdy to Righteous dove è l’honkytonk a occupare gran parte della scena, ma trovano spazio i mid-tempo, gli up-tempo, le country ballads e un doveroso omaggio alla tradizione con Pancho and Lefty. Un disco che amo, cantato senza l’uso sfrontato e ridondante del tono baritonale ma con uno stile moderno che colloca melodie tradizionali in un contesto più attuale. Grazie a dischi come questo si possono portare le nuove generazioni a tornare ad apprezzare il country tradizionale e farlo tornare ad occupare il posto che più si merita, oltre che in vetta ai nostri cuori anche in vetta alle classifiche. 

Giovedì 10 Dicembre 2020

When It Rains It Pours – Luke Combs
Mule Train – Tennessee Ernie Ford
Goin’ Steady – Faron Young
Where the Green Grass Grows – Tim McGraw
Where I Come From – Montgomery Gentry
All You Need To Know – Colebrook Road
Try to Burn This One – Creed Fisher
Jim Beam Whiskey – Mo Robson Band
Honkiest of Tonkers – Garrett Bradford
Now We’re Gettin’ Somewhere – James Robert Webb

Mercoledì 9 Dicembre 2020

Soul Man – The Blues Brothers
6th Avenue Heartache – The Wallflowers
Loud and Heavy – Cody Jinks
Forever and Ever, Amen (feat. Randy Travis) – Josh Turner
No Regrets – Bluegrass Outlaws
California Bound – Austin McCutchen
Cowboy’s Girl – Chancey Williams
Old School – David Adam Byrnes
Sweet Mary of the Mountains – Blue Mafia
Nightmare – Grain Thief

Tyller Gummersall – Tyller Gummersall

Tyller è cresciuto lavorando nei ranch del Colorado sud-occidentale, ha iniziato a cantare a 8 anni, ha scritto la sua prima canzone a 9 sotto la guida del due volte campione nazionale di flat pick Gary Cook.

Un passo decisivo per la sua carriera è stato quando nel 2011 ha registrato l’EP Beer and a Rose con alcuni membri delle band di Ryan Adams e John Prine al Welcome to 1979 (uno studio di registrazione analogico a Nashville). 

L’altro è stato quello di aver incrociato sulla sua strada Lloyd Maines che gli ha prodotto il suo terzo album “Long Ride Home” e 3 canzoni su 8 di questo  suo nuovo disco che si dimostra essere un vero e proprio distillato di Country tradizionale.

You Pay for It apre il disco ed è un honky tonk al quale non si può non abbandonarsi.  Heartbreak College racconta delle tristi storie d’amore nelle quali si fa molta fatica a non farsi coinvolgere emotivamente.  What If It Was That Easy è una languida ballad da fire-camp

Why Do I Buy Whiskey è un up-tempo che abbraccia un’altro dei temi classici delle country songs… il rapporto con gli alcolici!

La musica country è musica di paese, un altro dei temi cari a questo genere sono le storie dei lavoratori dei campi, dei mandriani e dei blue-collar. Working Man descrive bene questa condizione dove il lavoro, che si svolge per sostenere la propria famiglia, è qualcosa che, nella maggior parte dei casi, non lascia spazio alla “vita”.

Fathers and Sons porta il discorso sugli affetti, altro tema fondamentale nella country music: la famiglia prima di tutto, è questo che importa veramente, il calore famigliare è in grado di riequilibrare e di mettere le cose nell’ordine di importanza. Con What It Is I Want, che è una canzone d’amore, abbiamo completato l’elenco degli argomenti che ci si aspetta di trovare in un disco country. L’album si chiude con How Did I Get Here, parla ancora ancora di famiglia, un abbraccio conclusivo a ciò che resta a tutti gli effetti la cosa più importante.

Questo è uno di quei dischi non offre nulla di nuovo nel panorama country, ma sinceramente quello che mi aspetto da un disco dei due generi sono le emozioni, le belle canzoni e l’atmosfera calda, sincera e familiare che solo il country riesce ad offrire e questo album è pieno zeppo di ti tutto questo.

Martedì 8 Dicembre 2020

Tar Snakes – Jesse Daniel
That Janie Backer – Marty Raybon & Full Circle
Helplessly Hoping – Crosby, Stills & Nash
Norwegian Wood (This Bird Has Flown) – The Beatles
The Story of My Life – Marty Robbins
Country Boy – Alan Jackson
Daylight’s Burning – The Caleb Daugherty Band
Over Love and Lonesome – JD Clark & The Stuck in the Mud Band
I Got Drunk – Jeff Jacobs Band
I Don’t Know – Bo DePeña
I’d Look Good On You – Jesse Raub Jr.

Lunedì 7 Dicembre 2020

Good Friends – Lee Tucker
Hang Down Your Head – Tom Waits
Poet’s Prayer – Sunny Sweeney
Bigger Peace of Mind – Douglas Riley
Man Made – Granger Smith
Whiskey Sunrise – Chris Stapleton
Wyoming – Zach Cornell
In Came You – The Piedmont Boys
When I’ve No More Tears to Cry – Zephaniah OHora

Tris Munsick & the Innocents – Washakie Wind

Come sapete il mondo della musica è suddiviso nei due generi musicali: il country ed il western. Il Country appartiene alla cultura del sud-est  mentre il western è retaggio dei cowboy del nord-ovest, Tra i due quello che è rimasto più incontaminato è il genere western, nella maggior parte dei casi suonato da veri cowboy. Tris Munsick è uno di loro, cresciuto in Wyoming tra cavalli e bovini nella fattoria di famiglia è stato abituato ad ascoltare e suonare musica country fin da bambino e le sue canzoni rispecchiano proprio quello stile di vita, fatto di cose semplici, della vita, dell’amore, delle preoccupazioni, dei cavalli e delle mucche, i testi sono colmi di sincerità così come la musica che li accompagna e li sostiene.

Tris Munsick scrive le canzoni suona la chitarra e canta, Gli innocents sono Daniel Ball alla chitarra solista e cori, Tom Lulias alla steel guitar, Nick Lulias al basso e Ryan Bell alla batteria. Si sono formati nel 2012 e a Sheridan, WY. La loro è vera e genuina country music, se cercate un prodotto a D.O.C.G. questo Washakie Wind fa respirare l’aria di quei luoghi, le grandi praterie e i veri western blue sky. Cowboy ballads, barn dance e un pizzico di honky tonk, questi sono gli ingredienti principali del disco, dove tutta la band è protagonista sostenuta da una precisa base ritmica e le chitarre che si inseguono in lunghe cavalcate in ogni brano. Non manca il fiddle che regala quel calore e quell’abbraccio che solo la musica country è in grado di regalare un unico ascolto di Windows and Doors basterà per farvi innamorare perdutamente di questo suono e di questo disco, uno dei  più belli, onesti e genuini di questo 2020!

Sabato 5 Dicembre 2020

Crazy Train – The Barefoot Movement
It Starts with “L” – Ty England
Drinkin’ Dark Whiskey – Gary Allan
I Am A Man Of Constant Sorrow – The Soggy Bottom Boys
Highwayman – Highwaymen
Maggie’s Farm (Live at Newport Folk Festival July 1965) – Bob Dylan
How Many Times – Josh Merritt
Mental Revenge – Matt Mason
Blue – The Wild Feathers

Venerdì 4 Dicembre 2020

The Smile of a Shark – The Kokomo Kings
Given All I Can See – Chris Hillman
There’s No Place Like Home – Elvis Presley, Carl Perkins, Jerry Lee Lewis & Johnny Cash
River Kids – Tim Montana
Fav’Rit Song – Catherine Britt
The Road – Danno Simpson
Tell It Like It Is – Keller Cox
It Hurt Her to Hurt Me – Cliff Westfall
Guaranteed Broken Heart – Karen & the Sorrows
Black & Blue – Zephaniah OHora

Giovedì 3 Dicembre 2020

Honky Tonk Holidaze – Dallas Moore
Stand By Your Man – Tammy Wynette
Heaven’s on the Way – Zephaniah OHora
Fallen Angels – Bowregard
Honeywine – Flatland Cavalry
Rodeo Girl – Collin Raye
The Ride (feat. Ned Luberecki, Dan Boner, Nate Lee & Daniel Hardin) – Becky Buller
Sweet Emotion – The Bodarks
Where Do You Stand – Zoe & Cloyd

Mercoledì 2 Dicembre 2020

Loose Slots – Hellbound Glory
Country Woman – John Wesley Ryles
Saro Jane – Odetta
This Old House – Rob Georg
Maggie’s Song – Chris Stapleton
Mabelle – Ben Atkins
Doin’ Alright – The Barefoot Movement
Sleep With One Eye Open – The Burnett Sisters Band
Letting You Go – Crawford & Power
Goin’ up Shell Creek (feat. The Travelin’ McCourys) – Gary Brewer & The Kentucky Ramblers

Martedì 1 Dicembre 2020

Get In. Sit Down. Hold On. Shut Up – Dean Dillon
Settin’ the Woods On Fire – Chuck Mead & His Grassy Knoll Boys
Oh Freedom! – Matthew Sabatella
Bad For You – The SteelDrivers
Roots – Tris Munsick & the Innocents
All the Beers – Drew Parker
A Different Kind of Flower – George Dearborne
Good Ol Girls – Jeneé Fleenor
Steppin’ Stone – Johnny Falstaff
Long Live (My Hometown) – Susan Werner

Lunedì 30 Novembre 2020

Get Past the Past – Felix Truvere
Gentle On My Mind – Glen Campbell
Mama Needs a Cadillac – Ted Stockton
Beautiful Messes – Roller Family Bluegrass
Greasy Spoon – Possum Jenkins
One Tonight – Chris LeDoux
Worry B Gone – Chris Stapleton
Something in the Stars – Zach Neil
Chasin Down 17 – Robert Deitch
Keys – Wade Parks

Josh Merritt – Reynolds Station

Josh Merritt è nato a Owensboro, Kentucky inizialmente, ancora quattordicenne, è stato coinvolto dal padre a suonare nella bluegrass band di famiglia, una passione che in lui non ha attecchito e solo dopo un po’ di tempo ha trovato la sua ispirazione in Jason Isbell, Todd Snider e John Anderson ed ha quindi, seguendo il loro esempio,  portato la sua musica a raccontare quello che era, così come solo un vero storyteller  riesce a fare al meglio. Josh ha fatto una lunga gavetta on the road aprendo i concerti di: Hank Williams Jr., Charlie Daniels Band, Colt Ford e tanti altri che gli hanno permesso, negli ultimi dieci anni, di farsi conoscere nel circuito musicale del sud. Nonostante abbia raggiunto i 30 anni, Reynolds Station è il suo primo album in studio, ma non è un disco qualunque, non una raccolta delle sue  migliori canzoni scritte negli ultimi 10 anni… Reynolds Station è un concept album, sentito e voluto, che racconta della piaga che infligge il Kentucky rurale, quella dell’abuso di anfetamine. Josh si mette a nudo in queste canzoni, per la maggior parte completamente autobiografiche. Ha perso sua madre in giovane età vittima delle anfetamine ed è stato cresciuto dai nonni in una fattoria nella comunità di Reynolds Station, sperimentando sulla sua stessa pelle la dipendenza dalla quale è uscito da un anno e mezzo. 

L’uso di metanfetamina è a partire dal 2000, è il più grosso problema delle aree rurali del Kentucky, in origine si produceva in casa, da poco ha fatto però la sua comparsa la Met 2.0, più forte, più economica e molto più abbondante della vecchia varietà casalinga, i piccoli spacciatori comprano metanfetamina in città più grandi come Cincinnati a circa $ 250 l’oncia e la vendono nel Kentucky rurale a $ 500.

Reynolds Station non è una lezione di vita ma è il racconto a cuore aperto della vita di Merritt, di come fosse circondato, nella maggior parte dei casi, da famiglie dipendenti da anfetamine e di come poter riuscire a fuggire da quella situazione. The high, che apre il disco, è una vera e propria testimonianza della dipendenza, della disperata ricerca di Sudafed (decongestionante nasale a base di feniletilammine e anfetamine) un “aiuto” per lasciarsi alle spalle la vita e la voglia di farla finita anche se solo per qualche istante. Racconta di disperazione, di disillusione e di pensieri di suicidio. Il disco suona meravigliosamente, le storie sono raccontate su melodie supportate da musicisti di esperienza come Robert Kerns (bassista di Sheryl Crow),  Shakey Fowles (batterista di Kid Rock) e Peter Keys (tastierista di Lynyrd Skynyrd). Un disco dove si alternano intense ballate acustiche (How Many Times, Reynolds Station) ad altre dalla grande spinta elettrica (Best of me, Run), troviamo spruzzate di rhythm and blues in Live With That, da riascoltare più volte la meravigliosa Tonya Jo (chitarra e fiddle) e l’intensa conclusiva mid-tempo Fly Away. Josh dimostra di avere un grande talento e di saper scrivere e comporre, 10 canzoni secche, dirette, ben arrangiate e prodotte da Shannon Lawson di Louisville, Kentucky, che arrivano tutte direttamente sotto pelle, sprigionando una immediata empatia grazie anche alla voce di Josh che sembra accarezzarti anche quando ti porta in territori pericolosi trasmettendo sempre sicurezza e speranza.

Merritt con questo disco spera proprio, e credo ci riesca meravigliosamente, di dare una testimonianza di speranza a quelle persone che stanno davvero cercando di uscire dalla dipendenza, un disco che è molto di più delle belle canzoni che vi sono racchiuse, un disco che racconta la pancia dell’America, quella che i media non ci raccontano, quella che forse neanche l’America stessa vuole mostrare. Quando ho ascoltato il disco mi sono commosso e continuo a farlo ogni volta, sia per la bellezza delle canzoni, sia per le storie che raccontano. Grazie a Josh Merritt che vive la musica come vorrei che davvero tutti la vivessimo.

Sabato 28 Novembre 2020

Play the Hell out of a Guitar – Just Dave Band
Karo – Uncle Jimmy Thompson
Run of the Mill – George Harrison
Little Birdie – The Brothers Young & Junior Sisk
I Love the Backroads – Folks Like Them
Mama Knows – Robert Mizzell
One Last Two Step – Royce Johns
Running This Country – Sons of the Palomino
Michigan – StillHouse Junkies

 

Zephaniah OHora – Listening To The Music

Da quando Nashville è stata culturalmente legata ed associata all’industria di country music addirittura con l’appellativo di Music City è diventata meta di pellegrinaggio per chiunque nel mondo pensi di sfondare nel campo musicale. La cultura e la tradizione del sud è sicuramente la linfa per la country music ma Zephaniah OHora è la dimostrazione che non serve respirare quell’atmosfera o vivere a Nashville per fare Country Music. OHora è nativo del New Hampshire dove come tanti ha incominciato a suonare la chitarra in parrocchia durante le celebrazioni. Trasferitosi a New York all’età di 20 anni ha potuto dare sfogo alla sua passione per il Classic Country setacciando i negozi di dischi alla ricerca dei grandi classici del genere. Si esibiva Live e come DJ in un piccolo bar a Williamsburg senza ambire ad un futuro come musicista. La svolta della sua vita avvenne quando i proprietari del Bar dove lavorava ne comprarono un altro, lo Skinny Dennis (chiamato come il bassista di Guy Clark scomparso all’età di 28 anni),  per il quale svolgeva anche funzione di agente di prenotazione che diventò in poco tempo il punto di riferimento per il movimento musicale Country Newyorkese. Sette giorni su sette di spettacoli live hanno fatto crescere in lui la voglia e la passione di scrivere canzoni e pubblicare il primo disco. This Highway ha avuto un successo oltre ogni aspettativa, oltre 1.000.000 di streaming su Spotify e gli ha dato l’opportunità di aprire concerti di grandi nomi (Jim Lauderdale, Shooter Jennings…). Tutto questo un bel giorno lo ha portato ad incontrare sulla sua strada Neal Casal insieme al quale ha costituito un gruppo di musicisti con tanta storia ed esperienza alle spalle e dopo ore di registrazioni live nell’aprile del 2019 l’album era terminato, diventando purtroppo anche il testamento del talento di Neal Casal che nel mese di agosto successivo ci avrebbe lasciato. Così è nato Listening To The Music un incontro musicale tra il Backersfield Sound e l’urbanità di New York. Una Steel Guitar che traccia una linea ben precisa a partire dall’iniziale Heaven’s On the Way per portarci allo yodeling della conclusiva Time Won’t Take Its Time, il Twang che riempie il cuore, un sound che trae origine dagli anni 60, 12 canzoni che mi fanno stare bene che fanno aumentare il desiderio di essere riascoltate ancora e ancora nella morbosa ricerca di una pace ed una armonia interiore che mi è stata troppe volte portata via dagli avvenimenti che hanno colpito tutti, non solo me,  nell’ultimo anno. Il disco sembra voler raccontare di un periodo in cui tutto sembrava possibile, dove il futuro era una prospettiva allettante e non una speranza di uscirne meno malconci possibile. Listening To The Music ha il sapore delle cose genuine, di quelle fatte in casa, se ne percepiscono gli odori, i sapori, il calore, sono canzoni che mi fanno stare bene, protetto, al caldo, al sicuro, che mi danno la certezza che ascoltandole non mi possa accadere niente di male. Devo ringraziare Zephaniah OHora perché le sue canzoni mi danno conforto, già dal primo ascolto mi sono sentito accolto, abbracciato, capito, un disco fatto con amore, tanto amore per la musica Country e per le cose buone della vita. Non voglio parlare dei singoli brani, degli strumenti utilizzati, dei riferimenti del passato voglio solo dire che per apprezzare questo disco basta chiudere gli occhi, lasciare la musica scorrere dentro ed abbandonarsi totalmente alle parole ed alla melodia… e allora una inconsapevole ed illogica allegria e un benessere crescente vi avvolgerà magicamente. Meraviglioso!!!

Venerdì 27 Novembre 2020

Old Town Road (feat. Billy Ray Cyrus) – Lil Nas X
Just Between You and Me – Charley Pride
Wagon Wheel – Darius Rucker
As Long As It’s In Texas – Cowboy Troy
Love Light – Cleve Francis
Cornbread and Butterbeans – Carolina Chocolate Drops
Lonesome Old River Blues – Dom Flemons
Locked and Loaded – Miko Marks
Straight Tequila – Trini Triggs
Get Us in Trouble – Milton Patton

Giovedì 26 Novembre 2020

Jingle Bells – Bluegrass Christmas Jamboree
American Country Holiday Favorites
Family Tradition – Hank Williams, Jr.
Thank God I’m a Country Boy – John Denver
It’s a Great Day to Be Alive
Turkey In The Straw – Vassar Clements
But for the Grace of God – Keith Urban
Thank You for a Life – Kris Kristofferson
Lucky Man – Donnie Isaacs
Thanking the Good Lord – Merle Haggard

Chris Stapleton – Starting Over

Chris Stapleton potrebbe mettere in musica le istruzioni di un qualsiasi elettrodomestico e riuscire a farne poesia. A mio parere il vero ambasciatore della musica Country nel mondo, uno di quelli che è riuscito a conquistare il favore di una larghissima ed eterogenea fascia di pubblico. Per lui hanno costruito una pagina Wikipedia solo per elencare i premi ricevuti in soli 5 anni di carriera solista effettiva che è incominciata ufficialmente nel 2015 con l’uscita del suo primo album Traveller. Prima di allora è stato membro fondatore della band bluegrass The Steeldrivers ottenendo 2 nomination ai Grammy e vanta 170 canzoni scritte per altri… e che altri… Adele, Tim McGraw, Brad Paisley, Dierks Bentley, Vince Gill, Peter Frampton, Sheryl Crow, Kenny Chesney, George Strait e Luke Bryan… per citarne solo alcuni. Chris Stapleton è un genio dei nostri giorni, supportato da una voce incredibile e da una facilità di scrittura impressionante, non ne sbaglia una! Stapleton ha scritto o co-scritto 11 delle 14 canzoni di Starting Over (tre sono cover, due di Guy Clark, Worry B Gone e Old Friends, l’altra è Joy of My Life di John Fogerty). Il disco profuma di Country, Southern Rock, Outlaw e Honky-Tonk lasciando spazio a Ballads e mid-tempo songs che fanno di questo album un piccolo capolavoro. Chris offre a Nashville quella spontaneità e quella autenticità che molti cantanti arrivati a Music City sembrano aver lasciato nei loro piccoli paesi di provenienza, abbagliati dal luccichio del facile country/pop. Stapleton ha messo dentro di tutto, così come gli è venuto naturale fare alternando sapientemente la chitarra elettrica a quella acustica costruendo una setlist perfetta che non vacilla mai ma che anzi, continua ad aprire orizzonti sempre diversi e sempre più affascinanti. 

I riferimenti sono tanti, si trovano echi di The Band in Maggie’s Song, mentre Hillbilly Blood ricorda Steve Earle e in Arkansas se chiudiamo gli occhi possiamo immaginarlo accompagnato da Allman Brothers Band

Dopo il terzo ascolto consecutivo sono giunto alla conclusione che il nativo di Lexington, Ky abbia setacciato con la sua lunga barba gli ultimi 60 anni di musica e ne abbia fatto un estratto reinventandolo ed arricchendolo con le sue straordinarie visioni musicali ed una vocalità senza eguali.

Un disco a dir poco magico, una Hogwarts della musica Americana, quella vera, quella che Chris Stapleton è riuscito a traghettare, a reinventare e a rendere ancora più che mai viva nel Terzo Millennio. Siamo vicini ai CBMA (Country Bunker Music Awards) e questo rischia sul serio di essere il più bel disco del 2020.

David Adam Byrnes – Neon Town

David ha lasciato la sua casa nell’Arkansas centrale nel 2008 all’età di 19 anni e si è trasferito a Nashville nel tentativo di sfondare nella Music City.  Firmò un contratto discografico con Better Angels, ma quando aveva pronti almeno 5 pezzi da hit il contratto è saltato. Libero dagli obblighi contrattuali ha  abbandonato lei canzoni in stile “bro country” richieste dalle esigenze di Nashville, ed è tornato al suo stile personale di honky tonk country e quando Aaron Watson gli disse che non avrebbe dovuto sprecare un altro minuto a Nashville e di andare immediatamente in Texas nel 2018, David si è trasferito nella Ft. Worth area.  Mentre era in testa alle Texas Charts, anche il rapporto con la Silverado Records iniziò a naufragare e nel febbraio del 2019, David si è ritrovato di nuovo in una battaglia legale e sarebbero passati 8 lunghi mesi prima che le radio del Texas vedessero il prossimo singolo. La stessa settimana in cui “I Can Give You One”. arriva al primo posto, la pandemia colpisce il mondo. Dopo mesi di chiusura, David ha deciso che lo spettacolo doveva continuare.”Neon Town”, la title track del nuovo album omonimo uscito il 2 ottobre è arrivato al #1 in poche settimane, incarna l’intera anima dell’albumDavid Adam Byrnes che finalmente si è guadagnato un posto di rilievo nel mondo della musica.

Jake Blocker – I Keep Forgetting

Jake Blocker è nato il 2 aprile 2004 e viene dal Texas centro-meridionale. Quando aveva otto anni suo nonno gli regalò una chitarra. A dieci anni è salito sul palco con Dale Watson e nonostante i suoi soli 16 anni la sua musica affonda le radici nella terra fertile coltivata da Hank Williams, Buck Owens e Buddy Holly.  La musica di I Keep Forgetting è perfetta, con violino e steel guitar ad accompagnare le canzoni di Jake che non inventa certamente nulla di nuovo ma propone una dose di sana e buona musica country.

Maple Run Band – Maple Run Band

I Maple Run Band sono del Vermont e sono genuini come lo stato da dove provengono e coniugano alla perfezione tradizione ed originalità. Le loro canzoni sono asciutte e vanno diritte alla meta. Il loro disco di debutto omonimo di Maple Run è stato pubblicato nell’agosto 2020. Il suono è guidato dalle armonie vocali di Trevor Crist (chitarra) e Nicole Valcour (batteria), accompagnate dal basso di John “Spence” Spencer e dalla languida chitarra di Bill Mullins. Il suono che si respira è pura americana, ed è un perfetto equilibrio di canzoni dove anche l’unica cover, “Engine Engine # 9” di Roger Miller, è fatta in Maple Run Band Style. Le canzoni sono tutte firmate da Trevor Crist nativo del Kansas, ma trapiantato nel Green Mountain State al confine col Canada.

L’ultima volta che ho pianto è stato il giorno in cui è morto Johnny Cash” così recita un verso dell’iniziale You’re Gonna Make Me Cry Again che pone l’asticella ad una considerevole altezza in fatto di composizione e strumentalità. Queen of Labrador City è country shuffle con una grande lap steel a sostenerne la melodia. Catch You Down the Lineè la classica country ballad in bilico tra The Band ed Uncle Tupelo. Keep on Truckin è tra le mie preferite, un omaggio spudorato agli anni 70 di quando il Country era ancora genuino e non contaminato dal pop. Monday Morning è una classica county-ballad composta e suonata a regola d’arte. Last of the West Kansas Cowboys richiama alla mente Neil Young, una canzone che denota un grande talento di songwriting. Borderline ha una chitarra elettrica che richiama il suono di Dukes anche se la voce di Trevor non è paragonabile al graffio di Steve Earle. Ma Bell è lenta e suadente un ricordo del cosmic country di Graham Parson. I fuochi d’artificio su Oklahoma City in Independence Day fanno insorgere reminescenze agli anni 80. Molto belli gli impasti vocali di Lost Bird sostenuta interamente da una chitarra  acustica ed il violino. You’ve Got a Warrant (Out on My Affection) chiude il disco ed è una languida ballata di quelle che si ascoltano nelle ballroom alla fine di ogni concerto che si rispetti.

Questo è un debutto davvero con i controfiocchi. Crist si è espresso sia in veste di cantautore che di perfetto frontman di una band che lo segue e lo asseconda in ogni sfumatura. Si tratta di sano country che a volte si dimentica che sapore abbia. Il Vermont non è certo il centro della musica dei due generi, ma ora von i Maple Run Band lo è diventato.

The Wildmans- The Wildmans

I Wildmans sono una string-band neo-tradiditional composta da quattro giovani dal grandissimo talento, Eli mandolino e Aila al violino sono i fratelli Wildman ai quali fanno compagnia Victor Furtado, al Banjo e Sean Newman al contrabbasso e alla voce

Provengono dalle colline di Floyd, in Virginia, nel cuore della tradizione musicale degli Appalachi.

Il gruppo è apparso da un po’ di tempo su palchi grandi e piccoli, condividendoli con talenti come Bela Fleck, The Steep Canyon Rangers, The Steel Wheels, Sierra Hull, Billy Strings… solo per citarne alcuni

Questo album propone miscele vocali e virtuosismi strumentali, che si combinano alla perfezione per creare uno dei suoni più freschi nella musica roots americana odierna posizionandosi esattamente all’incrocio tra passato e futuro.

Balza immediatamente all’orecchio come la band sia priva di chitarra presente solo nella canzone della bravissima Dori Freeman Rid My Mind.

Il disco apre con una versione completamente rivisitata di You’re Gonna Make Me Lonesome When You Go di Bob Dylan regalandocene una visione musicale incredibilmente gioiosa se contrapposta all’originale. Falling Up è un brano originale di Eli Wildman. I tradizionali  Richmond, Garfield’s Blackberry Blossom e Sitting On Top of the World vengono riletti e reinventi con innovazione, freschezza e passione.

Allo stesso modo, riescono a lasciare la loro impronta anche affrontando canzoni meno conosciute, creando un improbabile mesh-up tra di Monster Ride di Furtado e Rock of Ages di Gillian Welch e David Rawlings.

I Wildmans con questo disco ci dicono che ci sono alla grande e nonostante la loro giovane età, sono riusciti ad alzare l’asticella ad un’altezza impressionante riuscendo a riscrivere pagine importanti di musica senza cadere nella scontentezza e nella ripetitività ma riuscendo a confezionarle in un suono Grassicana del terzo millennio. Direi proprio che le fondamenta sono state gettate, ora non resta che aspettare un disco di brani originali per consacrare definitivamente i ragazzi nelle alte sfere della musica bluegrass/americana.

Bowregard – Arrows

Bowregard è una string-band composta da cinque elementi che ha conquistato in brevissimo tempo il mondo bluegrass del Colorado, vincendo sia l’Ullrgrass Bluegrass Band Contest del 2018 sia il Telluride Bluegrass Band Contest del 2019 e tutto questo in meno di un anno dalla loro formazione. La loro musica è ispirata  sia dal traditional bluegrass che dal progressive bluegrass e con il loro disco di debutto, Arrows danno un tocco moderno alla musica acustica americana grazie all’utilizzo di strumenti della tradizione, disposti a semicerchio di fronte ad un unico microfono e grandi armonie vocali che esprimono la dicotomia della vita dolce ed amara  rilasciando  un suono davvero unico che li differenza da qualsiasi altra band del Colorado.

I Bowregard hanno la loro base a Boulder, in Colorado, e si sono formati quando il chitarrista Max Kabat e il banjoista James Armington incontrarono la violinista Colleen Heine e il bassista Zachary Smith, entrambi appena arrivati in Colorado dopo essersi fatti un nome nella scena musicale di Savannah, in Georgia. Il campione del Dobro contest al Rockygrass festival del 2016, Justin Konrad si è unito al gruppo subito dopo, all’inizio del 2019.

Fallen Angels è davvero un grande inizio con una cascata di note di banjo e sferzate di fiddle che accompagnano alla perfezione la storia di un uomo inseguito dai demoni del suo passato. Banjo e dobro sono l’asse portante di A Reasonable Man, la storia di John che cerca di vendetta sulla sua città che lo ha trattato male.  Sage, The Western Basil è un pezzo strumentale (il primo dei tre contenuti nel disco)  dove le doti di grandi musicisti dei Bowregard vengono messe in grande risalto. Formaldeide è una’classica cavalcata Bluegrass che ruota interamente attorno al fiddle. High on a Mountain è un classico del bluegrass di Ola Belle Reed, che qui è stato completamente reinventato in una armonia minore aggiungendo pathos in una canzone nata per armonie in maggiore. Cousin Sally Brown è ispirato dalle radici irish a cui il bluegrass deve le sue origini, tutta finemente giocata tra fiddle e dobro. Nothin’ To It  è una struggente ballata dedicata ad un padre defunto. La title track Arrows, riprende a spingere e la band si lascia andare ad innumerevoli solo di cui la musica bluegrass è ricca. Flannery’s Dream è il terzo ed ultimo brano strumentale, probabilmente quello che racconta meglio l’unione tra classic e progressive bluegrass, suono distintivo della band dove ritroviamo appieno tutte le radici appalachiane.  The Henrys è la canzone con la quale ho conosciuto Bowregard grazie al video apparso su bluegrasssituation.com , racconta una storia di gioco d’azzardo, fuga e solitudine sicuramente una grande canzone è stato proprio grazie a questo brano che ho incominciato a seguire con interesse questi cinque ragazzi sperando che arrivasse presto  quello che ora è a tutti gli effetti il loro primo disco!!!. Le storie raccontate nell’album appartengono alla tradizione delle Blue Ridge Mountain i temi sono quelli cari ad entrambi i generi: l’amore, la solitudine, la sconfitta, il moonshine, la quotidianità della società rurale. Il bluegrass è gioia, è ballo ma è anche profondamente triste, la bellezza di questa musica è proprio questa un eterno dilemma esistenziale espresso in note. io lo trovo affascinante e nello stesso tempo meraviglioso, un suono che apre l’anima, mi fa muovere e mi agita la mente. Bowregard sono tutto questo, radici nel passato e nella tradizione ed uno sguardo sul futuro ma una visione del presente. Arrows ha 11 frecce una più appuntita dell’altra… il mio consiglio è quello di lasciarvi trafiggere da tutte senza paura!!!

Caleb Caudle – Better Hurry Up

La vita di Johnny Cash lo portava ad essere quasi sempre in viaggio, ma quando tornava a casa, desiderava un posto dove potersi rilassare. Negli anni ’70 per i Cash lavoravano oltre trenta impiegati. Il suo ufficio, The House of Cash, si trovava a Hendersonville, TN, in quella che avrebbe dovuto essere la sua casa sul lago che era sempre pieno di gente, Un bel giorno Johnny, ha recintato quaranta acri di terra proprio di fronte alla sua residenza popolandolo di bufali, daini, antilopi, cervi, struzzi e cinghiali, tutti liberi di vagare liberamente nel suo zoo personale. Fatto questo, decise di costruire una baita nel mezzo del recinto, sperando di crearsi così un posto dove trovare conforto e pace, un posto dove scrivere le sue canzoni, prendersela comoda e rilassarsi. La costruzione iniziò alla fine del 1978 e terminò nel gennaio del 1979. La cabina fu realizzata con tronchi tagliati a mano, June ha poi aggiunto i suoi tocchi personali alla struttura rustica. 

La cabina era come un santuario. Johnny viveva lì, faceva colazione per sé e suo figlio John, guardava film e si occupava dei suoi lavori di pelletteria. Nella cabina è stata scritta molta storia della musica.

Tom Petty e gli Heartbreakers si fermarono li nei primi anni ’80. John Schneider il Bo di “The Dukes of Hazard” ha vissuto nella cabina per un periodo di tempo a metà degli anni ’80. Tra i visitatori: Robert Duvall, Waylon Jennings, Kris Kristofferson, Bono e Adam Clayton degli U2.

Nel 1991, la sorella di June Anita Carter si trasferì nella cabina e la fece tornare una casa. In realtà però è stata proprio Anita a registrare per la prima volta nella cabina. Nel 1992, Johnny incontrò il produttore Rick Rubin e andò in California a lavorare con lui per registrare il primo album di della serie American Recordings, tutti i brani sono stati registrati nella casa di Rubin ma un paio di tracce furono registrate proprio nella cabina, con un registratore a nastro e dei microfoni standard. 

La magia della musica della cabina ebbe origine da lì.

A partire da American Recordings III, Solitary Man, Johnny ha continuato a registrare gran parte della serie American Recordings presso la cabina. June Carter Cash ha registrato lì gli ultimi due album della sua vita,  John Carter Cash ha lavorato intensamente con i suoi genitori e per la loro musica.

Nell’estate del 2003, l’ultima registrazione di Johnny, pochi giorni prima della sua morte, è stata nella cabina.

Dopo la scomparsa di Johnny e June, John Carter continuò a registrare e produrre musica in cabina. Il Cash Cabin Studio, come è ora noto, è cambiato nel corso degli anni, anche se l’anima di quel luogo è rimasta invariata.

Ora il Cash Cabin Studio è uno spazio di registrazione privato, di proprietà e gestito da John Carter e sua moglie Ana Cristina Cash.

Nel 2020 Caleb Caudle voleva un suono originale per il suo nuovo album. Ha riunito così prestigiosi musicisti vincitori di svariati Grammy per cercarlo e trovarlo nella Cash Cabin.

Better Hurry Up, è il suo ottavo album in studio. John Jackson dei Jayhawks ha prodotto il disco, gli ospiti includono Courtney Marie Andrews, Elizabeth Cook, Gary Louris e John Paul White mentre la band comprende Mickey Raphael all’armonica (Willie Nelson), Dennis Crouch al basso (Elton John, Leon Russell), Fred Eltringham alla batteria (Willie Nelson, Sheryl Crow), Russ Pahl alla pedal steel (Kacey Musgraves , Dan Auerbach), Laur Joamets alla chitarra (Sturgill Simpson, Drivin ‘N Cryin’) e, alle tastiere, Pat Sansone (Wilco) e Rhett Huffman (American Aquarium).

Il disco è stato registrato in pochissimi giorni, questo conferisce all’album una atmosfera ed un suono rilassati e naturali. 

Caudle è cresciuto nelle campagne fuori Winston-Salem in NC, ai piedi degli Appalachi, dove trascorreva molto tempo girovagando nei boschi ad inventare canzoni. Il suo insegnante d’arte al liceo, Phil Jones, ha contribuito ad alimentare la passione di Caudle per la musica permettendogli di portare la chitarra in classe per esercitarsi. Il tema della libertà è il filo conduttore di tutto l’album dove ci ricorda che se vogliamo i diritti e i privilegi che pensiamo di avere, è meglio sbrigarci e assicurarci di ottenerli. Tocca anche la sua vita esaminando gli errori del passato e le modifiche che avrebbe voluto poter fare ed inserendo alcune frecciatine alla politica. 

Lo stile dei suoi primi dischi era quello scarno tipico di un cantautore, Crushed Coins di due anni fa era invece un disco di Americana. Better Hurry Up si colloca esattamente al centro risultando essere a mio parere, il suo miglior disco fino ad oggi. La capacità di Caudle di dipingere dei quadri sonori è innata, la sua voce “terrosa” rende tutto ancora più graffiante ed accattivante.

Si spazia dai tratteggi funky e soul della title-track, al blues di Call It a Day passando per il country di Regular Riot… temi fondamentali che si ripetono attraversando tutte le 11 canzoni con una semplicità e naturalezza disarmante. I nostri sembrano così rapiti dalla magia della cabina che ad ascoltarli sembra proprio di trovarsi lì in mezzo a loro, come un gruppo di amici che si ritrova a suonare sul front porch di quel luogo incantato chiamato Cash Cabin!

Gethen Jenkins – Western Gold

Questa è ancora la musica che ascolto oggi, è la musica con cui sono cresciuto e nonostante tutto quello che ho ascoltato negli anni, questa è la musica su cui torno sempre perché è l’unica a farmi sentire bene!

Gethen Jenkins è originario del West Virginia ma è cresciuto in Alaska. Ha prestato servizio nel corpo dei Marines per otto anni in Iraq. Mentre era impegnato nelle zone di guerra maturò la decisione che, una volta ritornato in patria, avrebbe convertito la sua passione per la musica country in una professione. Rimesso piede sul suolo statunitense, ha scelto di stabilire la sua base operativa in south California.
Gethen non è certamente nuovo sulla scena. Ha sulle spalle più di 1.000 tra concerti e opening-act, ma Western Gold è il suo vero e proprio esordio discografico grazie al quale appone di diritto il suo nome sulla bacheca del movimento dell’outlaw-country.
Jenkins aveva pubblicato un EP nel 2017 intitolato Where The Honky Tonk Belongs, un disco ancora un po’ acerbo ma un degno aperitivo, di ciò che troviamo su Western Gold.
In tanti negli anni hanno decretato più volte la definitiva scomparsa dell’outlaw-country ma per nostra fortuna, ci sono ancora tanti musicisti che, con mia immensa soddisfazione, portano avanti questa musica, costruita principalmente su canzoni sul bere, sulle sconfitte e sul dolore, temi tipici di una società puritana dove commetti un peccato e l’istante dopo ti senti colpevole e cerchi di dimenticare scolando una bottiglia di whiskey. Queste sono le storie nascoste sotto la barba di Gethen, canzoni per anime inquiete che non riescono a trovare pace. Ascoltare la canzone di apertura Bottle in My Hand mi riporta immediatamente il cuore e la mente a Waylon Jennings. in Heartache Time canta ”Non riesco a sentire il mio cuore. Non riesco a trovare la mia mente” mentre in Whiskey Bound dimostra come il whiskey sia una ottima soluzione per scacciare i problemi almeno fino a quando non finiscono gli effetti e tutto torna prepotentemente a galla. In Restless Ways tratta della vita sulla strada. e canta: “Non riesco a trovare la fine dei miei modi irrequieti”.
Western Gold è un grande disco, impreziosito dai bellissimi arrangiamenti e dall’eccellente produzione di Vance Powell, sei volte vincitore del Grammy, conosciuto dai fans dei due generi per aver lavorato come ingegnere del suono nel tour di Chris Stapleton.
Gethen Jenkins ha scritto o co-firmato tutte le canzoni del disco. Chris Powell alla batteria, Leroy Powell allla chitarra, David Gilliard al basso, Michael Webb alla tastiera e Dan Dugmore alla steel, sono un imponente muro sonoro. Western Gold è proprio un gran bel disco, ha quel suono autentico delle radici ed ha legami sia con il sud degli Appalachi, sia con il profondo west. Un album come Western Gold di Gethen Jenkins non è solo uno dei miei album preferiti, ma mi ha fatto scoprire anche uno dei miei artisti preferiti. 

Jordan Miller Sound – Mountain Side River Dream

Jordan è nato in una piccola città rurale a sud di Tallahassee, in Florida, è stato cresciuto da genitori divorziati e questo ha ha contribuito a farlo sentire circondato dalla famiglia allargata, dalla nonna paterna e dai nonni materni che hanno contribuito a fargli conoscere la musica country. Fin dalla sua prima infanzia suo nonno, che era un collaudatore di banjo, ogni domenica mattina prima della messa, suonava Foggy Mountain Breakdown o Blue Moon of Kentucky. Il banjo è parte fondamentale delle sue canzoni come in quella di apertura The River Bend. A 24 anni, Jordan è stato in carcere, dopo aver perso, prima lo zio, che aveva solo 3 anni più di lui (incidente sul lavoro) e due anni dopo, il cugino di 2 anni più giovane (incidente stradale).

Alla fine del 2016, Jordan si è sposato, continuando a vivere nello stesso posto in cui era nato, questo lo faceva sentire ii gabbia così un giorno si è svegliato e ha detto a sua moglie che era arrivato il momento di cambiare aria, hanno venduto la casa e si sono trasferiti a Nashville dove ha pubblicato il suo primo EP intitolato Sounds composto da 4 brani che aveva scritto nel corso degli anni. Nel 2020 ha pubblicato il suo primo progetto integrale, Mountain Side River Dream.

Con un’anima da Hobo e un cuore appesantito dal dolore, Jordan Miller, oramai alla soglia dei 30 anni, ha tante storie da raccontare e lo fa con uno stile da storytelling sulla tradizione della musica dei cantautori del Tennessee, portando l’ascoltatore in un viaggio che potrebbe non aver ancora viaggiato.

La melodia è appoggiata sulla sua chitarra, e prende vita grazie agli Highway Natives, la band che ha costituito nel 2018 insieme a  Brandon Moore. Non solo country, oltre al banjo, al violino e ci sono chitarre elettriche e una sezione ritmica pulsante che porta il suono di Wrong Things sul pianeta “Americana” lasciando però la linea melodica legata sempre allo spirito del cantautore. Un disco fatto di storie che toccano il cuore e canzoni che riscaldano l’anima, ascoltare Any Ol Sky o Texas and Me regala un incredibile senso di libertà è come librarsi liberi in un immenso cielo blù.

Hill Country – Hill Country

Nella lunga tradizione dei “supergruppi texani”, dopo il recente esordio di The Panehandlers un altra band di grandi musicisti si affaccia sulla scena musicale country del texas: sono gli Hill Country

Il frontman Zane Williams, è una vecchia conoscenza del Country Bunker con ben 7 album da solista alle sue spalle che ad un certo punto della sua carriera, ha deciso che fosse arrivato il momento di espandere il proprio spettro musicale. Ha chiamato così all’appello il collega Paul Eason anch’egli con 3 album all’attivo e un passato da chitarrista solista per la leggenda del Texas-Country Kevin Fowler, che probabilmente, stanco di fare il side-man ha subito accettato l’idea di poter far parte di un progetto che lo vedeva eletto tra i protagonisti. Alla batteria è stato interpellato Lyndon Hughes, in grado di dare oltre alla parte ritmica una voce in più al gruppo e mettere al servizio della band la la sua esperienza di ingegneria e produzione maturata negli anni avendo lavorato tra gli altri con artisti come: Cody Johnson, Sundance Head, Roger Creager 

Con gli inserimenti del polistrumentista e cantante Andy Rogers (banjo, dobro, mandolino e chitarra) e di Sean Rodriguez al basso e alla voce, l’esclusiva miscela vocale della band si è solidificata e concretizzata dopo una sola jam session estemporanea in una sala prove presa in affitto dove hanno capito immediatamente che la chimica tra di loro era perfetta.

Il sound abbraccia entrambi i generi musicali del country, il bluegrass, il folk e il rock acustico. Una delle meraviglie del disco è ascoltare le armonie delle 5 voci che si intrecciano, si sovrappongono, si amalgamano alla perfezione. La qualità del  songwriting e il talento musicale sembra emergere senza alcun sforzo, con semplicità, naturalezza e potenza come fossero una band che ha calcato palchi per 20 anni ma non è stato affatto così visto che il loro primo incontro è stato proprio in quella Jam nell’estate del 2019. Le alchimie musicali, come quelle nella vita quotidiana a volte emergono per caso, probabilmente è la fiducia, il sentirsi accolti e rispettati che fa si che una band possa tirare fuori il meglio sia individualmente che singolarmente esplodendo un un suono così perfetto e compatto che stupisce fin dal primo ascolto.

Il disco, registrato tra Austin e Houston durante un periodo di undici mesi, ha visto la luce nel Maggio 2020. Hill Country può essere una regione collinare del Texas, delle colline del Tennessee, della California, del North Carolina o dell’Alabama, il termine “Hill Country” è universale come la musica contenuta all’interno del disco che ci porta in un viaggio attraverso dodici brani (tutti originali arrangiati, prodotti ed eseguiti dagli stessi membri della band) che hanno il sapore di Band che hanno fatto la storia della musica. River Roll con le sue tre chitarre acustiche e ricorda gli anni ’70 di The Band e James Taylor. The Eagle è un classico sostenuto da toccanti armonie vocali su un letto di dobro, mandolino e chitarra. Palomino Gold (tra le mie preferite) è una indolente ballata che evoca enormi spazi e cieli blu nei quali perdersi con l’immaginazione sulle note di una liquida steel gustar che scorre lenta, come un fiume, lungo tutta la canzone. Work to Do e Company Man portano i sapori e i colori del tipico texas-country la prima con quella chitarra elettrica che si intreccia col dobro si concentra sul sound degli ’80, la seconda, più moderna, abbraccia il mood delle nuove generazioni. Atmosfere tex-mex per Adios mentre la successiva Evergreen è una canzone tipicamente bluegrass ma con l’aggiunta della batteria. Hey Susanna ha una connotazione alt-country chitarra con un filo di distorsore ma sempre con le armonie vocali ad impreziosire il tutto. Dixie Darlin racconta di un amore perduto nello stile e incedere più classico del troubadour. The Last Dance è uno di quei lenti da ballroom imprescindibili. In Janie Lynn sono ancora le voci le protagoniste assolute fino all’arrivo del banjo che si lancia in una lunga cavalcata portandoci nel profondo west! La conclusiva Somewhere Down the Road è pura “americana” e racchiude il messaggio che la Band è legata alla storia, alle tradizioni qualunque esse siano purché oneste e genuine. I territori geografici e musicali esplorati nel disco sono tanti ma tutti hanno una radice comune, un profondo amore per la loro terra e la loro musica che più che mai in questo caso, sento fortemente anche mia.

Roger Street Freidman – Rise

Adoro le storie di vita e di musica, di come gli eventi possano condurre alle più incredibili scelte per ogni qualsiasi motivo, Roger Street Freidman è una di quelle storie, ha 54 anni, è marito e padre di due figli, da bambino suonava musica e gli piaceva registrare le canzoni in un piccolo studio che si era costruito con i pochi strumenti a disposizione. Una passione accantonata perché fino al 2014, ha lavorato nel settore della vendita al dettaglio insieme allo zio per circa 25 anni.  Fu solo dopo la perdita di suo padre nel 2004 e di sua madre nel 2006 e successiva nascita di sua figlia sempre nel 2006, che l’ispirazione per scrivere testi e comporre musica ritornò prepotentemente dentro di lui. Arrivato ai 50 anni, dopo aver perso i genitori si incomincia a vedere che anche i propri amici e gli affetti costruiti potrebbero lasciare questo mondo da un momento all’altro e ci si rende conto di non avere più tanto tempo da perdere. In seguito a questi pensieri, Friedman ha preso la coraggiosa decisione di lasciare il lavoro per dedicarsi alla musica a tempo pieno.

Arrivò quindi il debutto del 2014 The Waiting Sky seguito nel 2017 da Shoot the Moon. In questo suo terzo album, Rise, prodotto dal vincitore del Grammy e collaboratore di lunga data di Levon Helm, Larry Campbell, è tornato più appassionato e impegnato che mai. Le strade di e Campbell si sono incrociate quando quest’ultimo ha suonato in The Waiting Sky. Alla fine di una sessione di prove, mentre Friedman lo stava aiutando a trasportare i suoi strumenti in macchina, Campbell gli disse che scriveva davvero delle belle canzoni e che aveva qualcosa da dire col cuore. L’incoraggiamento di Campbell lo colpì a tal punto che i due rimasero in contatto, così dopo aver ascoltato le oltre 30 canzoni che gli aveva inviato, Campbell accettò di produrre RISE.

In queste 12 canzoni di Rise, 7 delle quali scritte in collaborazione con artisti della scena di Nashville (Mike Gray, Steve Lester, Michael August, Matt Willis, Mark Baxter, Hunter Tynan Davis, Elliot Bronson, Alice Lankford e Jimbo Martin e Campbeli), Friedman cerca di andare ancora più in profondità, cercando davvero di arrivare al nocciolo della questione. Le canzoni arrivano direttamente dalla pancia e dal cuore e ci portano ad empatizzare completamente con i loro personaggi, sia che si tratti del veterano del Vietnam di The War is Already Over, sia delle domande della casalinga sulla sua vita in Over and Over. 

In tutto l’album c’è un realismo disarmante, una immediatezza e una urgenza di domande e di risposte, le canzoni sono prive di arrangiamenti sofisticati e vanno dirette al suono americana, la volontà dell’artista è stata quella di portare le canzoni a  mettere in risalto il più possibile il songwriting, lasciando ampi spazi alle storie ed alle emozioni facendo in modo che la musica facesse da colonna sonora a tutto.

Rise alla fine non è altro che una dichiarazione di intenti di un cantautore che sembra essere un a pietra miliare della sua carriera… almeno fino al prossimo disco perché Friedman dice di avere già pronti altri due album.

Fireside Collective – Elements

Asheville è una città incastonata nelle Blue Ridge Mountains al confine tra Tennessee e North Carolina dove si è sempre mantenuta viva una scena musicale underground,  ma è solo negli ultimi 20 anni che è salita alla ribalta come una vera città musicale alla pari di Austin e Nashville. 

La città è piena di locali, di club dal The Orange Peel, alla Grey Eagle, all’Asheville Music Hall e costellata di bar, brewery e pub nei quali la gente si assiepa all’interno e sul marciapiede per ascoltare musica live e bere una birra. I buskers occupano ogni angolo delle delle strade. Ci sono echi di rock, di hip-hop e di elettronica ma sono l’Americana e il Bluegrass i due generi che regnano sovrani. 

Asheville è una città culturalmente viva e fatta da persone che l’hanno resa bella e vivibile. È un luogo in cui hippies, freaks e ambientalisti convinti, hanno trovato il luogo adatto in cui vivere ascoltando la musica bluegrass.

Asheville ospita anche lo studio Echo Mountain Recording, costruito nel 2003 da Steve Wilmans che, lasciò la California per trasferirsi sulle montagne del West North Carolina e realizzare lì il suo studio dei sogni. Ha trovato il posto perfetto in una vecchia chiesa poco fuori dal centro di Asheville dove ha allestito uno studio di registrazione all’avanguardia preservando quanto più possibile l’arredamento originale. L’acustica incontaminata di Echo Mountain lo ha reso uno studio di registrazione tra i più desiderati, tra i gruppi e i cantanti Statunitensi, questa enorme richiesta ha portato ovviamente a tempi di attesa lunghissimi. War on Drugs, White Denim, Zac Brown Band, Blackberry Smoke, Turnpike Troubadours e Dierks Bentley sono tra quelli che insieme alle band del luogo: Steep Canyon Rangers, The Avett Brothers, Town Mountain, River Whyless, Rising Appalachia e Marcus King Band e naturalmente il sindaco onorario di Asheville, Warren Haynes, hanno registrato lì almeno un disco.

Da Asheville provengono i Fireside Collective una string-band di 5 elementi emersa con prepotenza cinque anni fa vincendo il Band Contest del 2016 al MerleFest. Definire il loro sound Progressive Bluegrass è limitativo, i 5 ragazzi uniscono la caratteristica strumentazione bluegrass e le loro armonie vocali al folk, al blues, al funk e per creare un suono distintivo proprio.

Ogni membro: Joe Cicero (chitarra); Alex Genova (banjo); Jesse Iaquinto (mandolino); Tommy Maher (chitarra resofonica) e Carson White (contrabbasso) porta un contributo unico. La loro musica può apparire sia molto tradizionale quanto progressive, Quello che stanno facendo è semplicemente portare il classico suono del bluegrass a esplorare nuovi territori musicali, 

Bluegrass, Newgrass, o folk progressive” comunque la si chiami, la musica dei Fireside Collective è una esplosione di suoni e di colori capace di coinvolgere e trascinare chiunque se ne avvicini.

La band ha esordito nel 2014 con Shadows and Dreams. Nel 2017 hanno pubblicato il loro secondo album in studio, Life Between the Lines grazie al quale hanno ottenuto una nomination per l’IBMA momentum award come migliore band.

Nel 2020 esce Elements, prodotto da Travis Book (Infamous Stringdusters), che conferma quel suono particolare prerogativa esclusiva dei Fireside Collective.

Si dice che il modo migliore per testare l’efficacia della musica bluegrass sia suonarla dal vivo. Raramente si riesce a trasportare l’energia propria di un live all’interno di un album, registrato in studio. Elements, ricrea quell’intensità e quella sensazione di pressione sonora che arriva dal palco durante un concerto live che colpisce diretta allo stomaco. L’album si apre proprio con il momento che precede una qualunque esibizione live… Intro è l’accordatura degli strumenti. L’album inizia quindi dalla seconda traccia Winding Road tipicamente bluegrass che ha il merito, come gran parte delle canzoni contenute nel disco, di far venire voglia di ballare e dimenticare  le preoccupazioni. Tutti i brani esaltano le doti vocali e strumentali di tutti e 5 i componenti della band che si alternano alla guida in impressionanti jam offrendo una serie incredibile di cambi di tempo, di ritmo e di dinamica. Elements rimane un disco bluegrass ma è il bluegrass di Fireside Collective che aggiungono la loro visione moderna a questo genere che grazie anche a loro riesce ad abbracciare  un pubblico sempre
più ampio ed eterogeneo.

Alex Dunn – Scattered Poems

Seattle, è salita alle cronache negli anni ’90 per essere stata il cuore del movimento Grunge e quindi potrebbe non essere la prima città che viene in mente parlando di country. Il 17 luglio 1897, la nave a vapore Portland attraccò a Seattle da St Michael, in Alaska, trasportando 68 cercatori che a detta dei giornali del tempo, trasportavano “una tonnellata d’oro“. In breve a quelle poche centinaia di cercatori che salpavano da Seattle ogni settimana, se ne aggiunsero migliaia provenienti da ogni luogo degli States, tutti diretti lungo un remoto fiume nello Yukon  (oggi territorio del Canada). La corsa all’oro del Klondike era iniziata e con essa arrivarono a Seattle un melting-pot di culture, di tradizioni e di musica e con esse il country!

Costretto ad una riorganizzazione forzata di Music (il programma di Apple che uso da 14 anni per acquistare e programmare musica) che mi sta obbligando a ricostruire metà della mia libreria andata perduta di punto in bianco per non so quale motivo,  fortuna ha voluto che mi tornasse in mano per caso Scattered Poems di Alex Dunn del 2018.

Dunn ha studiato violoncello e flauto alle elementari, al college suonava il basso in una band con il batterista Alex Westcoat, Sam Esecson (produttore e ingegnere di Scattered Poems) e Colby Sander (dobro, chitarra elettrica su Scattered Poems). Terminati gli studi, Dunn si è imbarcato per 10 anni su un peschereccio commerciale di salmoni nel mare dell’Alaska. 

Per riempire le lunghe giornate di viaggio, ha imparato a suonare la chitarra, lo faceva seduto su un’ancora mentre navigava in aree remote del sud-est dell’Alaska, la maggior parte delle canzoni di Scattered Poems sono state quindi scritte a bordo della nave negli ultimi sei anni.

Quando rientrava in porto correva nello studio dell’amico Sam Esecson  situato in un seminterrato nel quartiere di Ballard (il Fishermen’s Terminal nell’Interbay di Ballard che ospita centinaia di barche da pesca compresa quella nella quale Dunn era parte dell’equipaggio).

Scattered Poems, come racconta Dunn è un disco d’’amore”, amore per la madre, per la nonna, amore per la famiglia, amore per gli amanti, amore non corrisposto e amore puramente per amore. Sulla sua stracca per reggere la chitarra è riportata una frase di sua madre “amare ed essere amati è tutto ciò che c’è veramente 

Scattered Poems è un disco senza tempo, le sue canzoni potrebbero sembrare quelle tramandate da generazioni dai tempi della Gold Rush ai giorni nostri, la scrittura è semplice e proprio per questo mi affascina per la qualità e lo stile compositivo proprio della grande tradizione di musica Americana. Scattered Poems è un disco meraviglioso a partire da Colorado Lines una storia di amore, di desiderio e di redenzione dove si respira la nostalgia sulla linea musicale imposta dal violino e dal banjo sostenuti da un incalzante rullante che ricrea molto bene il senso del viaggio. Dear Mama evoca spazi infiniti, quelli che Alex trova in Colorado e Wyoming, una classica western song con un dobro a tracciarne le linee.  Scattered Poems sostenuta dal banjo che trova conforto nel fiddle è vagamente bluegrass. Will you be  incrocia l honky tonk e racconta delle sensazioni che si provano per un amore non corrisposto che trovano corrispondenza nella languida splendida pedal steel. Rattlesnake Bush è giocata tutta sulle chitarre alza il ritmo ma il sapore della country-ballad rimane. East Of The Hills presenta tutti gli elementi di una grande western-song, pedal steel, fiddle e la voce da troubadour di Alex. Norma è un up-tempo. One Step Away ha il sapore del country californiano con una buona dose di Bakersfield sound. Le ultime 4 canzoni sono intime ballate, che hanno come atto finale la toccante This All Goes Away.

Non credo si possa pretendere di più da un disco, Scattered Poems arriva dritto al cuore, 13 meravigliose canzoni scritte con l’animo puro di un grande cantautore dei tempi moderni che raccoglie l’eredità del passato, la sua storia, i sentimenti riproponendoli in maniera disarmante mettendo allo scoperto la sua grande anima regalandoci boccate d’aria salmastra,  uno sguardo ai grandi cieli blu e sconfinate praterie nelle quali perdersi con le note di questo strepitoso disco. Ascoltatelo e non potrete più farne a meno.

Barbaro – Dressed in Roses

Barbaro è una string band che suona insieme da meno di due anni ma che in questo breve lasso di tempo si è già ricavata un posto di rilievo nella scena bluegrass del Midwest muovendosi oltre i limiti del genere e mescolando al loro suono sonorità newgrass, country, jazz e irish rappresentando alla perfezione una precisa identità folk americana. 

La scena musicale di Minneapolis è storicamente legata al punk rock (Husker Dü, The Replacements, Soul Asylum) ma nello stato c’è anche una forte identità folk data forse anche dal fatto che sia il luogo di nascita di Bob Dylan. Finita quindi l’era delle hardcore band, che hanno visto il tramonto all’alba degli anni ’90, è riemerso lo spirito folk/old-time che ha portato una vera rinascita del bluegrass come dimostrano i 1000 e più associati a www.minnesotabluegrass.org.

il 2018 è stato un grande anno per il quartetto di Minneapolis-Winona. Ha vinto il John Hartford Memorial Festival Band Contest e il Minnesota Bluegrass Roots Band Contest e pubblicato il loro primo EP. Il loro suono è particolare e si distingue nella comunità bluegrass perché ogni componente della band ha portato tutta la propria gamma di influenze musicali e la magia e nonostante questo il suono che ne scaturisce è sorprendente perché decreta una incredibile unità e coesione collettiva.

Dressed In Roses contiene 10 canzoni, che includono, assoli di violino, cavalcate di banjo e una voglia incontrollabile di giocare con i suoni dai più ricercati ai più classici.

Un gioiello dell’album è la canzone sul purosangue Barbaro che nel 2006, due settimane dopo aver vinto  il Kentucky Derby si ruppe una zampa. È una storia tanto bella e commovente quanto tragica sulla prematura perdita di una vita e risulta essere un suggerimento a vivere la vita al massimo e rendere ogni occasione importante.

Mississippi Thunder Speedway è l’unica traccia strumentale dell’album, il titolo annuncia la corsa tra il basso di Jason, il violino di Rachel, il banjo di Isaac e la chitarra di Kyle Shelstad (ex Kitchen Dwellers) che viaggiano a velocità davvero ultrasoniche.

Le canzoni del disco si muovono in tante direzioni diverse, c’è un’idea principale sulla quale però la melodia cambia in corsa, si incrocia, ritorna, rimbalza, riparte, abbraccia note e a volte ritmi non propriamente bluegrass ma alla fine arriva dove si era pensato dovesse arrivare ed è qui tutta la bellezza e la freschezza del suono di Barbaro. Ogni loro canzone è un viaggio, una scoperta, una sorpresa dopo l’altra, è come se invece di imboccare l’autostrada per arrivare diretti all’arrivo si percorressero strade secondarie, attraversando la campagna, su e giù per le colline, passando per i vicoli cittadini, fino ad arrivare al mare. Una esplosione di musica e di suoni, un disco da avere e soprattutto da ascoltare… e non siamo che all’inizio!!!

Wade Bowen & Randy Rogers – Hold My Beer vol. 2

Wade Bowen e Randy Rogers sono due affermati musicisti di Texas Country, da tempo sul mercato, il primo come solista il secondo come Randy Rogers Band. Nel 2015 hanno a sorpresa pubblicato insieme un album intitolato Hold My Beer, costituito da canzoni raccolte e messe insieme un po’ per scherzo, un po’ per gioco ma ugualmente sorprendenti, per quanto presentassero alti livelli di qualità,  all’uscita di quel disco ha fatto seguito un tour acustico in Texas. Hold my beer è un’espressione gergale rivolta ad una persona prima chequesta faccia qualcosa di insensato o di stupido. Con l’uscita di questo Hold My Beer vol. 2 scopriamo che questo loro progetto “parallelo” non è più un gioco, dopo l’accoglienza positiva ricevuta dal primo disco, Randy e Wade hanno preso la cosa veramente sul serio, lavorando su un preciso progetto, scrivendo canzoni per l’occasione insieme con Jon Randall & Jim Beavers e mettendo alla produzione del disco nientepopòdimenoche Mr. Lloyd Maines.

Hold My Beer Vol. 2 è una dichiarazione d’amore per la country music è un  un album di musica country che parla di musica country. Rhinestoned è un inno che parla sulla fortuna di essere cresciuti ascoltando il classic country. Speak To Me Jukebox snocciola una serie di titoli di vecchi classici del country, This Ain’t My Town parla di come il mondo in continua evoluzione ci derubi di continuo di ciò che era prezioso nel passato, inclusa la musica country e Mi Amigo è una fantastica collaborazione con Asleep at the Wheel.

Rodeo Clown è il primo singolo e video del disco ma è Ode to Ben Dorcy (Lovey’s Song) il punto di forza dell’album.

Wade e Randy non avrebbero mai immaginato di vedere i loro nomi accomunati a quello di Waylon Jennings, ma nella traccia 6 avviene l’impossibile. Ode to Ben Dorcy (Lovey’s Song), è una canzone scritta da Jennings mai  registrata ufficialmente, la voce di Waylon, è presa dal worktape della canzone che aveva lo stesso Dorcy.

Dorcy, è conosciuto come Il più vecchio roadie del mondo e soprannominato Lovey, ha incominciato il suo lavoro verso il 1950 era amato da tutti i più grandi nomi della musica country (Merle Haggard, Johnny Cash, Elvis Presley e dozzine di altri artisti importanti, nonché anche cameriere personale di John Wayne) tutti, compresi Bowen e Rogers, lo consideravano prima di tutto un grande amico.

L’esistenza di Ode to Ben Dorcy era nota tra gli amici e i conoscenti di Dorcy, che amava suonare sempre quella canzone per le persone cheincontrava, Ben adorava quella canzone e ne andava profondamente orgoglioso!  Rogers, racconta che quando lui e Bowen hanno iniziato a lavorare su Hold My Beer, Vol. 2, hanno chiamato Shooter Jennings per ottenere il permesso di rilasciare ufficialmente “Lovey’s Song”.

L’approvazione è arrivata da Shooter e da Jessi Colter e lo stesso Shooter è stato invitato a cantare. La versione finale di “Ode to Ben Dorcy” ha ottenuto immediatamente l’approvazione della famiglia Jennings, e a registrazione completata Shooter ha detto: “A mio padre sarebbe piaciuta davvero molto,”

Dorcy sapeva che Bowen e Rogers stavano pensando di registrare la canzone e ne era veramente felice ma purtroppo nel 2017, all’età di 92 anni, è morto prima di poterla ascoltare.

L’atmosfera che si respira ascoltando Hold My Beer Vol. 2, riporta, Randy Rogers e Wade Bowen a interpretare la grande musica country del Texas, preservandone le tradizioni e lasciandole in eredità alle una nuove generazioni. Il disco è tecnicamente perfetto grandi interpretazioni, belle le voci, ottima strumentazione e in più la grande produzione in studio di Lloyd Maines, fanno di questo disco una vera testimonianza che i due generi hanno ancora il loro fascino ed il loro immenso valore.

Mike Teardrop Trio – Till the Down

Il mercato del country e del rockabilly è ampiamente diffuso al nord dell’Europa (diciamo pure ovunque in europa tranne che nel sud del continente ed in Francia). L’etichetta svedese Enviken pubblica regolarmente album di rock & roll e rockabilly proprio come in questo caso: Till the Down degli svedesi Mike Teardrop Trio, composti da Mike Teardrop (voce, basso), Rasmus Andersson (voce, chitarra) e Henrik Ulander (batteria). 

Con uno slap-bass alla base del loro suono, grandi armonie con l’aggiunta di un pizzico di buona musica country, hanno dato origine ad un suono difficile da trovare in questo terzo millennio andando così a riempire un buco importante nel panorama musicale odierno.

Chiamano la loro musica countryfied rockabilly. 

Sul loro nuovo disco ritroviamo quel suono autentico degli anni ’50 già presente  in Hangin Around, (il loro album di debutto del 2017) semplice, accattivante e diretto, senza fronzoli integrando elementi propri della country music al rockabilly. 

Hanno scelto 9 canzoni di artisti classici degli anni ’50 e di band contemporanee come The Barnshakers, Di Maggio Bros e The Nu-Niles, unendo alla setlist 5 loro canzoni originali. Basta ascoltare il brano che apre il disco, Sad & Blue, che affronta il tema del cowboy solitario, per rendersi conto immediatamente di essere di fronte ad un perfetto mix di country e rockabilly.

Nel disco ci sono echi di Buddy Holly, The Blasters e BR5-49, il Country di Countrty Boy e Twenty-One, l’up-tempo di Good For Nothing, il rockabilly puro di That Extra Mile e For Rent, il mid-tempo di Two Timing Mama, le classiche Someone To Hold e Mr. Jukebox dove compare il piano di Stefan Nykvist. Il disco si concludere con l’honky-tonk di Till The Dawn. Questo più che un album è una enciclopedia di 70 anni di musica, di quella nata ai ridosso dei ’50 che si rivolge agli amanti sia del Rockabilly (quello originale) che del Country e che renderà sicuramente piacevole l’ascolto sia chi la musica ama ballarla sia a chi ama ascoltarla.

Ruben Levi Rhodes – Abbeville

Mia moglie dice sempre, ascolta musicisti che neanche i parenti più stretti sanno che fanno musica… beh Ruben Levi Rhodes (aka Ruben Rivera) è uno di quei casi dove davvero non sono riuscito a sapere nulla di lui se non che è un cantante originario della California meridionale, nella sua musica ha mescolato perfettamente lo spirito del Rock’n’Roll la con l’eredità del country e dell’Honky Tonk. Abbeville è il suo disco di esordio e porta con sé i suoni di un glorioso passato dove i “solo” e i riff della chitarra elettrica trovano il loro spazio. Sunday Song e White Line Flyin sono una doppietta iniziale che fa riconciliare con il mondo, una ballad mid-tempo la prima e un r’n’r incendiario la seconda. Lonesome Is Never Alone ci porta al confine del messico dove una languida steel guitar si mescola a ritmi associabili ai primi Los Lobos mentre Avery è una classica country ballad dove il fiddle e l’armonica si rincorrono attorcigliati dal piano e dall’immancabile steel. I temi del disco sono sviscerati in queste prime canzoni per trovare in Talkin Cannonball Blues un up-tempo che richiama molto il Dylan di The Basement Tapes. Jack of Diamonds è la canzone più lenta ed evocativa del disco. Country-Folk-Rock sono i tre ingredienti fondamentali di Abbeville, 14 canzoni da assaporare al caldo sole di questa primavera sognando viaggi, odori, sapori e panorami che questo disco ci regala in un momento dove i sogni si mescolano alla realtà e Abbeville è un’amaca dove possiamo liberamente lasciarci andare abbandonandoci e lasciandoci cullare ed abbracciare dalle emozioni che rilascia. 

The Family Sowell – Same Kind of Different

La musica Country e Bluegrass è tradizionalmente ricca di famiglie che si costituiscono in una band, la più conosciuta è sicuramente The Carter Family, ma in 150 anni si sono susseguite stirpi che portano avanti i valori della famiglia, delle radici della loro cultura e l’amore per la musica. Quello che per loro è normale, in Italia verrebbe additato come fenomeno mediatico, prendiamo ad esempio John-Mark Sowell ha 15 anni suona il violino da dio ed è il frontman del gruppo e per non farsi mancare niente suona piano, mandolino, chitarra e basso, qui verrebbe chiamato FENOMENO, in realtà lo è… ma quanti John-Mark ci sono in US? Alle nostre latitudini ragazzi come i fratelli Sowell sarebbero a racimolare date gratis o per pochi spiccioli eseguendo cover trite e ri-trite di gruppi del passato, loro no. Sicuramente la differenza la fanno le differenze culturali, religiose, lo stile di vita e l’ambiente nel quale molti dei ragazzi crescono a ridosso delle Appalachian Mountains.

The Family Sowell sono di Knoxville, nel Tennessee sono sei fratelli che inseguono un sogno insieme, la loro musica infonde passione, amore e immenso talento. In ordine di età sono: Jacob Sowell (23 anni il più vecchio del gruppo!!!) al Banjo, Joshua Sowell (21 anni) alla chitarra, Naomi Sowell (19 anni) al contrabbasso, Abigail Sowell (19 anni) al Mandolino, John-Mark Sowell (15 anni) al violino  frontman del gruppo e Justus Sowell (13 anni) al dobro.

Same Kind of Different, è il loro disco appena pubblicato, prodotto dal Nominato ai Grammy, Ben Isaacs, contiene 10 brani originali e 3 cover. The Family Sowell è una delle band più emozionanti che ho ascoltato da molto tempo. Nonostante la giovane età sembrano già una band con una esperienza pluriennale, grande musicalità, armonie vocali perfette, ottimi musicisti, ma soprattutto, quello che adoro di questi 6 ragazzi, è che mi fanno stare bene, infondono spensieratezza, allegria, fanno sembrare semplici cose che in realtà non lo sono, si divertono e fanno divertire. La mamma, Cindy, spesso sale sul palco per unire la sua voce a quella dei suoi figli, mentre il padre Guynn guida l’autobus e gestisce la parte commerciale.

Questo è il loro terzo album, la storia ne è testimone, come spesso capita le Family Band hanno quasi tutte vita breve, godiamoci queste canzoni confidando che le nuove generazioni degli Sowell continuino a portare avanti la stessa passione e lo stesso talento. 

HAM Rodeo – HAM Rodeo EP

HAM Rodeo si sono formati verso la fine del 2017 da quattro pilastri della scena bluegrass di New York City. Alle voci troviamo Christian Apuzzo (chitarra) e Larry Cook (basso), alla steel guitar Justin Camerer e alla batteria Ellery Marshall. La band ha iniziato a suonare musica acustica tradizionale ma col passare del tempo si sono accorti che c’era una fame tra gli ascoltatori dello zoccolo duro della scena musicale del western-swing pronti a ballare sulla loro musica. Con un bagaglio di canzoni dei grandi classici di Hank Williams, Buck Owens, Merle Haggard unito ad influenze più recenti come Caleb Klauder, la band ha iniziato a scrivere musica originale per questo EP di debutto composto da 4 canzoni originali e 2 deliziose cover dedicate a tutti i Good ol’boys. Un EP saldamente ancorato alla tradizionale della musica country americana, Twang e Bakersfield Sound allargando quel poco che basta i confini del loro suono sia per soddisfare i loro gusti  ma col pensiero rivolto a mantenere sempre piena la pista da ballo. Un disco felice, gradevole, facile da ascoltare per chiunque si volesse avvicinare ai due generi senza passare dai classici. HAM Rodeo sono meglio di qualsiasi farmaco antidepressivo, il vostro umore dopo l’ascolto di queste 6 canzoni sarà sicuramente migliore… mettere HAM Rodeo EP come sveglia mattutina e la vostra giornata cambierà… Provare per credere.

Western Centuries – Call the Captain

La canzone “No Depression in Heaven” è stata originariamente registrata dalla Carter Family nel 1936 durante la Grande Depressione, canta della paura e della speranza di molte famiglie che dall’est hanno deciso di intraprendere il viaggio alla ricerca di una vita migliore verso l’ovest. No Depression è il titolo dell’album del 1990 degli Uncle Tupelo che ha rivitalizzato la scena country rock dei ‘60 e quella con tinte più punk degli ’80. Gli anni ’90 sono stati caratterizzati dalla scena musicale di Seattle col Grunge e da quella di Nashville con il Country-Pop. Uncle Tupelo hanno riportato l’attenzione alla musica country americana tradizionale, la musica dei lavoratori, quella per intenderci di Woody Guthrie, Hank Williams e The Carter Family e il country rock, quello di Byrds che per primi hanno elettrificato il folk di Bob Dylan  e soprattutto  Gram Parsons con i suoi Flyng Burrito Brothers (che definivano il loro suono”Cosmic American Music”). Come abbiamo visto per il movimento OUTLAW anche il movimento No Depression si è formato come una reazione spontanea all’establishment discografico e radiofonico che aveva abbracciato i suoni metallici del Grunge e quelli Pop di Nashville. L’album No depression di Uncle Tupelo è ampiamente accreditato come il primo album “alt-country“, e diede il suo nome al movimento e alla rivista alla base del movimento stesso. Dopo altri tre album si sciolsero nel 1994, aprendo nuovi e interessanti scenari perché Jay Farrar costituì i Son Volt (ad oggi, lo zoccolo duro del movimento), Jeff Tweedy fondò i Wilco a loro seguirono Bottle Rockets, Freakwater, Old 97’s arruolati dall’etichetta Bloodshot, che fu pioniere del genere che definì quel suono insurgent country. Le band Blue Mountain, Whiskeytown, Steve Earle, Drive-By Truckers seguirono a ruota e No-Depression, Alternative Country, Insurgent Country sono state le basi per quella che a partire dagli anni 2000 è stata classificata come musica “Americana”. Definire questa musica è quantomai semplice: è il luogo dove si fondono armoniosamente il folk, il country e il rock’n’roll. Probabilmente è una definizione generalista ma è quella che rappresenta al meglio tanti musicisti e gruppi che interpretano appieno lo spirito della musica che è nata negli stati uniti lasciandola indissolubilmente e romanticamente saldamente ancorata alle radici che la hanno generata.

La band Western Centuries con base a Seattle ritiene che la strada da percorrere sia più ricca se percorsa insieme. Collaborazione, ispirazione e reciproca ammirazione sono ciò che Cahalen Morrison, Ethan Lawton e Jim Miller indicano come il cuore del loro progetto. I Western Centuries celebrano il loro terzo album come una “band della band” con l’uscita di Call the Captain, (un titolo ironico per affermare su come siano una band senza un vero frontman), viene esaltata la collaborazione e la stima reciproca.

Morrison e Lawton si incontrarono a Seattle, dove conducevano due carriere musicali affermate. I due iniziarono a suonare insieme casualmente Quando hanno saputo che Jim Miller, del quale apprezzavano il lavoro e la voce, si era trasferito a Seattle, gli hanno chiesto di suonare con loro e i tre hanno trovato una visione musicale  condivisa unita ad una forte amicizia. 

Miller confessa che dopo 20 anni trascorsi a suonare la chitarra ritmica e a fare i cori in Donna the Buffalo non voleva più essere parte dell’arredo della backline. Western Centuries sono quello che tutti e tre cercavano: una band senza leader; una nave senza capitano.

Su Call the Captain, tutti e tre i cantautori hanno collaborato a scrivere canzoni ed ad alternarsi alla voce solista ed a scambiarsi gli strumenti. I temi trattati nelle 12 canzoni sono tra i più vari “Long Dreadful Journey”, ( Lawton) è costruita su un passo del vangelo e parla di religione come una menzogna, che ha reso terribili le cose fatte a suo nome, sullo stesso tema “Dynamite Kid” (Morrison) dove si esprime lo stesso disprezzo per il lavoro missionario svolto in una pseudo-scuola in New Mexico. “Space Force” (Miller), arricchito dalla presenza di Jim Lauderdale, è una satira sugli armamenti e la politica del presidente Trump.

In tutto l’album, le armonie vocali arricchiscono ed impreziosiscono rendendo unica ciascuna canzone, con una incredibile sintonia sia compositiva che strumentale.

Call the Captain è quello che si può definire un moderno disco di musica Americana con al proprio interno tutti gli elementi tipici del genere, country, bluegrass, soul, R’n’B, ballads e 12 splendide canzoni provenienti proprio dalla zona dove il Country ha sofferto di più ma che ora sembra avere trovato non uno ma ben TRE capitani a portarla nuovamente a galla.

Jason Ray Welsh – Write the Wrong

Come spesso accade, anche le storie sull’origine del termine Outlaw Country sono tra le più svariate e disparate, chi lo attribuisce a Willie Nelson, chi a Bobby Bare e chi a Dough Sam. La matrice che accomuna tutti questi artisti però, è l’idea: gli OUTLAW volevano la libertà, volevano cantare le canzoni che preferivano, registrare in studi indipendenti, suonare come dove gli pareva e controllare le loro carriere musicali.

Il movimento Outlaw country iniziò quindi come reazione alla sovra-produzione country-pop dell’industria discografica di Nashville sviluppata da produttori discografici come Chet Atkins che voleva farne un business, non è affatto un caso che tutti gli outlaw fossero Texan o Okie. La musica affonda le sue radici nell’honky tonk, nel southern rock e nel rockabilly ed ha incominciato il suo sviluppo negli anni ’70. I primi “fuorilegge” includono Waylon Jennings, Willie Nelson, Kris Kristofferson, Merle Haggard, Guy Clark, Jessi Colter, David Allan Coe, Hank Williams Jr., Billy Joe Shaver, Steve Earle, Joe Ely, Johnny Paycheck. La rottura definitiva con l’industria di Music City avvenne quando Waylon Jennings e Willie Nelson riuscirono ad assicurarsi i propri diritti di registrazione e iniziarono apertamente a contrastare il “suono di Nashville”. Mentre Nashville ha continuato a essere al centro della musica country tradizionale, città come Lubbock e Austin sono diventate i centri dell’OUTLAW. Nel 1976, l’outlaw country ha trovato il suo manifesto con l’uscita di Wanted! The Outlaws, un album con  Waylon Jennings, Willie Nelson, Jessi Colter e Tompall Glaser. The Outlaws è diventato il primo album country ad essere certificato platino, raggiungendo un milione di copie vendute.

Mentre a Nashville imperversavano abiti tempestati di strass, capelli cotonati, messe in piega vertiginose e arrangiamenti sempre più raffinati e pomposi, i fuorilegge portavano i capelli lunghi e le barbe incolte, le giacche di pelle e gli stivali sporchi e ritornarono alle radici della musica country aggiungendo quel pizzico di rock al loro suono. L’album di Jennings Honky Tonk Heroes e Old Five e Dimers Like Me di Billy Joe Shaver sono due pietre miliari nel genere OUTLAW.

Willie Nelson lasciò Nashville nel 1971 per tornare in Texas. Ad Austin incontrò Billy Joe Shaver e altri musicisti che avevano creato quel suono country influenzato dal folk e dal rock che è diventato il genere OUTLAW.

A Lubbock. Butch Hancock, Joe Ely e Jimmie Dale Gilmore hanno formato The Flatlanders. Johnny Cash  ha ridato vigore alla carriera grazie al movimento OUTLAW, incontrando Willie Nelson, Waylon Jennings e Kris Kristofferson con i quali ha costituito The Highwaymen. Il periodo di massimo splendore del movimento OUTLAW fu tra la metà e la fine degli anni ’70. Negli anni ’80 la musica country tradizionale era dominata da artisti pop country. Il movimento ritrovò nuova forzae a metà degli anni ’80 con la rinascita del country neo traditional, che ha ripescato le sonorità sia della musica country sia tradizionale che “fuorilegge” degli anni passati.

Eleven Hundred Springs, Robert Earl Keen Jr., Kevin Fowler, Shooter Jennings, Wade Bowen, Randy Rogers Band, Cross Canadian Ragweed, Jason Boland & the Stragglers ed Eli Young Band, hanno portato nuova linfa al movimento OUTLAW mantenendo gli stessi ideali di un tempo insieme ad artisti come  Billy Joe Shaver e David Allan Coe. Vista la provenienza di molti di loro dallo stato della Lone Star, si è coniato il termine Texas Country,  mentre il genere gemello chiamato Red Dirt sviluppatosi intorno alla città di Stillwater Oklahoma nota ai più per la sua terra rossa. Come per il movimento OUTLAW, sia il Texas Country che il Red Dirt non corrispondono ad un formato musicale ma rappresentano un movimento tra gli artisti legati da idee, provenienza e radici comuni.

L’OUTLAW vive ancora nelle vite, nella voce, nei testi e nella musica di tanti veri “fuorilegge”. Basta ascoltare Renegade, canzone di apertura di Write the Wrongs, album d’esordio di  Jason Ray Welsh, guardare la copertina per rendersi immediatamente conto che l’OUTLAW non passerà mai di moda perché ci sarà sempre chi come Jason vuole vivere da spirito libero sia nella vita che nella musica, fuori dalle convenzioni che la società impone. Nato e cresciuto a Columbus, nell’Indiana dove ha imparato i valori, la morale, come vivere, ridere e amare la campagna; è un veterano dell’esercito in pensione, ha 39 anni, 5 figli e tante cose da dire. Dopo un periodo di disintossicazione per abuso di droghe, la sua fidanzata gli ha regalato una chitarra “Grace”, da quel momento è rimasto pulito e la musica è stata la sua salvezza, quella musica che ha ascoltato nei dischi di Waylon Jennings e delle stazioni radio “fuorilegge”. La sua vita è cambiata, è cambiata la città e gli amici e ha deciso di raccontarlo con queste 13 canzoni che toccano i temi della vita, i dolori, le gioie, le difficoltà, gli errori, i passi buoni e falsi che caratterizzano la vita di ogni uomo. Racconta tutto questo con una voce che arriva diretta all’anima affrontando aspetti della vita come in Devil in the Whiskey, Family canzoni dove racconta a sua storia con il cuore in mano mettendosi a nudo. Un disco vero, genuino dove non c’è spazio per nient’altro se non per la musica, le parole e la storia di un uomo che riesce a regalare una emozione dietro l’altra toccandoci il cuore, non lasciando nulla all’immaginazione. Write the Wrong è uno di quei dischi di OUTLAW da inserire tra le pietre miliari del genere.

Tyler Lance Walker Gill – Tyler Lance Walker Gill

Dare una definizione di Honky Tonk è quanto mai difficile, vi sono le più disparate versioni che raccontano la nascita di questo genere legato ed associato nell’immaginario collettivo al suono dei pianoforti scordati che si potevano trovare dei bar malfamati delle periferie delle città. Due esempi di nazional-popolarità del genere sono: Honky Tonk Woman di Rolling Stones e Honky Tonk Train Blues di Keith Emerson resa famosa in Italia per essere stata la sigla del programma televisivo Odeon). Anche se associato prevalentemente al piano e indicato dai più come precursore del boogie woogie, l’Honky Tonk è uno dei suoni più distintivi e caratteristici legato alla musica Country! Questo perché, a cavallo della WWII, è incominciato uno spostamento verso le grandi città del sud (soprattutto quelle del Texas) degli insediamenti rurali degli Hillbillies che si rifugiavano in luridi bar per trovare facili soddisfazioni sessuali o per affogare nell’alcol a basso costo, i problemi amorosi e lavorativi delle loro vite. I testi delle canzoni, semplici e diretti,  ne sono una testimonianza concreta, tradimenti, passioni, infedeltà, dolori… nulla che una bottiglia di Whiskey non potesse cancellare lasciando il mattino dopo, oltre che un gran mal di testa, anche un senso di rimorso sia morale che religioso. Dal punto di vista musicale l’Honky Tonk rimane una fonte di ispirazione e rinnovamento quando le tendenze popolari iniziano a perdere le loro radici, il suo suono così ben definito fu la risposta contro il country pop nei decenni a venire: a lui si appoggiò il Bakersfield sound negli anni ’60, l’Outlaw Country negli anni ’70, e il nuovo Traditional Country negli anni ’80 e ’90. La formazione di base del Tonk presenta chitarra acustica/elettrica, fiddle, contrabbasso e steel guitar (questa importata direttamente dalla tradizione hawaiana), a volte anche il piano. 

Ernest Tubb divenne il suo primo ambasciatore seguito negli anni ’50 da Hank Williams e Lefty Frizzell che cambiarono per sempre il modo in cui la musica Country veniva cantata. George Jones nei suoi 50 anni di attività cambiò sostanzialmente l’aspetto e il suono della Country Music riuscendo a sdoganarla in tutti i 50 stati!

Senza addentrarci in tecnicismi, fondamentalmente l’Honky Tonk è composto da TRE accordi il 99% delle volte maggiori, una bottiglia di Whiskey o Bourbon e piccole storie di vita da raccontare. Formula semplice e vincente per una musica che magicamente fa stare bene.

Tyler Lance Walker Gill da Bullitt County, Kentucky, è un vero Honky Tonk Man. Ogni fine settimana da bambino veniva portato al Mount Washington Jamboree dove la zia e la madre cantavano con la loro band. Per tutta l’infanzia è stato inondato dalla Classic Country Music, ma Tyler all’epoca era più interessato agli AC/DC. Invecchiando racconta di aver riacquistato quell’apprezzamento per la musica country con cui era cresciuto e che la musica country è l’unica cosa che può davvero scrivere e sentire che vale la pena farlo.

Nel 2018 Tyler e la sua band pubblicarono “Live From A Parking Lot“. Registrato durante un festival a Louisville chiamato Seven Sense Fest, realizzato in una fabbrica di birra su un palco allestito nel parcheggio.

Il giorno di San Valentino del 2020 Tyler è uscito con l’omonimo album di debutto in studio.

Nel disco fa spicco il nome del violinista Michael Cleveland, vincitore del Grammy nel 2018 e nel 2020, grande amico di Aaron Bibelhauser, la prima persona che Tyler ha contattato quando ha pensato di incidere il disco.

Le 10 tracce dell’album sono state tra le prime canzoni scritte e nonostante ve ne fossero altrettante pronte, questo perché il disco è stato registrato con un budget ridotto in circa 7 giorni, quindi è stato cercato di ottenere il massimo da ogni minuto di tempo in studio con le canzoni che la band sapeva meglio.

L’album include anche la coraggiosa dichiarazione contenuta in “So Called Christian Politicians“, una protesta  per il clima politico nel Kentucky e una critica al governatore Repubblicano Matt Bevin …e schierarsi contro i Repubblicani, come ben sappiamo, non è certo ben visto dai maggiori consumatori di musica country.

Nel mezzo di un Rinascimento di musica country, Tyler Lance Walker Gill va diretto al centro del cuore dell’Honky Tonk. Tre accordi senza fronzoli, semplici e immediati che rendono la musica country quell’esperienza speciale che solo questa musica può essere. Questo album racchiude in sé canzoni che puoi ascoltare sia quando sei felice sia quando sei triste La musica country può essere divertente e dovrebbe esserlo. Ascoltate la musica di Tyler Lance Walker Gill da Bullitt County, Kentucky e divertitevi.

Sideline – Breaks To The Edge

Bluegrass” è un nome comune dato in America per l’erba del genere Poa, il più famoso dei quali è il bluegrass del Kentucky.

Il Bluegrass, è influenzato dalla musica degli Appalachi dal gospel e dal jazz dal quale trae l’improvvisazione. La stessa musica degli Appalachi ha radici miste nella musica tradizionale irlandese, scozzese e inglese, ed è stata successivamente influenzata dalla musica degli afro-americani attraverso l’incorporazione di elementi jazz e blues.

La regione degli Appalachi era il luogo in cui risedevano molti immigranti inglesi i suoni di jigs e reels, erano suonati sul violino. I musicisti neri portarono l’iconico banjo all’Appalachia e le caratteristiche del blues al mix.

Nel 1948, quello che sarebbe diventato noto come bluegrass è emerso come un genere nell’industria musicale del dopoguerra, un periodo di tempo definito ora come l’epoca d’oro del “bluegrass tradizionale”.

Nel 1948, il bluegrass ha trovato il suo nome ed è stato inserito sotto la voce country/western per la classifica di Bilboard. 

Il nome deriva dalla band dei Blue Grass Boys, formata nel 1939 con Bill Monroe mandolino e chitarra come leader, il chitarrista Lester Flatt, il banjoista Earl Scruggs, il violinista Chubby Wise e il bassista Howard Watts questo motivo Bill Monroe viene definito il “padre del bluegrass“.

Un modo semplice per entrare dentro lo spirito di questa musica è quello di guardarsi O Brother, Where art thou? film prodotto e diretto da Joel and Ethan Coen ambientato nel 1937 nella regione rurale del Mississippi durante la Grande Depressione. 

The Soggy Bottom Boys è il gruppo musicale che serve da fil-rouge per tutto il film. Il nome è un omaggio ai The Foggy Mountain Boys, una bluegrass band composta da Lester Flatt ed Earl Scruggs, quello che sviluppò uno stile a tre dita sullo strumento che permetteva una rapida cascata di note incendiarie che diede il tempo del nuovo suono bluegrass.

Credo che attualmente il miglior bluegrass si trovi in Colorado (noto per il Telluride Bluegrass Festival) ed in North Carolina (per l’altrettanto conosciuto MerleFest). Ascoltando un disco di bluegrass per la prima volta, non sapendo chi suona cosa, si fa fatica ad accorgersi che nelle formazioni non è presente la batteria per quanto incalzante sia il ritmo imposto e gli assoli che si alternano velocemente sovrapponendosi ed intrecciandosi con le voci ed i cori. Le più incredibili cover di canzoni rock, pop sono realizzate da band bluegrass per l’incredibile versatilità che le abilità e gli strumenti consentono alle band di adattarsi a qualsiasi stile. Tra gli interpreti del classico bluegrass sono sicuramente i Sideline from Asheville NC

Sideline è una string band completa: Steve Dilling (banjo), Skip Cherryholmes (chitarra) e Jason Moore (contabbasso) sono i 3 membri fondatori ai quali si sono aggiunti Zack Arnold (mandolino), Jamie Harper (violino) e Jacob Greer (chitarra e dobro) nei 20 anni di carriera hanno calcato più volte il palco del Grand Ole Opry (la “Scala” della musica country) così quello che era iniziato come un progetto secondario si è presto trasformato come principale e hanno così iniziato a registrare e pubblicare album sul serio. Nel 2019, Sideline ha vinto il premio IBMA Song Of The Year con il singolo “Thunder Dan” (canzone Bluegrass #1 in radio).

I Sideline sono la quintessenza del bluegrass, ascoltandoli non si può non fare a meno di innamorarsi di questa musica incalzante, travolgente fatta di canzoni cantate col cuore, intrecci strumentali e vocali da far girare la testa.

Breaks To The Edge, è una raccolta di brani che vanno da canzoni della tradizione a brani originali, il set comprende storie di troubadours come quella del loro singolo “Return To Windy Mountain” e “Southern Wind“, e una classica ballata bluegrass come “Down In The Willow Garden“.

Sul lato più progressive, Breaks To The Edge offre una cover di “Crash Course In The Blues” di Steve Wariner, ma propone anche la classica canzone gospel del sud “I’m Live Again” che mette meravigliosamente in risalto le amalgame vocali di Sideline con 4 voci perfettamente in sintonia.

Breaks to The Edge è il loro quinto album in studio e racconta alla perfezione cosa sia oggi il bluegrass. Se volete avvicinarvi a questo genere musicale i Sideline sono certamente un ottimo punto di partenza e non potrete che innamorarvi dell’ERBA BLU.

Appalachian Road Show – Tribulation

Le radici della musica folk risiedono lontane nel tempo e nello spazio. Tutto ebbe inizio in Europa nella prima metà del 1600 quando i Cattolici inglesi e i Presbiterani scozzesi decisero di colonizzare la regione protestante dell’ulster (Ulster Plantation). Gli irlandesi furono costretti a fuggire nel nuovo mondo e finito di pagare il debito al capitano della nave che li aveva trasportati, si possono cogliere analogie con qualcosa di molto vicino a noi… hanno lasciato la costa dove erano insediate le 13 colonie e si sono trasferiti sui monti Appalachi per vivere di agricoltura e pastorizia.

Questi erano chiamati HLLBILLY da hill collina e billy goats, la capra di montagna (figura rappresentata molto bene da Dinamite Bla della Disney) e scherniti dai «cittadini». 

La musica popolare è nata così con ballate che raccontassero storie (erano al 99% analfabeti) e per il bisogno soprattutto di avere  musica da ballo. L’unico strumento in loro possesso era il violino che hanno incominciato a costruirsi da soli creando il fiddle (dal ponticello piatto e tenuto appoggiato frontalmente sul petto per affaticarsi di meno durante le lunghe sessioni che li vedevano impegnati anche per 4 ore).

Le condizioni sociali degli hillbilly o redneck o cracker erano simili a quelle degli schiavi neri degli stati del sud, con loro soprattutto a cavallo della guerra civile, vi sono stati scambi culturali che hanno arricchito i bianchi di un nuovo sound (sincopato) e di un nuovo strumento il banjo che gli afro americani avevano portato con loro dall’africa che era venuto a conoscenza dei bianchi durante la guerra di secessione (1861-1865). Questo non piaceva ai neri, così verso la fine dell’800 arrivò un nuovo strumento prodotto dalla Martin… aveva 6 corde, costava 1 dollaro e 19 cent e siccome era estremamente difficile esprimere il dolore dell’anima attraverso il suono stridulo del banjo, scoprirono che la chitarra calzava a pennello col genere che i neri stavano sviluppando… il Blues

Appalachian Road Show è un insieme acustico visionario, che offre nuove interpretazioni di tradizionali canzoni americane, bluegrass e folk, oltre a offrire composizioni originali, il tutto legato direttamente al cuore delle regioni appalachiane degli Stati Uniti. Il banjoista candidato al GRAMMY Barry Abernathy, unisce le forze con il violinista Jim VanCleve, vincitore di un GRAMMY, Josh Turner, il mandolinista Darrell Webb, il bassista Todd Phillips, con due vittorie e quattro nomination ai GRAMMY e il chitarrista 23enne Zeb Snyder.

Questo gruppo, ha lo scopo di mettere in luce la cultura e lo stile di vita della musica appalachiana dove è nata la musica Americana attraverso una immersione nella cultura nativa e nelle radici di quel suono. Abernathy è cresciuto vicino all’Appalachian Trail nel nord della Georgia. Sua nonna aveva un banjo e, nonostante fosse nato con un solo dito sulla mano sinistra, a 14 anni imparò a suonare quel banjo. VanCleve, nato in North Carolina ricevette il suo primo violino a sei anni. All’età di dodici anni, con suo padre viaggiavano attraverso le montagne della Carolina del Nord e della Virginia, partecipando a decine di concorsi di violino, festival di bluegrass e festival di musica all’antica. Webb è cresciuto nel paese delle miniere di carbone della Virginia occidentale, dove ha suonato la musica old-time e bluegrass grazie alla passione di suo padre, un minatore di carbone e musicista bluegrass che è deceduto a causa del “polmone nero”  un argomento che ha toccato tante famiglie e che gli Appalachian Road Show affrontano nella loro musica.

La musica Appalachiana e le sue storie hanno costruito una cultura musicale che a volte si è troppo inclini a dimenticare  ed è giusto che venga tramandata alle  nuove generazioni onorando le persone forti e dedite che hanno vissuto su quelle montagne negli ultimi 200 anni. Appalachian Road Show è più un’esperienza culturale che semplicemente una raccolta di brani, raccontano le storie dietro le canzoni, oltre a offrirne di nuove che nascono dall’emozione e dallo spirito della musica tradizionale appalachiana.

La band ha registrato il suo album di debutto nel 2018, Appalachian Road Show e in questo 2020 continuano il percorso intrapreso con Tribulation.

Se abbiamo avuto Johnny Cash, Elvis Presley, Bob Dylan, Woody  Guthrie e tanti artisti che amiamo, dobbiamo ringraziare coloro che hanno dato origine a tutto questo su quelle inospitali montagne creando un mondo di musica, parole ed emozioni che ora grazie agli Appalachian Road Show possiamo rivivere in una versione moderna.

Luke Hendrickson – One Night at the Crystal Lounge

Negli anni ’70 e ’80 un inusuale interesse per la musica country-western e per la cultura che si porta appresso, ha invaso il north-east ed il mid-west degli States. La propagazione della cultura della musica, prevalentemente diffusa nel sud, è incominciata quando durante la WWII la popolazione del sud si è trasferita in massa nelle fabbriche del nord per sostenere ed incrementare la produzione di armi e mezzi militari. Questa è stata la prima infiltrazione della musica country in quelle regioni che ha trovato nuova linfa attraverso le trasmissioni radiofoniche a partire dagli anni 20 dalla Grand Ole Opry e dalle varie presidenze succedutesi, Lyndon Johnson fu il primo presidente “cowboy”, Richard Nixon apparve sul palco alla Grand Ole Opry, ma soprattutto è stato il Georgiano Jimmy Carter che ha propagandato e aiutato a diffondere il suo genere musicale preferito per tutti gli stati uniti grazie al sostegno di molti artisti che hanno realizzato concerti durante la sua campagna elettorale. C’era già stato un tentativo per unificare la country&western music da parte di Bilboard che nel 1949 aveva unificato il folk, il country dell’est e quello dell’ovest in una unica categoria “Country&Western”. Fu però Ronald Regan a sdoganare la figura del cowboy dell’ovest in contrapposizione diretta a Jimmy Carter, un  “redneck” dell’est cosicché accadde che nel 1976 in U.S.A. c’erano 1100 stazioni radiofoniche che trasmettevano Country&Western. Dopo questo lungo preambolo veniamo all’argomnto del giorno: nella regione del mid-west degli stati uniti (comprensiva di 13 Stati) è stata istituita la Midwest Country Music Association con tanto di awards e cantanti e gruppi associati. Da questa scena e contesto culturale nasce la musica del debutto discografico di Luke HendricksonOne Night at the Crystal Lounge”. Luke nativo del Minnesota, parte come bassista Metal, ma i 7 anni trascorsi con il gruppo di Rochester, Minnesota “Luke ‘n Bob Texas” (2010-2017) gli ha dato esperienza e materiale per potersi presentare nel 2020 con un disco interamente a suo nome. Il 2018 ha visto Luke iniziare a suonare da solista e pubblicare l’EP acustico “Comfort Food”, permettendogli un lungo tour in apertura di concerti di altri artisti che in 2 anni gli ha permesso di farsi conoscere ben 24 stati.

La ricetta di queste 11 tracce è semplice Outlaw Country suonato nel rispetto della tradizione, canzoni dirette, fresche immediate di quelle che ti incutono l’obbligo morale di alzare il volume e di muovere qualche passo di danza. Ci vuole leggerezza nella musica, in questo momento più che mai la musica country credo sia la risposta a tutto ciò di cui abbiamo bisogno… bistrattata, trattata come un genere di serie B… se la si lascia scorrere, fluire, se ci si immerge completamente al suo interno non si può che rimanerne per sempre imprigionati e innamorati a vita. Questa musica è la mia colonna sonora ed è l’unica che mi appaga sotto tutti i punti di vista che un genere musicale possa fare. One Night at the Crystal Lounge è tutto questo, grandi cieli blu, storie semplici e un grande caldo abbraccio che unisce il popolo legato a vita ai DUE GENERI.

Hot Buttered Rum – Something Beautiful

I Californiani Hot Buttered Rum festeggiano il loro 20° anniversario con l’uscita del nuovo album Something Beautiful. La musica della band è difficile da classificare, affonda le sue radici sulle colline degli Appalachi riportandola sulla costa Californiana unendo il bluegrass, il folk, il jazz in uno stile che è la quintessenza della musica Americana. Sono cinque talentuosi musicisti basso elettrico, violino, chitarra, banjo, mandolino e batteria il tutto tenuto insieme da impasti vocali unici. 

Come affermato dalla band in una loro recente intervista “In questi tempi insoliti e incerti, ti porteremo quello che chiamiamo” Something Beautfiul ” che speriamo possa far brillare un po’ di luce sulla strada da percorrere e aiutare tutti a farcela insieme mentre superiamo questo periodo.”

Oltre ai 5 componenti vi sono ospiti speciali in studio, tra cui Holly Bowling al pianoforte, Barry Sless alla steel guitar e Alex Sharps al violino.

Nate Keefe ha scritto la canzone “Good One Gone” per riflettere sulla perdita degli amici intimi Andy Goessling di Railroad Earth e del fan Mark Chapman. La canzone si applica alla perfezione alla perdita di persone in qualunque circostanza sia essa avvenuta è questo il significato della musica quando diventa utile per una cosa specifica e le persone la possono usare ed interpretare per il loro bisogno del momento. In questi due decenni di vita di Hot Buttered Rum hanno suonato incessantemente portando in tour i loro album e dando il loro contributo a sostegno di numerose cause sociali. Se è vero che il suono della band è difficile da classificare, è anche altrettanto vero che sia altrettanto facile da amare. La musica di HBR, inventata nel backcountry della Sierra e negli scantinati di San Francisco, si è fatta strada nei cuori, nelle menti e nei corpi dei loro fan a livello nazionale e non solo.

JD Clark & The Stuck in the Mud Band – JD Clark

JD Clark chi è costui? ho cercato on line di saperne qualcosa in più ma nulla di fatto… di lui conosco solo la provenienza Austin TX e il suo eponimo disco che sto ascoltando senza soluzione di continuità. Le sue canzoni hanno storie da raccontare, il sapore del passato, di polvere e di whiskey e ricalcano quel suono che il Texas ha prodotto negli anni 90. JD va diritto alla meta con il suo album di debutto che non comparirà nelle Texas charts invase da uno stile che richiama oramai troppo spesso quello pop-country all’acqua di rose di Nashville, ma riporta tutto ad un suono diretto, schietto e genuino. The Stuck in the Mud Band è composta da veterani di Austin, tra cui Doug Walseth alla chitarra solista e lap steel, Vince Delgado al basso e Felipe Granados alla batteria. Un enciclopedia di come dovrebbe essere un album di Texas-Country, lap steel a profusione, ballate, honky-tonk e una voce lontana dalla baritonalità delle nuove generazioni. Il disco scivola via liscio, con tanto equilibrio e un buon stile compositivo, le storie e le canzoni di JD Clark sono un meraviglioso modo per chiudere gli occhi ed immaginare di essere altrove con l’aria calda e profumata che accarezza il volto ed invade le narici, per trovarsi in un altra epoca, in un’altra realtà, un modo diretto per evadere e lasciarsi andare per 35 minuti in un multiverso di colori e sensazioni completamente appaganti.

Jesse Daniel – Rollin’on

Jesse Daniel viene dalla California, stato molte volte reticente alla musica country, anche se il Backersfield sound sdoganato da Buck Owens è una prerogativa fondamentale dello stile del disco insieme all’Honky Tonk ed alle languide chitarre. Jesse è a tutti gli effetti un cantante country&western e le 12 tracce contenute in questo Rollin’on ne sono la perfetta dimostrazione. Adoro queste sonorità ed ammiro il percorso di Jesse degli ultimi 3 anni vissuti nella più assoluta sobrietà lontano dalla sua ormai trascorsa dipendenza e dal carcere. Le canzoni del disco sono state scritte insieme alla sua compagna e manager Jodi Lyford (la cui voce ritroviamo nei cori) hanno scritto molte canzoni traendo ispirazione dagli album di Doug Sahm e Jim Lauderdale. Le canzoni trattano dei problemi personali e di vita e della coppia, la produzione affidata a Tommy Detamore (artefice di dischi diventati icone della musica country) e registrato al Cherry Ridge Studios in Floresville, TEXAS  è stata davvero una scelta vincente. Jesse afferma che oramai era “fuori dalla tempesta”, che viaggiando molto per il tour del primo album che lo ha portato ad incontrare ed aprire concerti per artisti famosi, ha conosciuto persone che hanno dovuto affrontare ostacoli proprio come lui e che  il tono di questo disco è stato proprio modellato da quegli ostacoli in modo positivo “Rollin ‘On” incarna proprio la sensazione di andare avanti, di potercela fare e sentiva che per migliorare avrebbe dovuto portare a compimento il suo lavoro Per fare questo ci hanno pensato i suoi fans che su KICKSTARTER hanno raccolto la bellezza di 23.675 $ per aiutarlo a realizzare questo progetto. Per citare un film a me molto caro direi che Jesse Daniel “Ha visto la luce” attraverso la musica country che gli ha trasformato completamente la vita e che aiuterà chiunque abbia la voglia e la pazienza di ascoltare questo Rollin’on, a vedere quella luce che solo la musica dei “due generi” è in grado di generare e mi auguro che cambi la prospettiva a tanti.

Porter Union – Loved & Lost

Il duo è una istituzione della musica dei due generi, ricordiamo coppie che hanno scritto pagine indelebili della musica country, per citarne una su tutte Willie Nelson e Waylon Jennings. L’importanza del duo è una istituzione, attraverso due personalità, due voci e due prospettive diverse, la canzone assume una dimensione tridimensionale, le emozioni e le storie raccontate vengono rafforzate ed amplificate. Ecco perché nei premi annuali di qualsiasi tipo c’è una importante categoria dedicata ai duo e alle collaborazioni. Ultimamente c’è chi nell’industria di Nashville ha giocato molto con questa classificazione così da fare incetta di premi laddove il solista non sarebbe potuto arrivare. C’è per fortuna chi in questa tradizione del duo country ci crede ancora profondamente ed è proprio il caso di Porter Union costituiti da marito e moglie, Cole Michael Porter e Kendra Porter, il risultato delle due anime che hanno trascorso gran parte dell’ultimo decennio viaggiando insieme per il paese per suonare la loro musica ovunque dai bar, ai festival e teatri. Cole e Kendra si sono incontrati per caso in un bar di Springfield, MO, la loro città natale, si sono innamorarti e il loro amore e la loro sintonia è cresciuta scrivendo e suonando insieme. La loro è una storia a parte, una fiaba però reale, nella loro musica non c’è posto per i brani sovraprodotti e pieni di stereotipi. Il loro è un approccio onesto al songwriting combina temi emotivi semplici con un suono country tradizionale bello sano, vero e granitico. Tutto il contrario dei Florida Georgia Line tanto acclamati dall’Establishment… ma vi siete mai chiesti quale sia il ruolo del biondo! Un po’ come il fenomeno degli 883 in italia… sempre con lo stesso interrogativo su cosa facesse davvero il biondino…

Questo loro Sophomore album Loved & Lost è ricco di temi cari alla musica country, ballads, honky tonk e outlaw… è  pubblicato in modo indipendente, nonostante siano saliti all’onore della ribalta grazie all’apparizione nel Network’s singing competition Real Country, dove sono stati selezionati personalmente da una leggenda del country come Travis Tritt per competere nella sua squadra. Loved & Lost è una canzone ben scritta dopo l’altra, nonostante oramai purtroppo l’anacronistica lunghezza di 13 brani, il disco non cade mai di tono, le emozioni si sovrappongono e il pathos e la tensione emotiva e compositiva crescono di continuo canzone dopo canzone. Sono canzoni che raccontano storie di rapporti che hanno scossoni, momenti belli e momenti difficili ma che poi nella vita come nelle armonie vocali della coppia diventano unione e Porter Union è proprio quel duo che riesce a rendere univoca la loro musica a tal punto che magicamente due diventano uno.

The Panhandlers – The Panhandlers

Negli anni. soprattutto all’interno della musica dei due generi, si sono affacciati al pubblico ed al successo numerosi Supergruppi un po’ come è accaduto nei fumetti con i Titans della DC e gli Avengers della Marvel,  gli Highwayman (Johnny Cash, Waylon Jennings, Willie Nelson, and Kris Kristofferson), The Traveling Wilburys (Bob Dylan, George Harrison, Jeff Lynne, Roy Orbison and Tom Petty), il Trio (Dolly Parton, Emmylou Harris and Linda Ronstadt) e ultimamente in risposta agli Highwayman The Highwomen (Brandi Carlile, Natalie Hemby, Maren Morris, and Amanda Shires) sono stati tra gli ensemble più clamorosi. Ma il più rilevante Supergruppo del momento è sicuramente quello costituito da Josh Abbott, John Baumann, William Clark Green, and Cleto Cordero formatisi al confine tra Oklahoma, dove sono stati piantati nella sua terra rossa i semi del Red Dirt e Texas dove il Country si è sviluppato con un suono tutto suo. La regione dove il gruppo ha deciso di costituirsi è il cosiddetto Panhandle (in gergo quell’appendice di uno stato che “sconfina” le rette perfette che delimitano gli stati degli U.S.) quell’enorme rettangolo di terra piatta che funge da canna fumaria allo stato della Lone Star. Per questo e per altre 1000 ragioni hanno deciso di prendere il nome di Panhandlers. Il loro è un chiaro omaggio ad un altro Supergruppo del passato The Flatlanders (Jimmie Dale Gilmore, Joe Ely and Butch Hancock) provenienti da Lubbock. I due più conosciuti al di fuori della circoscrizione Texas-Oklahoma sono Josh Abbot Band e William Clark Green. Cleto Cordero sta ottenendo un grande successo partendo da Lubbock (patria di Buddy Holly) con i suoi Flatland Cavalrys e l’emergente John Baumann. L’album, prodotto da Bruce Robison, è una raccolta di canzoni sulla vita nella regione del Panhandle ed ha lo scopo di far conoscere il quartetto a un pubblico più ampio al di fuori del solito circuito. Il suono che ne scaturisce è meraviglioso, registrato in old-fashioned style su nastro analogico rilascia il calore unico di questo genere che può venire assaporato al meglio proprio così tra legno, un microfono e tracce analogiche. Tutto è iniziato come una Cover Band che col tempo si è trasformata in una esperienza di songwriting ed i pezzi sono stati volutamente registrati “bare-bones” (ridotti all’osso).

I Panhandlers sono i cosiddetti vagabondi del Texas, in questo caso però ad essere solitarie sono le canzoni, brani del West Texas, con quell’atmosfera di vento, polvere e tumbleweeds (i classici cespugli che rotolano nel deserto). Ogni canzone racconta e dipinge immagini come di una vecchia cartolina con lo sfondo del Panhandle. Il suono che ne scaturisce è sciolto, caldo, avvolgente, è quella sensazione bella di essere circondati solo da cose essenziali, quel suono vero e puro e quelle storie semplici, tutti elementi dei quali nella mia vita in questo momento desidero circondarmi. Suoni puliti, niente ampli, niente computer solo il suono della musica e della voce così come dovrebbe essere. Il disco perfetto per Country Bunker dove sono queste le atmosfere predominanti che desidero e voglio ascoltare e trasmettere. Un disco straordinario che per chi non conosce i due generi e per chi invece già li ama sarebbe un acquisto sicuramente doveroso.

Cup O’Joe – In the Parting

I Cup O’Joe sono composti dai fratelli Benjamin, Reuben e Tabitha Agnew rispettivamente al basso, chitarra e banjo, vengono dalla Armagh Country in Irlanda e la loro è una miscela raffinata di folk e bluegrass che trae ispirazione dalle radici di questa musica direttamente dalla terra da dove, coloro che l’hanno creata, sono partiti più di 300 anni fa per raggiungere il “nuovo mondo”. Fanno musica fin da bambini e suonano gli strumenti tradizionali utilizzando le loro armonie vocali per rendere speciali le loro canzoni. Il gruppo ha iniziato a suonare in spettacoli in Irlanda e nel Regno Unito a cui hanno fatto seguito esibizioni in festival più grandi in tutta Europa, pubblicato un EP intitolato Bluebirds nel 2016, nel 2017 sono stati il primo gruppo non statunitense a cui è stato chiesto di suonare sul palco giovanile all’IBMA a Raleigh, in North Carolina. La famiglia si è ultimamente allargata con l’ingresso del marito di Tabitha, David Benedict (Mile Twelve) che si unisce a loro con il suo mandolino. In the Parting contiene 9 nuove canzoni originali e una tradizionale, il loro è un suono originale che mi ha fatto innamorare fin dal primo ascolto, c’è quella magia della loro terra d’origine che fa in modo che gli spigoli del bluegrass vengano addolciti rendendo le loro ballate avvolgenti e ammalianti. Per la realizzazione di questo disco si sono uniti ai tre fratelli lo stesso David Benedict e al violino da Niall Murphy (Cara Dillon) e altri altri ospiti speciali. Un 2020 che si apre nel migliore dei modi con un Tour annunciato che li vedrà sui palchi d’Europa e degli Stati Uniti.

Micky & the Motorcars – Long Time Comin’

Micky, il più giovane dei 4 fratelli Brown è salito per la prima volta sul palco quando aveva circa cinque anni,  per unirsi alla band di famiglia, i Muzzie Braun and the Boys (arrivati a suonare al Grand Ole Opry) . Proprio in quella grande sala da ballo a Stanley, nell’Idaho, i fratelli Brown hanno incominciato a suonare. I fratelli maggiori Cody e Willy hanno formato i Reckless Kelly, mentre Micky e Gary hanno lasciato l’Idaho per Austin e hanno dato vita a Micky and the Motorcars. Long Time Comin è il loro 7° album in studio e racconta 11 storie fatte di terra rossa e di Texas Country, di strade polverose, di amori perduti e di vita di paese. Road To You se chiudo gli occhi mi trasporta dentro un road-movie, malinconica, meravigliosa ed empatica. Rodeo Girl mi fa assaporare l’atmosfera del cuore del Texas mentre il mid-tempo di Alone Again Tonight non mi lascia scampo, l’ascolterei a rullo! Lions Of Kandahar è un racconto dal fronte, la batteria è un battito cardiaco che sottolinea l’intensità delle scene di guerra e quello che si prova ad essere lì regalando forti emozioni toccando alla fine il tema del Post-traumatic stress disorder (PTSD) al loro ritorno a casa. All Looks The Same è una lenta ballad con la linea segnata dall’armonica a bocca, una di quelle che ci si aspetta di ascoltare seduti intorno ad un fuoco da campo. Dopo due brani it tempo torna ad aumentare prima con Thank My Mother’s God’ che rende omaggio alle madri e ai loro sascifici, per proseguire con Break My Heart. Ancora l’armonica protagonista di una straziante ballad dal titolo Run Into You. Con Stranger Tonight si ricollegano le chitarre elettriche che rimangono allacciate anche nella splendida Hold This Town Together nella sua più cristallina accezione di Red Dirt. L’album si conclude con Long Time Comin’, Micky ci dice “carpe diem”, alla fine tutto si sistema. Sono passati ben 5 anni dal loro precedente album e i M&TM sono ancora cresciuti così come la partecipazione più massiccia di Gary alla scrittura delle canzoni. Red Dirt, Alt-Country… insomma “Americana” a tutti gli effetti per un gran bel disco che è già entrato nei Backstreets Music Awards del 2019.

An American Forrest: O Bronder, Donder Yonder?

O Bronder, Donder Yonder? è un disco meraviglioso è un racconto di un uomo che ha trovato la sua connessione con i grandi spazi americani che lo avvolgono. Forrest Van Tuyl – che è An American Forrest – è un cowboy moderno che trascorre sei mei all’anno a guidare mule-train nelle regioni selvagge del nord-est dell’Oregon, questo disco, meglio di qualsiasi film western, o dei romanzi di Cormac McCarthy, mi trasporta nel deserto americano e mi fa realmente provare cosa si provi a vivere lì come in Burnin’ Starlight dove Forrest racconta di cavalcare nel buio più assoluto affidandosi solo al proprio cavallo che sa dove andare. O Bronder, Donder Yonder? ha il sapore romantico, antico, i colori seppiati dei racconti di altri tempi: Lady Godiva (song straordinaria), Yonder My Love e Pendleton Overcoat sono canzoni d’amore come se ne trovavano nell’outlaw country anni ’70, l’uso dei pochi strumenti e il modo di Van Tuyl di cantare sono pura poesia per l’anima che si ritrova a cavalcare per gli enormi spazi aperti senza preoccupazioni, senza paure, senza fretta, senza l’ansia dalle quali ogni giorno mi trovo mio malgrado avvolto e oppresso. Un disco che mi permette di respirare a pieni polmoni e di inebriarmi di quella libertà che una parte di me vorrebbe vivere tutti i giorni e che l’altra ha paura di affrontare. I testi, scritti nel gelido inverno trasformano i ricordi della buona stagione in straordinarie canzoni, elevandole ad un livello superiore e la band su Sam’s House, Rawhide, Pretty Good Divide, Yonder Mountain e Dark to Dark li fa raggiungere vette musicali inarrivabili evocando immagini e sensazioni da brividi di emozione e commozione. Questo O Bronder, Donder Yonder? è la quintessenza del country-western, una pietra miliare della musica del terzo millennio alla quale tutti i songwriter e band dovrebbero abbeverarsi cosi come faccio io tutti i giorni, per chiudere gli occhi e sognare terre e storie che mi fanno stare davvero a meraviglia.

Dallas Moore: Tryin’ To Be A Blessing

Dallas Moore è un outlaw country singer-songwriter nato a Cincinnati e trasferitosi in Texas, nel 2018 è salito sul palco per un totale di 337 concerti in giro per gli Stati Uniti e la sua media è comunque sempre superiore alle 300 date annuali. Dallas è un animale da palcoscenico, una iconica figura da outlaw, barba lunga, cappello calato in testa e voce roca e profonda con l’honky-tonk che scorre nelle vene e melodie trascinanti da dancefloor. Da 20 anni racconta storie di gente semplice, si diverte e fa divertire. La gente lo ama perché, come la maggior parte dei cantanti country, è uno che viene dalla gente e restituisce alla gente l’affetto che riceve a piene mani. La perdita nell’ultimo anno di entrambi i genitori (a poca distanza l’uno dall’altro), la lontananza da casa dove ad attenderlo ha una moglie e una figlia di due anni, lo hanno portato in questo ultimo album Tryin’ To Be A Blessing a comporre testi più intimi, un disco quasi autobiografico dove ai racconti delle storie di gente comune si sono aggiunte le sue vicende personali. L’album apre con Mama & Daddy  un omaggio ai suoi genitori, mentre Everything But You racconta della fatica per l’assenza forzata da casa lontano dalla sua famiglia, nella title track Dallas, trovandosi la domenica mattina a riflettere sul sabato sera di Mr. Honky-tonk, guarda dentro di sé e cerca di essere una benedizione per la vita, l’amore e la religione. L’album è chiuso da Lodi, una cover dei CCR, un gran bella versione ed un bel omaggio all band. Tryin’ To Be A Blessing non delude, è un grande album di musica country e Dallas Moore si conferma ancora di più una leggenda moderna della musica che adoro.

Whiskey Myers: Whiskey Myers

I Whiskey Myers si sono formati nel 2007 e hanno pubblicato il loro primo album nel 2008. La band ha goduto di una improvvisa popolarità in USA quando le loro canzoni sono state presentate nella serie TV Yellowstone di Kevin Costner. Questo è il loro quinto disco in studio. Ho sempre amato la capacità di Whiskey Myers di raccontare storie con le loro canzoni ma nello stesso tempo riuscendo sempre a rimanere fedeli ad un suono classico. La musica country è cambiata tanto nell’ultimo decennio, rap, pop, elettronica sono diventati elementi imprescindibili per tanti artisti per poter scalare le classifiche ed entrare nelle programmazioni radiofoniche, ma Cody Cannon e i suoi si distaccano dalla massa e stimo davvero chi come loro combatte e continua a rimanere duro e puro. Bitch mette nero du bianco il loro punto di vista: “Stanco della radio, gli stessi vecchi testi, show tutto fumo, questo è il paese che tutti conosciamo, tailgates e strade secondarie, la solita merda in giorni diversi, non è mai cambiato nulla, vorrei che tu sappia che sei ancora una cagna nel mio libro”. Country. Americana ma soprattutto tanto Southern Rock,  non c’è niente di meglio quando l’inverno si avvicina e abbiamo bisogno di aumentare la circolazione sanguigna per riscaldarci. Whiskey Myers mi esaltano, mi fanno tenere il ritmo, mi fanno pensare… confido che i  ragazzi continuino a rimanere fedeli al loro suono, fortunatamente per noi non sembra che abbiano intenzione di seguire le orme di «altri» svendutisi vergognosamente al dio denaro, sono seriamente intenzionati a sventolare la gloriosa bandiera del southern-rock!

Chris Jones and The Flycatchers: Songs for red

Tanta americana, un pizzico di rock’n’roll e una buona dose di songwriting. Questa è la semplice ricetta proposta da Chris Jones and The Flycatchers, band dell’Oklahoma che ha appena rilasciato il suo debut album dal titolo Songs for red. Chris è cresciuto in una famiglia di musicisti, la scelta più difficile è stata quella di abbandonare la batteria per dedicarsi, negli anni del college, alla chitarra, strumento con il quale ha scritto le sue canzoni per eseguire le quali ha dovuto inventarsi e costruirsi un gruppo tutto nuovo, The Flycatchers. La differenza tra Songs for red e le altre decine di dischi simili è che suona maledettamente bene, l’album scorre liscio, senza forzature alternando ballate, pezzi più tirati e accenni di country con assonanze di Ryan Adams e The Wallflowers. 10 canzoni scritte come si deve con tutto il rispetto e l’amore per la musica, alla ricerca di quel suono perfetto ed equilibrato che rende l’ascolto più che mai piacevole. La musica non è razionalità, come l’amore e l’amicizia è fatta di sensazioni, è un fatto di pancia… e la mia mi dice che Songs for red è un amico sul quale posso contare.